TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Maxim è uno di quelli infettati dal vaiolo delle scimmie: ‘Non riesco a capire’

Questo è arrivato il 19 maggio Il primo caso di vaiolo delle scimmie in SveziaÈ una malattia insolita i cui sintomi sono un’eruzione cutanea simile a un brufolo sul corpo e un malessere generale. Monkeypox, in inglese chiamato monkeypox, si verifica nell’Africa occidentale e centrale, dove la malattia è endemica da tempo. Ma quest’anno sono stati segnalati più di 3.000 casi di vaiolo dall’Europa occidentale.

Il 26 giugno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha dichiarato che l’epidemia non era una crisi sanitaria globale, ma lo sviluppo era preoccupante. Per saperne di più qui.

Notizie 24 In precedenza ho parlato con il primario di Come è iniziata la diffusione del vaiolo?. La paura del contagio si diffonde a macchia d’olio, ma poche vittime ne hanno parlato pubblicamente. qualcosa di simile a Maxim Sabozhnikovfashion producer e blogger italiano, vuole un cambiamento.

Ecco come ci si sente ad avere il vaiolo delle scimmie: ecco i sintomi

Il 19 giugno Maxim Sabozhnikov, che vive in Italia, ha iniziato ad avere fame e febbre. Dopo una pandemia durata quasi due anni, inizialmente è stato sospettato di avere il covid-19 ed è risultato negativo. Tre giorni dopo, quando la febbre si è calmata, ha scoperto un piccolo brufolo su un dito, che è solo diventato più grande e più vaiolo simile a una vescica si è diffuso su tutto il corpo.

Presto, vesciche dolorose si diffusero sul viso, sulla clavicola e sulle gambe e Maxim si ammalò di diarrea.

Maxim ha chiamato il suo medico che gli ha consigliato di fare un test del vaiolo delle scimmie, in cui ha dovuto prelevare campioni dalla gola e dall’eruzione cutanea. Il 23 giugno è stato informato di avere il vaiolo delle scimmie, riportato tra gli altri da Sky News.

Maxim con vaiolo delle scimmie: “Cattive notizie”

Maxim Sabozhnikov non era del tutto sicuro di voler dire ai suoi quasi 160.000 follower su Instagram che il risultato era positivo. I suoi amici pensavano che suonasse come una cattiva idea e che rischiava di diventare noto come “The Monkey Man”. Ma Maxim pensava che la cosa più importante fosse rompere lo stigma e la vergogna sorti intorno all’infezione.

READ  I ricercatori del KI hanno assegnato il Premio Regnell per un articolo sui meccanismi di protezione negli attacchi di cuore

– Ho brutte notizie. “Ho il vaiolo delle scimmie”, ha detto in un video sul suo account Instagram che mostrava il vaiolo.

– Non riesco a capire che questo stia succedendo a me, che sono una delle circa 3.000 persone al mondo che sono state ufficialmente infettate per prime.

“Lo stigma non dovrebbe rappresentare una minaccia per la nostra salute”

Lo stesso Maxim era spaventato dalle immagini che si diffondevano sui boccali delle scimmie nei media e si sentiva solo. Ora ogni giorno condivide come si sente e quali sono i suoi sintomi, con l’obiettivo di aumentare la conoscenza dell’infezione e far sentire meno sole le altre persone infette.

– L’importante è che la persona sia malata e abbia bisogno di aiuto, e se la persona è esattamente la stessa senza sapere cosa puoi chiedere aiuto, allora la persona si ammalò molto, dice Maxim a Sky News.

Al momento in cui scrivo, Maxim si è autoisolato a casa sua fino alla scomparsa dei sintomi o fino a quando non è guarito dall’infezione. Qualcosa che di solito richiede due settimane, a seconda canale tv.

Maxim Sabozhnikov non sa come o chi abbia contratto il vaiolo.

– Sono convinto che non ci sia una malattia imbarazzante. In una delle storie ha scritto che lo stigma non dovrebbe rappresentare una minaccia per la nostra salute e sicurezza.