TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ormone del benessere con alcuni rischi – ora fa la sua comparsa l’ossitocina

L’ormone del benessere con alcuni rischi – ora fa la sua comparsa l’ossitocina

Recensione: Gocce analgesiche

Illustrazione: Madeleine Wickberg

Kerstin Uvnäs Moberg ha dedicato gran parte della sua carriera allo studio degli effetti positivi dell'ossitocina. Ma dosi eccessivamente elevate di ossitocina sintetica possono avere effetti negativi su donne e bambini.

La ricercatrice e medica Kerstin Ovnas Moberg è un'esperta dell'ormone ossitocina nel corpo. L'interesse è iniziato quando lei stessa ha dato alla luce un bambino. Il desiderio di comprendere la biologia e la fisiologia delle donne l'ha portata ad abbandonare l'attenzione alla fisiologia gastrointestinale per dedicarsi alla ricerca sulle proprietà positive dell'ossitocina.

Numerosi articoli e libri scientifici ne hanno evidenziato gli effetti sociali e fisiologici durante la gravidanza, l’allattamento e la menopausa. È stata intervistata in televisione, podcast, radio e giornali. Sembra esserci un appetito insaziabile per saperne di più sull'ormone del benessere.

Recensione: Gocce analgesiche

Più della metà delle neomamme del Paese ricevono gocce che inducono il travaglio durante il parto. Il principio attivo sintetico ossitocina imita l'ossitocina, l'ormone naturale del “benessere”, che provoca la contrazione dell'utero e il progresso del travaglio.

Dosi molto elevate di ossitocina sintetica possono portare a un'eccessiva stimolazione del travaglio e complicazioni per la madre e il bambino. Come fanno così tante madri per la prima volta a ricevere gocce antidolorifiche nonostante i rischi noti? Cosa dice effettivamente la ricerca, come si presentano le linee guida statali e cosa ne pensa la professione?

In una serie di articoli, esaminiamo le gocce che inducono dolore. Esaminiamo come le cliniche lo utilizzano, quali sono le prove dietro di esso e come ha influenzato i singoli casi. Abbiamo scelto di limitare la disfunzione del travaglio nelle neomamme con insorgenza spontanea del travaglio.

Nella revisione, abbiamo esaminato le ricerche, gli studi, i rapporti e le linee guida attuali. Sono state condotte una serie di interviste con ricercatori, ostetriche, professionisti medici e pazienti che avevano subito lesioni dopo aver ricevuto ossitocina.

Ricerca ampia

Kirsten Ovnas Moberg
Kirsten Ovnas Moberg. Immagine: privata

Kerstin Uvnäs Moberg ha studiato anche l'uso dell'ossitocina sintetica. Qui la ricerca è più diffusa e molto resta sconosciuto.

— Ci sono molte opinioni e nel campo della sanità ci sono due gruppi, uno dei quali sostiene l'ossitocina sintetica e gli altri vogliono promuovere la nascita naturale attraverso il sostegno. Qui la battaglia può essere intensa, afferma Kerstin Ovnas Moberg.

Prima di arrivare alle questioni più delicate, forse un contesto fattuale. Kerstin Uvnäs Moberg ci dice che il sistema dell'ossitocina coinvolge sia gli ormoni che i nervi del cervello. La produzione di ossitocina inizia nell'ipotalamo e viene rilasciata dal lobo posteriore della ghiandola pituitaria nel flusso sanguigno. I recettori dell'ossitocina si trovano, tra le altre cose, nella muscolatura liscia dell'utero, nelle ghiandole mammarie, nei polmoni e nel cervello. Il tatto, la vicinanza, il calore e il sostegno sociale stimolano il rilascio di ossitocina, tra le altre cose, attraverso i nervi della pelle che inviano segnali all'ipotalamo. Porta al benessere, alla riduzione del dolore, all’abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca e alla riduzione dell’ansia, dell’ansia e dello stress.

