TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’esercito francese è indagato per avvertimenti sulla guerra civile

La scorsa settimana, il quotidiano conservatore di destra Valeurs Actuelles ne ha pubblicato uno Articolo di discussione Intitolato “Al fine di ripristinare l’onore dei nostri governanti”.

E mette in guardia da tre tendenze che si dice portino alla “disintegrazione” della Francia: l’antirazzismo, l’islamismo e gli attacchi dei manifestanti alla polizia.

Gli autori dell’articolo affermano che alcuni movimenti contro il razzismo rappresentano una minaccia, perché “dietro termini come razzismo, nazionalismo etnico e decolonizzazione si nascondono i fanatici odiosi che vogliono iniziare una guerra razzista”.

Tra i due siti Circa due dozzine di generali in pensione registrati, ma anche “un centinaio di ufficiali di alto rango e oltre un migliaio di soldati”, Valeurs Actuelles ha scelto di non essere nominato. Un altro sito, Places Armes, è stato pubblicato successivamente In versione Con i nomi di 1500 soldati attivi e in pensione, hanno firmato la lettera aperta (il sito è gestito da uno degli ex soldati firmati).

Il francese Francois Le Quanter ha promesso di aprire un’indagine e prendere misure disciplinari contro l’esercito attivo che ha firmato l’articolo corrispondente.

Foto: Joel Saget / AFP

Alla fine del testo, è stato lanciato un avvertimento che se il governo non avesse fatto nulla, avrebbe portato a “un’esplosione e ingerenza dei nostri compagni attivisti, con la rischiosa missione di proteggere i nostri valori culturali e proteggere i nostri connazionali sul terre del paese “.

I firmatari hanno sottolineato che non c’è tempo da perdere perché se la “debolezza” continua, la guerra metterà fine al caos crescente, e il numero dei morti sarà di migliaia, e tu ne sarai responsabile “.

Poco dopo la pubblicazione L’estremista di destra Marine Le Pen ha elogiato i due siti.

Firmo la tua analisi e condivido la tua rabbia […] “Voglio invitarvi a partecipare alla prossima battaglia, la battaglia politica e di pace che intendiamo combattere per il nostro paese, la Francia”, ha scritto Le Pen, che si candida alla presidenza il prossimo anno. È alla pari con Emmanuel Macron nei sondaggi con circa il 25% del sostegno degli elettori.

Il candidato del Partito socialista alle ultime elezioni presidenziali, Benoit Hamon, ha reagito con forza a quella che vedeva come una “minaccia di colpo di stato”. Anche il leader della sinistra radicale, Jean-Luc Melenchon – che ha raccolto circa il 10 per cento del sostegno degli elettori in vista delle elezioni del prossimo anno – è venuto a galla.

Com’è possibile che il governo non funzioni? Si chiese Millenchun.

Il primo ministro Jean Castex condanna l'articolo del dibattito militare.

Il primo ministro Jean Castex condanna l’articolo del dibattito militare.

Foto: Gonzalo Fuentes / AFP

È stato tranquillo per circa una settimana Secondo il governo francese, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la questione è stata indagata dal servizio di sicurezza francese. Mercoledì, tuttavia, il primo ministro Jean Castex si è tolto la rivista dalla bocca.

R: Condanno questa iniziativa che è completamente incompatibile con i nostri valori repubblicani e con l’onore e i principi dell’esercito. Ma la nostra forza difensiva non è coinvolta in questo, ha detto Castex, questi generali rappresentano solo se stessi, e Marine Le Pen è stata criticata con veemenza allo stesso tempo per non aver preso le distanze dalla sceneggiatura.

secondo Sondaggio d’opinione Da Harris Interactive per conto di LCI, fino al 58% dei francesi sostiene i militari che hanno scritto l’articolo del dibattito. Ancora più ambiguo è se sono davvero d’accordo con tutto sul contenuto. Ma secondo il sondaggio, il 49 per cento degli intervistati credeva fosse giusto che l’esercito intervenisse per mantenere l’ordine “anche se il governo non lo chiedeva”.

Ministro della difesa francese Florence Parly e il comandante in capo delle forze armate Francois LeCointer hanno ora annunciato che sarà probabilmente intrapresa un’azione disciplinare contro 18 militari attivi, almeno quattro dei quali sono ufficiali, che hanno firmato il testo. Si dice anche che una ventina di ufficiali di riserva siano indagati e potrebbero essere soggetti a sanzioni.

Non è ancora chiaro quali siano le sanzioni, ma secondo Lecointre, in alcuni casi potrebbe esserci una separazione e il divieto di indossare le divise.

READ  La Danimarca si apre, più del previsto