TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’oro olimpico è un punto culminante per Mates Chundin

A febbraio del prossimo anno, le Olimpiadi si terranno a Pechino con tutti i migliori giocatori di hockey di tutto il mondo. I prossimi sabati, NHL.com/sv fa il conto alla rovescia per le Olimpiadi, con cinque importanti eventi olimpici svedesi e una serie di cinque degli olimpionici di oggi e cinque grandi eroi olimpici svedesi. Terzo posto nelle leggende: Mates Chundin.

Le Olimpiadi di Torino 2006 sono state ospitate dai Mats per la terza volta. Dopo un’amara uscita dalle Olimpiadi di Nagano nei quarti di finale contro la Finlandia nel 1998, e un’uscita ancora più amara dalle Olimpiadi di Salt Lake City nel 2002 dopo la sconfitta contro la Bielorussia (oggi Bielorussia), diventa finalmente oro olimpico per i Mets . Suntin a Torino, Italia nel 2006.

– Sì, è sicuramente qualcosa che non dimenticherò mai, dice Chuntin.

Ancora più coinvolgimento nel gol del 3-2, che ha regalato a Trey Croner e Suu Kyi l’oro olimpico tanto atteso. Tre grandi svedesi hanno lavorato per il gol: sul 2-2, Saku ha vinto la prima tecnica di Chundin nel terzo periodo contro Koi. Ha visto Peter Forsberg accelerare verso la zona di difesa finlandese e prenderlo a Forsberg. Forsberg è tornato alla palla e ha lasciato cadere la patata bollente su Niklas Litstrom, che aveva sparato un duro colpo dall’azzurro.

Gol e oro olimpico per la Svezia.

Alle Olimpiadi del 2006 a Torino, Mats era il capitano della squadra di Troy Croner, e ci sono ampie prove che ha preso sul serio il lavoro. Nel vero senso della parola Chundin era il miglior e vero leader della squadra.

L’anziano della squadra nazionale Jonas Bergwist ha giocato diverse volte con Mats Chundin.

– “Improvvisamente” e io abbiamo gareggiato insieme per la prima volta ai Mondiali del 1991, e lui era ancora un grande ufficiale. Pochi anni dopo, è cresciuto tutto il tempo, ha detto Bergwist a Sportblade. Quando Matsund parla, la gente ascolta. Questo è tutto. Alcune persone hanno quella qualità.

READ  Dopo la vittoria di Mourinho sulla Roma, l'Inter ha superato il Milan

Un’altra qualificazione è stata la medaglia d’oro olimpica del 2006 per Mates Chundin, che ha vinto tre medaglie d’oro ai Mondiali nel 1991, 1992 e 1998, e ha fatto parte della squadra All-Star alla Coppa del Canada del 1991 ed è stato inserito nella Hockey Hall of Fame 2013 . Orgoglioso di essere il primo europeo ad essere selezionato per l’oro ai Campionati svedesi nel 1990 con Dujergarden e di aver vinto il Draft NHL (1989).

I Mates non hanno potuto partecipare alle Olimpiadi di Lillehammer del 1994, che si sono concluse con l’oro svedese dopo la famosa frase di Peter Forsberg. La NHL non ha rilasciato i suoi giocatori dopo le Olimpiadi e la piena occupazione “improvvisa” della partita di campionato con i Quebec Nordics.

Ma è impegnato dal 1998, e ha prodotto bene in tre Olimpiadi: tre punti (3+0) in quattro partite a Nagano nel 1998, e nove punti in quattro eventi a Salt Lake City nel 2002 (5+4). E otto punti in otto partite a Torino nel 2006 (3+5).
Compreso il rendimento per l’obiettivo oro.

– Conosco Litstrom, Forsberg e non suoneremo mai più insieme, quindi l’oro è stato incredibilmente buono, dice Mats Sundin. Quel “Lidas” (Nicholas Litstrom) ha segnato il gol decisivo e io e Peter abbiamo giocato… sì, questa è la decisione giusta per noi di Trey Croner.

