TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Malaalal in India: come mussola, puoi contare sulle molestie dei nazionalisti indù

Saadia Sheikh è spesso indicata come la Malala indiana, in riferimento all’attivista per l’educazione pakistana e premio Nobel Malala Yousafzai, 24 anni. Saadia Sheikh è un’attivista che fa campagne per l’istruzione delle ragazze e raccoglie fondi attraverso i social media per aprire biblioteche nei villaggi rurali. Ha ricevuto numerosi premi ed è diventata un modello per i giovani musulmani.

Se riesco a ispirare le persone a fare qualcosa di buono, ne sono orgoglioso, afferma Saadia Sheikh.

È ansiosa di confermare Che le biblioteche per cui raccogli fondi dovrebbero essere utilizzate da tutti, indipendentemente dalla religione. Crede che dovrebbe essere anche l’ovvio punto di partenza per i politici indiani.

Saadia Sheikh afferma che gli attacchi ai musulmani aumentano ogni giorno, anche sui social media.

Foto: Beatrice Luneburg

La politica in India si è trasformata in una guerra con la religione come arma. La polarizzazione è aumentata. Non tutti meritano così tanto. Saadia Sheikh dice che è accettabile molestare i musulmani e nessuno interferisce.

In effetti, penso che la maggior parte delle persone voglia vedere un’azione politica volta a creare un futuro migliore per i giovani del Paese. L’obiettivo dovrebbe essere quello di investire nell’istruzione, nell’assistenza sanitaria e nella creazione di posti di lavoro. Ciò che sta accadendo ora non fa che aumentare la paura nella società.

Quando incontriamo Saadia Sheikh In un vivace ristorante nel quartiere Santa Cruz di Bombay, indossa un lungo abito bordeaux e un velo argentato.

Saadia Sheikh ha detto:

“In effetti, penso che la maggior parte delle persone voglia vedere un’azione politica volta a creare un futuro migliore per i giovani del paese”, ha affermato Saadia Sheikh.

Foto: Beatrice Luneburg

Coprendomi la testa, vengo automaticamente frainteso. Sono classificata come madre e incapace di prendere le mie decisioni. Posso contare su insulti come “tornare a casa in Pakistan”, ha detto.

Saadia Sheikh afferma che gli attacchi ai musulmani aumentano ogni giorno, anche sui social media. Diverse tempeste di odio hanno attirato molta attenzione ultimamente.

Quando l’India in ottobre inaspettatamente Perdendo una partita di cricket contro l’arcinemico Pakistan, su Twitter e Instagram sono scoppiati attacchi contro l’unico giocatore musulmano indiano, Muhammad Al-Shami. È stato accusato di scarso gioco nel permettere al Pakistan di vincere. Allo stesso tempo, sostenuti da leggi antiterrorismo, studenti musulmani sono stati arrestati in India per celebrare la vittoria del Pakistan.

Saadia Sheikh ha detto:

“Se posso ispirare le persone a fare qualcosa di buono, ne sono orgoglioso”, afferma Saadia Sheikh.

Foto: Beatrice Luneburg

Grandi catene di abbigliamento Manyaavar e Fabindia Durante l’autunno è stato costretto a ritirare le campagne pubblicitarie e chiedere scusa Perché il contenuto è considerato contrario alla tradizione indù o usa frasi in urdu, una lingua indoeuropea parlata dai musulmani in India. La società di gioielli Tanishq è stata accusata di incoraggiare un “jihad d’amore” dopo un annuncio in cui i membri della famiglia erano indù e musulmani.

I venditori musulmani che vendono le loro merci nei quartieri indù sono spesso allontanati e in alcuni casi picchiati così duramente che gli eventi sono stati riportati dai media internazionali. I macellai che vendono carne bovina rischiano l’arresto. All’inizio di quest’anno, un ragazzo musulmano di 14 anni nell’Uttar Pradesh è stato perseguitato e picchiato dopo essere entrato in un tempio indù per bere acqua.

Il giornalista Alishan Jafri ha documentato gli attacchi contro i musulmani in India negli ultimi tre anni. Per la BBC, dice Riceve tre o quattro casi al giorno e che la violenza è “travolgente, pervasiva e ampiamente accettata”.

READ  Amnesty International sostiene: Navalny diventa nuovamente prigioniero di coscienza