TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo studio mostra che le protesi non danno un vantaggio ai corridori dei 400 metri

Lo studio mostra che le protesi non danno un vantaggio ai corridori dei 400 metri

Secondo le regole IAAF, le persone con disabilità possono partecipare a competizioni come i Giochi Olimpici e altri tornei internazionali che non sono orientati agli atleti, purché la persona attiva non utilizzi alcun ausilio meccanico considerato un vantaggio competitivo.

Uno di loro che ha ottenuto il via libera è stato l’ex velocista sudafricano Oscar “Blade Runner” Pistorius che ha partecipato sia alla Coppa del Mondo 2011 che alle Olimpiadi del 2012. Tuttavia, negli ultimi anni, gli atleti amputati hanno ricevuto un trattamento più restrittivo e più difficile da ottenere . Protesi arti approvate.

Nel 2021, né il tedesco Marcus Rehm, il saltatore in lungo amputato e che ha saltato la distanza più lunga del mondo l’anno scorso (8,62 metri), né il velocista americano Blake Lieber hanno potuto partecipare alle Olimpiadi di Tokyo. Entrambi sono stati considerati beneficiando della loro gamba protesica in fibra di carbonio e, in quest’ultimo caso, il CAS ha concluso che il velocista di 400 metri era diventato 15 cm più lungo di quanto sarebbe stato altrimenti. Possibilmente più veloce.

Ma ci sono Il che significa che la conclusione è errata.

Secondo un recente articolo sulla rivista scientifica Royal Society Open Science, è vero il contrario: le protesi in molti modi rendono il praticante più lento.

Questo afferma che un certo numero di ricercatori statunitensi fanno domanda per partecipare almeno alle gare dei 400 metri. Lo studio si basa su test e analisi di gare condotte sia da corridori con che senza protesi. I risultati hanno mostrato, tra le altre cose, che le protesi hanno impedito l’accelerazione degli amputati all’inizio della gara del 40 percento. Inoltre, si dice che abbia ridotto la velocità massima sui rettilinei del 19 percento e in curva dell’1-3 percento.

READ  Recensione di AG Jatis per Ratchet & Clank: Rift Apart

Nell’articolo, gli autori dell’articolo hanno scritto: “Sulla base di queste misurazioni delle prestazioni, l’uso di ossa artificiali a una distanza di 400 metri non è inequivocabilmente vantaggioso rispetto all’uso di ossa biologiche”.

Buddy Blake Libre Marcus Rehm ha lottato per integrarsi nella vasta comunità sportiva e ha fatto appello a un certo numero di organismi per la sua volontà.

La persona che tiene le dita incrociate in futuro tutti gli atleti, indipendentemente dalla disabilità, avranno l’opportunità di partecipare ai Giochi Olimpici e ai tornei al di fuori degli sport di spettacolo è Jon Sigurdsson, presidente e amministratore delegato della società islandese di produzione di proteste Ausur.

– La gente si guarderà indietro in questo momento, scuoterà la testa e dirà: “Riesci a immaginare? Ha detto che classificano i disabili come cittadini di seconda classe e non era abbastanza bravo da partecipare alle normali gare”. Intervista a DN questa estate.

Per saperne di più:

“Guarderemo indietro a questo momento e scuoteremo la testa”.