TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Märta Stenevi ha condiviso la vita quotidiana con le sue mamme a Skäggetorp

Copia cartacea da Dagens Nyheter, 2022-04-17 12:04

Titolo dell’articolo originale: https://www.dn.se/sverige/mammorna-i-utsatta-skaggetorp-delade-sin-vardag-med-mp-toppen/

collegamento. Dividi la mia vita quotidiana in un giorno. Sono preoccupato. Questo è ciò che Sainab Musa, madre di sei figli, a Skagittorp, che ha subito violenze, ha detto al leader del partito svedese.

Sì, ha detto la portavoce del Parlamento Marta Steneve. Ha portato le sue guardie da Sabu a vivere per 24 ore nell’area dove i langur nascondono le loro droghe nel cortile dell’asilo.

Questo è un articolo chiuso. Accedi come abbonato per continuare a leggere.


registrazione

foto 1 dalle 23
La temperatura nell’angusta sala sale quando le mamme di Skäggetorp e Märta Stenevi iniziano giustamente a ballare al ritmo della musica somala e araba.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 2 dalle 23
Dopo un’intensa giornata a Skäggetorp, Marta Steneve e l’addetta stampa Frida Farlin tirano un sospiro di sollievo sul divano dell’appartamento di Skäggetorp, dove presto dormiranno e dormiranno.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 3 dalle 23
Fa buio su Skäggetorp. Presto iniziano le fredde notti che Sainab Musa teme, quando più criminali vengono visti all’esterno e diventano più aggressivi nel loro reclutamento.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 4 dalle 23
Su un muro della sede della Federazione delle Madri del Mondo a Skäggetorp ci sono molti appunti mentre le madri annotano le percezioni che hanno sulla loro zona.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 5 dalle 23
Saynap Musa, 37 anni, madre di sei figli, è recentemente diventata cittadina svedese e per la prima volta potrà votare alle elezioni parlamentari svedesi. Si interessa di politica e di solito segue il webcast del consiglio comunale di Linköping.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 6 dalle 23
Hamdi Barrow prepara l’impasto per l’injera – un tipo di frittella acida – ampiamente consumata in Somalia, Etiopia ed Eritrea.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 7 dalle 23
Marta Steneve e la sua addetta stampa, Frieda Farlin, si occupano del cibo. Le mamme di Skäggetorp hanno sentito che gli ambientalisti sono vegetariani e hanno adattato il buffet di conseguenza.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 8 dalle 23
Marta Steneve ascolta la figlia di otto anni di Sinab Musa, Naima, che legge ad alta voce “Diamantjakten” di Mats Weinblad, che ha preso durante una lezione di lettura.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 9 dalle 23
Quando Marta Steneve bussa alla porta di un’aula con studenti SFI a Linköping, alcune donne colgono l’occasione per farsi un selfie con l’oratrice del parlamento.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 10 dalle 23
Marta Steneve ascolta come una studentessa svedese per immigrati a SFI piange. “Vivo in Svezia da dodici anni. Dodici anni! E sono ancora seduto qui a SFI”, dice Sarina, fuggita dall’Iran (non Sarina nella foto).

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 11 dalle 23
L’autobus urbano numero 5 porta Saynab Muse da Skäggetorp alle lezioni SFI nel centro di Linköping. Sull’autobus, ho parlato con Märta Stenevi di quanto sia difficile cadere nella SFI, anno dopo anno, senza entrare nella vita lavorativa.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 12 dalle 23
“Skäggetorp fa parte della Svezia”, afferma uno dei manifesti di protesta realizzati da bambini e madri. Il poster proviene da una manifestazione dopo che un membro di Bandidos di 30 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nel bel mezzo della giornata, mentre stava mangiando in una griglia nel centro di Skäggetorp.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 13 dalle 23
Un ragazzo trova la pace in grembo a Sainab Musa allo Skattegården Kindergarten di Skäggetorp. Marta Stenevis Sapofactor ha portato via l’ufficio postale nell’atrio.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 14 dalle 23
Fiori e candele dopo l’omicidio di Fresh Kolgrill, a poche centinaia di metri dall’asilo, nell’agosto dello scorso anno.

Foto: Magnus Hallgren

foto 15 dalle 23
Nasra di tre anni nella sua nidiata a Skattegården a Skäggetorp. I dipendenti sono costretti a fare il pendolare nei giorni feriali poiché i venditori ambulanti nascondono le loro droghe nel cortile della scuola materna e dove i bambini potrebbero dover rimanere a casa mentre la polizia insegue i serial killer.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 16 dalle 23
“Dovresti uscire un po’ di più dalle tue macchine, conoscerci!” Dice Sainab Musa (in uno scialle rosso) all’agente di polizia esterno Thorbjörn Fransson. Sainab Musa crede che più persone oseranno testimoniare contro le bande di Skäggetorp se conoscessero meglio la polizia. Thorbjorn Franson è d’accordo.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 17 dalle 23
Roulotte nel centro di Skäggetorp. Prima vengono Sera Jokkinen Liseh e Sainab Musa, attivisti di MWS. Poi arriva il portavoce del Parlamento e giornalista di DN. Poi diverse madri – e infine due guardie del corpo di Sabo.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 18 dalle 23
“No, neanche tu hai trovato un lavoro estivo? Nessun adolescente di Skäggetorp lo ottiene! Perché è così?” Sayeb Musa incontra Khaled, 17 anni, e bolle di frustrazione. Crede che i giovani di Skagittorp stiano attraversando un periodo più difficile rispetto ai bambini di altre parti di Linköping.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 19 dalle 23
“I bambini crescono e vengono uccisi e assassini. È frustrante, perché sappiamo come possiamo impedirlo”, ha detto la portavoce della Rep. Marta Steneve quando è stata interrogata da SVT. Soluzione in pietra: più soldi per bambini in età prescolare e scuole.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 20 dalle 23
Zachary, figlio di Sayeb Musa, dipinge una casa e un diamante. Ha intenzione di consegnare il disegno a Marta Steneve.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 21 dalle 23
Sayeb Moussa, Rafah Atassi e Hamdi Barrow di Mothers of the World hanno salutato Marta Steneve dopo che la portavoce del parlamento ha trascorso una giornata a Skagittorp.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 22 dalle 23
Addio – addio. Marta Steneve e Synap Musa si abbracciano e giurano di rimanere in contatto. Märta Stenevi ha l’idea di invitare Sainab Musa e le altre madri Skagittorp al Riksdag.

Fotografia: Alexander Mahmoud

foto 23 dalle 23
Dopo 24 ore a Skäggetorp, la portavoce del Parlamento, Marta Steneve, raccoglie la sua valigia e inizia il suo viaggio verso casa, verso la sua famiglia a Malmö.

Fotografia: Alexander Mahmoud


READ  Tariq 24: Grazie a Dio eravamo vivi