TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda gli inibitori dell’interleuchina-6 nei casi di grave COVID-19

Nel settembre 2020, l’Organizzazione mondiale della sanità ha emesso una forte raccomandazione per l’uso di corticosteroidi in pazienti affetti da COVID-19 gravi o critici. L’OMS sta ora emettendo per la seconda volta dall’inizio della pandemia una nuova raccomandazione di trattamento per il covid 19: questa volta i pazienti in condizioni critiche dovrebbero essere trattati con inibitori del cortisone e dell’interleuchina-6.

La raccomandazione è stata fatta dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha analizzato i dati di oltre 10.000 pazienti provenienti da 27 studi clinici. I risultati hanno mostrato che il rischio di morte è stato ridotto del 13% nei pazienti critici dopo il trattamento. Il rischio di aver bisogno di cure respiratorie è stato ridotto del 28%.

Gli inibitori dell’interleuchina-6, come tocilizumab e sarilumab, sono stati inizialmente sviluppati come farmaci antinfiammatori nelle malattie reumatiche. Tuttavia, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sembra anche sopprimere la dannosa reazione eccessiva del sistema immunitario che alcuni pazienti sperimentano.

È principalmente il farmaco tocilizumab che è stato studiato nel COVID-19. Läkartidningen ha precedentemente scritto di uno studio che ha mostrato che un trattamento aggiuntivo con tocilizumab ha ridotto la mortalità nei pazienti ospedalizzati.

“La maggior parte delle indicazioni è che questo sarà il trattamento standard almeno per i pazienti più gravi”, ha affermato Ola Plino, direttore medico per le malattie infettive presso l’ospedale universitario Karolinska di Huddinge. A Läkartidningen a febbraio.

Tuttavia, i farmaci sono costosi e difficili da ottenere in gran parte dell’ospite, osserva il segretario generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. In un comunicato stampa. Quindi esorta i produttori ad abbassare i prezzi e a lavorare in diversi modi per rendere il farmaco più accessibile nei paesi a basso e medio reddito, specialmente quelli duramente colpiti dal coronavirus.

READ  Skånska Dagbladet | Studio: il Viagra può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer

Tocilizumab può, secondo Programma di sponsorizzazione nazionale svedesePuò essere usato “come supplemento ai corticosteroidi in pazienti critici con richiesta di ossigeno aumentata/aumentata e infiammazione grave persistente durante il deterioramento clinico all’inizio del corso della malattia”.

Leggi anche:

Il supporto di Tocilizumab riduce la mortalità nei pazienti Covid

Commento medico: Tocilizumab dovrebbe essere preso in considerazione nelle prime fasi dell’infezione acuta da COVID-19

Lakartidningen.se