TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea inizia ad addestrare 15mila soldati ucraini

Almeno 15.000 soldati ucraini saranno addestrati nei paesi dell’UE e il governo sta esaminando come la Svezia può contribuire. L’Unione europea sta anche imponendo più sanzioni all’Iran nello stesso momento in cui il ministro degli Esteri Tobias Billström vuole vedere più azione dell’UE.

Lunedì, i ministri degli Esteri dell’UE hanno lanciato una nuova missione di addestramento per i soldati ucraini chiamata EUMAM. In due anni, almeno 15.000 ucraini riceveranno formazione e materiali in un certo numero di Stati membri, tra cui Polonia, Germania e Spagna.

– Il rappresentante esterno dell’UE, Josep Borrell, ha affermato dopo l’incontro che la nostra massima priorità è continuare a sostenere l’Ucraina.

Secondo il ministro della Difesa Pål Jonson (M), la Svezia contribuirà con uno o due ufficiali di stato maggiore alla struttura di comando. Il governo sta inoltre esaminando le possibilità di partecipazione con i formatori.

Il costo totale dello sforzo formativo è stimato in poco più di 100 milioni di euro.

Josep Borrell ha osservato che l’Unione Europea e gli Stati membri insieme hanno ora fornito materiali di difesa all’Ucraina per un valore di circa otto miliardi di euro. Il rappresentante straniero ha anche affermato che l’UE è pronta ad aumentare le sanzioni contro la Russia e paesi come la Bielorussia e l’Iran forniscono armi alla Russia.

– Continueremo a isolare la Russia a livello internazionale e continueremo a introdurla [sanktioner] Contro l’economia russa, ha detto Borrell, senza menzionare alcuna misura specifica.

Il ministro degli Esteri svedese Tobias Billström (m) ha informato i suoi colleghi durante l’incontro del “pacchetto invernale” svedese con, tra le altre cose, attrezzature invernali che saranno inviate in Ucraina.

READ  Avvertenza: le puntate vengono scartate quando i ghiacciai muoiono

Nuove sanzioni contro l’Iran – Bellstrom vuole vedere di più

I ministri degli esteri hanno anche concordato di inserire altre 29 persone e tre organizzazioni nella loro lista di sanzioni contro l’Iran per, tra le altre cose, rappresaglie contro i manifestanti nel paese.

– Interesserà parti delle Guardie Rivoluzionarie che stanno dietro quel giorno. Tobias Bjöllström ha detto dopo l’incontro che c’era anche un legame con l’uso dei droni nella guerra della Russia contro l’Ucraina.

Allo stesso tempo, Billstrom ritiene che l’UE dovrebbe fare di più per sostenere i manifestanti iraniani e ha lavorato per sollevare la questione come punto speciale alla prossima riunione dei ministri degli Esteri a Bruxelles per una discussione più approfondita.

– Non dobbiamo perdere di vista l’aumento delle sanzioni se necessario. Il ministro degli Esteri ha affermato che le violazioni dei diritti umani in Iran oggi sono così gravi che l’UE deve mantenere un alto grado di disponibilità a intraprendere ulteriori azioni.

Balcani: “la crisi più grave degli ultimi dieci anni”

Allo stesso tempo, il rappresentante degli esteri Josep Borrell ha messo in guardia sulla situazione nei Balcani occidentali. Non da ultimo, era preoccupato per il conflitto covante, tra le altre cose, sulle targhe automobilistiche serbe del Kosovo, tra Serbia e Kosovo.

– Posso dire che stiamo affrontando la crisi più grave e pericolosa dal 2013 – negli ultimi dieci anni. Borrell ha affermato che le due parti devono mostrare urgentemente la loro volontà di trovare una via per ridurre queste tensioni, aggiungendo che i negoziati tra le due parti si terranno presto a Bruxelles.

Vede anche molte altre crisi nella regione come conseguenze della guerra russa, promettendo di aumentare “l’impegno” dell’UE nei Balcani occidentali e di dimostrare che si tratta della “priorità geopolitica più vicina e più importante” dell’UE.

READ  Missione: Abbas annullerà le elezioni palestinesi a maggio

– Insisto sull’idea di base che il futuro dei Balcani occidentali risieda nell’Unione europea. Josep Borrell ha affermato che questo è il nostro messaggio prima del prossimo vertice tra l’Unione europea e i paesi dei Balcani occidentali il 6 dicembre.