La secrezione avviene a impulsi

Durante il travaglio, l'ossitocina è essenziale per la contrazione uterina e il progresso del travaglio. Quando il feto preme sulla cervice, si attiva il sistema di feedback, il riflesso di Ferguson, che provoca il rilascio di ossitocina. Ciò avviene sotto forma di pulsazioni durante il travaglio che aumentano durante la prima e la seconda fase, terminando con una pulsazione molto forte nella fase di espulsione.

Se il travaglio è lento e si ritiene che la donna sia in travaglio, può essere somministrata ossitocina sintetica sotto forma di flebo. Ha la stessa struttura chimica dell'ossitocina nel corpo e stimola il travaglio. L'obiettivo è progredire con il parto ed evitare un taglio cesareo o altri interventi.

Quando l'ossitocina viene somministrata sotto forma di gocce, la fornitura è continua e non negli impulsi che tipicamente si verificano durante il parto. L'ossitocina viene quindi rilasciata nel cervello e nel sangue. Sotto forma di gocce, l'ossitocina non passa nel cervello a causa della barriera ematoencefalica, il che significa che la donna in travaglio non ottiene lo stesso effetto calmante e di sollievo dal dolore dell'ossitocina nel corpo.

– La secrezione naturale di ossitocina può essere migliorata attraverso la vicinanza, il tocco e il sostegno, che possono ridurre la durata del travaglio di due ore. Lo stesso effetto può essere ottenuto infondendo una dose elevata di ossitocina sintetica. Tuttavia, l'uso della flebo non ha portato ad una diminuzione della frequenza dei tagli cesarei, afferma Kerstin Ovnas-Moberg.

La sensibilità varia

Illustrazione: Madeleine Wickberg

Nel frattempo, la sensibilità all’ossitocina sintetica varia tra le donne. Alcuni hanno un effetto immediato e potente, mentre altri richiedono dosi più elevate. Alcune possibili ragioni di questa differenza sono la genetica, i livelli di estrogeni che stimolano la formazione dei recettori dell’ossitocina durante la gravidanza, l’indice di massa corporea e l’età materna. Anche il momento in cui inizia il travaglio, ovvero in quale settimana di gravidanza, può avere un ruolo. Nel frattempo, ci sono studi che suggeriscono che l’esposizione a lungo termine all’ossitocina sintetica può compromettere la funzione dei recettori.

– Molte persone che ricevono ossitocina sintetica avvertono più dolore, chiamato formicolio, che può aumentare la necessità di alleviare il dolore. Ciò, a sua volta, compromette il travaglio e può rendere necessario un aumento della dose di ossitocina. In questo modo si finisce facilmente in una spirale negativa, afferma Kerstin Ovnas-Moberg.

Il rischio maggiore associato a dosi molto elevate di ossitocina è che l'induzione del travaglio diventi eccessiva a causa di contrazioni troppo frequenti, il che potrebbe comportare rischi per la madre. Ma soprattutto si rischia di interrompere il flusso sanguigno al bambino, che potrebbe soffrire di mancanza di ossigeno.

Richiede ulteriori ricerche

I dati del Registro delle gravidanze mostrano che più della metà delle madri in Svezia con inizio spontaneo del travaglio ricevono ossitocina ad un certo punto durante il travaglio. Anche se questo numero non dice nulla sulle dosi somministrate, Kerstin Ovnas-Moberg ritiene che indichi un uso eccessivo.

-Se si seguono le dosi consigliate, non sembra esserci alcun rischio significativo. Allo stesso tempo, ci sono state diverse segnalazioni nella Lex Maria in cui bambini o madri sono rimasti feriti. Non deve essere così. Voglio dire, a un gran numero di persone viene somministrata ossitocina e le dosi a volte sono molto alte. Kirsten Ovnas-Moberg afferma che sono necessarie una discussione più ampia sull'ossitocina e ulteriori ricerche.

READ  Il diabete di tipo 1 è associato a un aumentato rischio di malattie mentali nei pazienti e nelle famiglie