TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macron e Merkel chiedono risposte da Danimarca e Stati Uniti

L’informazione secondo cui l’Agenzia per la sicurezza nazionale ha utilizzato la cooperazione tra Danimarca e Stati Uniti per intercettare i politici di alto livello in Svezia, Norvegia e Germania, tra gli altri, è stata discussa lunedì nel gabinetto franco-tedesco.

La cancelliera tedesca Angela Merkel è una di quelle intercettate Rivelazione fatta da Danmarks Radio io In collaborazione con SVT E molti media internazionali.

Il presidente di Frankrix Emmanuel Macron Ha chiesto “piena trasparenza” su quanto accaduto, in una conferenza stampa che ha tenuto con il cancelliere dopo il gabinetto.

“È inaccettabile tra gli alleati, figuriamoci tra gli alleati e i partner europei”, ha detto Macron alla conferenza stampa riguardo alle informazioni. il mondo Ha aggiunto che si aspettava risposte sia dagli Stati Uniti che dalla Danimarca.

Angela Merkel ha sostenuto il presidente, che ha detto che “non può che essere d’accordo”, scrive Agence France-Presse.

Anche il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg è stato interrogato sulla rivelazione in una conferenza stampa lunedì pomeriggio. Era chiaro che la NATO non era interessata ad affrontare questo problema.

Sono a conoscenza di queste relazioni e so anche che anche i paesi interessati stanno lavorando per portare tutti i fatti sul tavolo. La NATO come organizzazione non partecipa. Jens Stoltenberg ha dichiarato alla conferenza stampa che mi aspetto che i paesi interessati siano in grado di affrontare questo problema.

Le informazioni contenute nella rivelazione sono tratte dal rapporto segreto danese “Dunhammer”, realizzato dal servizio di sicurezza danese.

Ce l’ha il governo danese Non ha commentato direttamente le informazioni. Il ministro della Difesa danese, Tren Bramsen (S), che ha letto il rapporto Dunhammer nell’agosto dello scorso anno, ha rilasciato una dichiarazione pubblica a Radio Danimarca.

READ  Più armi nucleari nelle unità operative

“Come è noto, il governo non può impegnarsi in speculazioni su questioni relative all’intelligence, dai media o altrove. Le questioni relative all’intelligence sono discusse nelle commissioni competenti in Parlamento. Posso dire in termini generali che questo governo ha la stessa posizione del il precedente primo ministro (ndr) Hailey Thorning-Schmidt (espresso nel 2013 e 2014 – l’intercettazione sistematica di stretti alleati è inaccettabile “, ha scritto in una e-mail a Dott.

Leggi di più:

Presidente della commissione per la difesa: molto serio

Più della metà delle grandi società è vulnerabile allo spionaggio aziendale

Iowa Steinberg: I ​​politici della difesa non hanno nemmeno la forza di giocare di sorpresa