TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’UE deve diventare più favorevole alle imprese e meno sensibile

L’UE deve diventare più favorevole alle imprese e meno sensibile

Ci stiamo avvicinando alle elezioni dell'Unione Europea, i cui risultati avranno un enorme impatto sulla possibilità dell'Europa di diventare più ricca, più innovativa e più imprenditoriale. In qualità di rappresentanti della più grande organizzazione svedese per gli imprenditori, desideriamo esortare i nostri candidati politici a sfruttare i loro prossimi mandati al Parlamento europeo per creare un clima imprenditoriale favorevole in Svezia e in Europa.

L’Unione Europea e il suo mercato interno sono di grande importanza per l’economia svedese in generale e per molte aziende svedesi in particolare. Allo stesso tempo, il mercato interno è ancora caratterizzato da numerose normative irrazionali e da una legislazione eccessivamente scoraggiante.

Per migliorare la competitività dell’Europa, gli oneri normativi che gravano sulle imprese devono essere ridotti in modo rapido e significativo.


Ecco perché è stato incoraggiante che l'anno scorso la Commissione abbia annunciato un piano per ridurre del 25% gli obblighi di rendicontazione delle imprese. È un buon inizio per ridurre gli oneri eccessivi che gravano sulle imprese. Ma molte delle attuali proposte legislative vanno nella direzione opposta e aggiungono ulteriori oneri. Per migliorare la competitività dell’Europa, gli oneri normativi che gravano sulle imprese devono essere ridotti in modo rapido e significativo.

Pertanto, vogliamo vedere queste misure per un’Unione europea più favorevole alle imprese e meno provocatoria

Le condizioni delle piccole imprese dovrebbero essere la linea guida

Le piccole e medie imprese costituiscono oltre il 99% delle imprese e sono quindi la spina dorsale della vita imprenditoriale in Europa e Svezia. Pertanto, la legislazione deve sempre essere progettata tenendo presenti le esigenze e le capacità di queste aziende. Il principio “pensare innanzitutto in piccolo” dovrebbe essere applicato a tutte le proposte legislative e l’impatto sulle PMI dovrebbe essere preso in considerazione durante tutto il processo legislativo.

READ  Ulf Christerson difende Vladimir Putin

Migliorare il processo di regolamentazione non significa creare più o meno leggi, ma piuttosto creare regole efficaci che forniscano chiari benefici e riducano i costi per raggiungere gli obiettivi politici desiderati. Nella legislazione ambientale, in particolare, è necessaria una semplificazione, una riduzione degli oneri e, in alcuni casi, una deregolamentazione.

Analisi di impatto aziendale sulle proposte legislative

Il test PMI fa parte della valutazione d'impatto della Commissione e dovrebbe essere condotto con attenzione per evidenziare l'impatto delle nuove leggi sulle piccole imprese. Lo screening della competitività, che analizza gli impatti sulla competitività dei costi e dei prezzi, sulla competitività internazionale, sulla capacità di innovazione e sulla competitività delle PMI, deve essere effettuato sistematicamente e sulla base di dati affidabili.

La partecipazione tempestiva e ampia di tutti i principali rappresentanti delle imprese, nonché procedure trasparenti e processi di consultazione ben organizzati aumentano l’accettazione delle nuove leggi e ne facilitano l’attuazione.

Focus su proporzionalità, sussidiarietà e valore aggiunto europeo

Le istituzioni dell’UE devono imparare a tenere conto dei principi di proporzionalità e sussidiarietà e concentrarsi su azioni con un chiaro valore aggiunto europeo. La misura del “valore aggiunto europeo”, che mostra se ci sono vantaggi nel prendere decisioni politiche a livello dell’UE piuttosto che a livello degli Stati membri, deve essere applicata in modo coerente.

Quando è necessaria una regolamentazione a livello dell’UE, è necessario analizzare caso per caso quale strumento giuridico (direttiva o regolamento) sia più appropriato.

Rafforzare il mercato unico

SOLVIT, la rete per la risoluzione dei problemi del mercato unico dell’UE, è uno strumento essenziale per migliorare il funzionamento del mercato unico e deve essere rafforzato. Il comitato dovrebbe dare priorità e accelerare le questioni SOLVIT incomplete ma ben fondate. Dovrebbe essere data priorità anche alla proposta di istituire un ufficio per gli affari del mercato interno in ogni Stato membro.

READ  Come proprietario forestale, sono preoccupato: Altingit

A Företagarna continueremo a sollevare queste questioni e a lavorare per un clima imprenditoriale più forte e sostenibile in Svezia e in Europa. Esortiamo tutti i politici a prendere in considerazione questi punti prima delle elezioni europee, per garantire la creazione di un futuro in cui le imprese svedesi possano prosperare.