TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Ucraina riceve sempre più aiuti elettrici dai suoi vicini

Interruzione di corrente a Kiev il 7 giugno di quest'anno.

I crescenti attacchi russi alla rete elettrica ucraina hanno portato a interruzioni di corrente. Ma il paese riceve aiuto dai paesi vicini dell’Europa centrale e orientale per mantenere in funzione l’elettricità.

Le importazioni ucraine di elettricità da Ungheria, Moldavia, Polonia, Romania e Slovacchia sono aumentate notevolmente negli ultimi mesi. A giugno ha raggiunto 858,3 gigawattora, un aumento del 91% rispetto a maggio, secondo i dati della società di consulenza Expro con sede a Kiev.

L'Ungheria rappresenta il più grande esportatore di elettricità, rappresentando il 42% del totale. Anche le esportazioni di elettricità della Slovacchia verso l'Ucraina sono aumentate notevolmente. Nel frattempo, sia l’Ungheria che la Slovacchia si sono rifiutate di fornire sostegno militare all’Ucraina e di mantenere relazioni amichevoli con la Russia.

La produzione di elettricità in Ucraina è diminuita drasticamente dopo l’invasione russa su larga scala nel febbraio 2022. Le importazioni hanno consentito all’Ucraina di limitare e programmare le interruzioni di corrente a specifiche ore del giorno.

L’Ucraina era collegata alla rete elettrica europea poche ore prima dell’invasione totale. Inizialmente era stato pianificato come un test temporaneo che richiedeva al paese di interrompere l'elettricità russa, ma è stato reso permanente dopo l'invasione russa.

READ  Haiti chiede aiuto per frenare i disordini