TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Michael Winarsky: la rappresaglia russa preoccupa il Kazakistan

Strani panorami si sono presentati all’annuale Forum economico internazionale di San Pietroburgo a giugno. Il forum, che dovrebbe rappresentare una sorta di “Davos russa”, quest’anno è stato dedicato a dimostrare che la Russia non è affatto isolata, ma che tutto “funziona come al solito”. Ciò nonostante le sanzioni punitive occidentali imposte alla Russia dopo l’annessione della Crimea nel 2014.

Ma i ranghi degli investitori stranieri e dei leader statali si sono ridotti ogni anno. All’incontro di quest’anno era evidente il crescente isolamento della Russia: nessun leader occidentale ha partecipato. Tra i più famosi c’erano invece il leader fantoccio della repubblica separatista occupata dalla Russia a Donetsk e un rappresentante di basso rango dei talebani in Afghanistan – che in Russia è ancora classificato come gruppo terroristico.

Uno dei pochi leader del Paese Era presente il presidente kazako Kassym Zgomart Tokayev, ma questa è stata una piccola consolazione per la leadership russa. Al contrario, Putin ha avuto uno slancio freddo.

Nel corso di un discorso durato circa un’ora, Putin ha presentato la sua tesi secondo cui l’Occidente soffre di più delle sanzioni e che l'”operazione militare speciale” in Ucraina è del tutto legale e procede del tutto secondo i piani. Putin ha affermato che l’operazione russa aveva lo scopo di proteggere i russofoni a Donetsk e Luhansk.

Le dichiarazioni di Tokayev a San Pietroburgo non erano coerenti con la visione del mondo di Putin.

Le dichiarazioni di Tokayev a San Pietroburgo non erano coerenti con la visione del mondo di Putin.

Foto: TASS

Durante la successiva tavola rotonda con Putin, moderata da Margarita Semongan, capo della radio di stato RT, Tokayev ha annunciato che il Kazakistan avrebbe continuato a rispettare le sanzioni occidentali contro la Russia. Ma non solo: Tokayev ha detto che il Kazakistan – a differenza della Russia – non riconoscerebbe le “repubbliche popolari” separatiste di Donetsk e Luhansk, che chiamava “semistati”.

Era evidente quanto fosse sconvolto Putin quando la sua controparte kazaka rifiutò la politica russa in Ucraina. Forse Putin non è mai stato sfidato prima d’ora a contraddire apertamente il leader di un altro paese dalla stessa piattaforma.

Era evidente quanto fosse sconvolto Putin quando la sua controparte kazaka rifiutò la politica russa in Ucraina. Forse Putin non è mai stato sfidato prima d’ora a contraddire apertamente il leader di un altro paese dalla stessa piattaforma.

Troppi residenti Il contrattacco di Tokayev contro Putin è arrivato inaspettato. All’inizio di gennaio, un mese prima dell’invasione russa dell’Ucraina, la Russia ha inviato una task force di “mantenimento della pace” in Kazakistan per aiutare a sedare le rivolte innescate dai prezzi elevati del carburante. Più di 200 persone sono state uccise negli scontri con l’esercito.

Forze di sicurezza alle proteste in Kazakistan.

Forze di sicurezza alle proteste in Kazakistan.

Foto: TASS

Dal punto di vista di Mosca, l’intervento russo ha salvato il regime di Tokayev. Tuttavia, quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, il governo di Nur-Sultan non ha mostrato la dovuta gratitudine ed entusiasmo e si è dichiarato neutrale. Presto arrivò la risposta attesa da Mosca: una serie di interruzioni nell’oleodotto dal Kazakistan alla Russia.

Questo non è stato il caso subito dopo l’intervento russo. Agendo come un risoluto garante della sicurezza, la maggior parte ha notato che Mosca aveva consolidato la sua influenza in un’altra ex repubblica sovietica. Allo stesso modo in cui il regime di Lukashenko in Bielorussia ha subito pressioni per diventare più filo-russo dopo che Mosca lo ha salvato dalla rivoluzione popolare nell’agosto 2020.

Pertanto, molti presumevano che gli equilibri di potere in Asia centrale sarebbero rivolti a favore della Russia di fronte a una Cina in espansione. Dopo il ritiro della scorsa estate dall’Afghanistan, gli Stati Uniti hanno in gran parte lasciato la regione.

Ma dopo sei mesi L’influenza della Russia nella regione strategicamente situata si sta rapidamente indebolendo. È una diretta conseguenza dell’invasione dell’Ucraina, in cui la Russia ha mostrato le sue zanne vendicative, ma allo stesso tempo ha messo in luce la debolezza dell’esercito russo.

Non era inverosimile vedere che il Kazakistan aveva molto in comune con l’Ucraina. Entrambi hanno regioni a maggioranza russa che i nazionalisti russi considerano parte della Russia; In Ucraina, compreso il Donbass, e in Kazakistan le parti settentrionali sono talvolta chiamate “Siberia meridionale”.

Kasim Zgomart Tokayev.

Kasim Zgomart Tokayev.

Foto: TASS

Proprio come Putin ha negato il diritto dell’Ucraina di esistere come paese indipendente, ha chiarito che vede il Kazakistan come uno stato artificiale. La risposta di Putin a Tokayev è stata franca: “Cos’è l’Unione Sovietica? La Russia era storica”:

È un argomento – come in Ucraina – che può essere utilizzato per giustificare l’annessione russa.

Così è I paesi dell’Asia centrale – Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan e Turkmenistan – stanno ora cercando di prendere un braccio da Mosca. Ecco perché i vertici dei cinque Paesi si sono incontrati il ​​21 luglio – senza una presenza russa – per discutere della nuova situazione geopolitica e del rapporto con la Russia.

READ  Fotocamera rubata trovata - Soldati russi catturati