Durante i suoi anni in nazionale – giocando 118 partite con Trey Croner di Chundin – è stato un fattore decisivo molte volte. Soprattutto nei tre Mondiali è uscito con una medaglia d’oro al collo. Fedichov ha segnato il gol della vittoria 2-1. Inoltre, ha vinto 12 punti (7 + 5) nella classifica a punti al WC. A Praga l’anno successivo, Sundin ha sconfitto la Russia nei quarti di finale, è stato pesantemente coinvolto nella vittoria finale sulla Finlandia ed è diventato il miglior Svezia in termini di punti in tutto il torneo con i suoi otto punti (2 + 6). Ha anche giocato un ruolo chiave nella squadra All-Star del torneo. Ai Mondiali del 1998, Chundin decise la partita del girone ad interim contro la Bielorussia, che fu poi chiamata, e poi guidò la grande vittoria contro il Canada e la semifinale contro la Svizzera.

READ  Molti club cercano Anil Ahmedujik

Tuttavia, i Mats non hanno mai vinto la Stanley Cup. La squadra non era abbastanza buona: Sundine è stata nel Quebec Nordics per quattro anni prima di essere ceduta ai Toronto Maple Leafs nel 1994. Lì ha giocato per 13 anni, dieci anni come capitano della squadra, dando a Chundin la possibilità di battere Stanley. Coppa nell’ultimo anno a Vancouver Connaught. Anche quello non ha funzionato allora.

Nei 18 anni più produttivi della National Hockey League, Mats Suntin ha conquistato il numero uno imbattuto della NHL in ogni momento: 1349 punti in 1346 partite sono 192 punti in più rispetto al secondo posto, e il capitano di lunga data degli Ottawa Senators Daniel Alfredson 115 punti in 1246 partite.

I 546 gol di Mats Suntin significano anche che la Svezia è l’unica a superare il limite dei 500 gol in NHL.

[Läs också: Olympiska höjdpunkter: Guldet 1994]

– Nessuna Svezia lo accetterà, è impossibile, ha detto Daniel Alfredson a NHL.com/sv in precedenza. Nessuno può battere il suo numero. Pensavo avesse fatto bene, ma sono ancora a 200 punti da lui. La sua decisione non può essere raggiunta.

La Svezia è l’attivo più vicino al centro di Washington Nicholas Baxstrom alla lista “Suddens”. “Bäckis” ha 33 anni ed è attualmente a 980 punti, 369 punti dietro a Chundi. Bäckström ha una media di 50 punti a stagione; Backstrom, che deve ancora giocare questa stagione a causa di un infortunio, sta impiegando sette stagioni di alta produzione per raggiungere il picco.
La carriera NHL di Mats Chundin è iniziata durante la stagione nordica del Quebec dopo un significativo trasferimento da Dugergarden nel 1990-91, dove ha vinto l’oro del campionato svedese nella primavera del 1990.

READ  Konrad Lukaver e Bjorn Koop si danno battaglia a Cesena · Ultime notizie sul trotto · Circuito del trotto

– Il mio primo vero contatto con Quebec NHL Hockey. Una vera città dell’hockey, dove l’hockey non è solo uno sport, dice Mats Chundin. Penso che sarebbe bello se il Quebec avesse di nuovo una squadra di NHL.

L’accoglienza che ha ricevuto quando è arrivato per la prima volta negli spogliatoi del Quebec è stata qualcosa che non dimenticherà mai.

– La prima cosa che ho visto è stato Guy Laughlor. Lui è il mio idolo, una vera leggenda. Per me era in classe con Gretzky. Non lo dimenticherò mai. Allora dobbiamo giocare insieme.

Mates ha segnato 59 punti (23 + 36 culo) in 80 partite nel primo anno del girone e nel 1992-93 ha battuto il suo record personale di 114 punti con 47 reti.

– Avevamo una super squadra con Owen Nolan, Joe Sackick e Mike Richie, quindi non è stato così difficile vincere.

Oggi, Mates Chundin, che ha compiuto 50 anni a febbraio, vive una vita isolata fuori Stoccolma con sua moglie Josephine e i figli Bonnie, 9, Nathanael, 7 e Julian, 5.

Leggende olimpiche: 5) Sven “Dumba” Johansson. 4) Tommy Salò. 3) Tappetini per il mento. Il prossimo episodio della serie è in arrivo il 25 dicembre, il giorno di Natale.