TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le malattie di origine animale sono a maggior rischio

foresta della giungla. Foto: Hanna Knutson

La ricerca dell’Università svedese di scienze agrarie e dell’Università di Umeå mostra un aumento del virus della peste suina tra i roditori. La ragione di ciò è che gli inverni al nord stanno diventando molto più caldi e umidi.
– Già nel 2014, possiamo vedere che il numero di topi della foresta combinato con il numero di giorni di pioggia durante l’inverno spiega l’84 percento di tutti i casi di febbre vulcanica nel nord della Svezia. Ma non era chiaro il motivo per cui la pioggia svolgesse un ruolo fondamentale nell’infezione nell’uomo, afferma Frauke Ecke, project manager e docente senior presso il Dipartimento di selvaggina, pesce e ambiente della SLU a Umeå in Comunicato stampa.

La ricerca porterà a sistemi di allerta per le epidemie di malattie

Potrebbe essere necessario essere ricoverati in ospedale

La peste suina tra i roditori provoca malattie zoonotiche e la peste suina negli esseri umani e non esiste una cura per questo.
La stragrande maggioranza si riprende dopo una o due settimane. A volte la malattia può impedire ai reni di filtrare correttamente il sangue per un periodo di tempo. Quindi potrebbe essere necessario essere ricoverati in ospedale e curati per questo. In rari casi, può essere necessaria una terapia intensiva.

maggior grado di lesione

I ricercatori hanno studiato cosa succede al virus della febbre dei ratti tra i topi della foresta in inverno. Combinando le serie temporali sul grado in cui i topi della foresta colpiscono la quantità di precipitazioni e se le precipitazioni si presentavano sotto forma di pioggia o neve, è stato trovato uno schema chiaro.
Abbiamo visto che più precipitazioni durante i mesi di novembre, maggiore è il grado di infestazione nei topi di foresta, afferma Saana Sipari, borsista post-dottorato nello stesso dipartimento nel comunicato stampa.
I cosiddetti eventi pioggia su neve con conseguente formazione di corteccia di ghiaccio possono portare i ratti della foresta a cercare protezione e ad accalcarsi in piccoli appezzamenti di terreno. Ciò significa che la salute degli avvoltoi si sta deteriorando o che il virus sopravvive meglio nell’ambiente.
Quindi gioca un ruolo importante durante l’inverno quando piove.

READ  Tormentato dal polline? - 5 consigli per trattare gli occhi asciutti

Piogge decisive di novembre

Le forti piogge di metà inverno (dicembre-marzo) non hanno avuto alcun effetto sul grado di infestazione nei topi. Il periodo che porta a un manto nevoso protettivo, spesso novembre, sembra più sensibile alla diffusione dell’infezione.
Quindi le unità di controllo delle infezioni nel nord possono aspettarsi un aumento dei malati di peste suina durante gli inverni con abbondanza di carne di maiale e forti piogge a novembre.
Diversi studi prevedono un aumento del rischio di epidemie di malattie animali in futuro e un clima più caldo, soprattutto nelle regioni settentrionali. Tuttavia, il nostro studio mostra che questo è già accaduto, afferma Frauke Ecke. Il futuro è già qui!