TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le conversazioni di Macron con Putin rivelate in un nuovo documentario

In un documentario andato in onda giovedì sera da France 2 – il cui contenuto è trapelato in parte in anticipo – seguiamo gli sforzi di Emmanuel Macron per parlare “a destra” del presidente russo Vladimir Putin.

Una delle conversazioni è stata completamente riprodotta. Tenuto solo quattro giorni prima dell’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio, il team di documentari ha avuto un accesso unico a uno scambio di opinioni storico.

Macron era appena tornato dal viaggio del mediatore a Mosca e Kiev, dove è stato costretto a sedersi all’estremità corta del lungo tavolo delle riunioni di Putin, un’immagine che si è rapidamente diffusa in tutto il mondo.

– Dalla nostra ultima conversazione, le tensioni sono solo aumentate, come dice Macron all’inizio.

Il tono è informale. Si affogano a vicenda.

Ci chiamiamo “Emmanuel” e “Vladimir”.

Non è chiaro se Vladimir Putin si rende conto che un regista di documentari potrebbe ascoltare la conversazione. Ma il presidente russo dice, come ha già fatto molte volte, che l’escalation al confine è colpa del presidente Zelensky.

– Emmanuel, non capisco quale sia il tuo problema con i separatisti. In ogni caso, hanno fatto – su nostro consiglio – tutto il necessario per avviare un dialogo costruttivo con le autorità ucraine.

Macron promette di parlare di nuovo con Zelensky, ma esorta la Russia a iniziare a ritirare le sue truppe dal confine con l’Ucraina:

Concretamente, propongo di tenere un incontro con il presidente Biden a Ginevra nei prossimi giorni. Gli ho parlato venerdì sera scorso e ho chiesto il permesso di suggerirlo. Ha detto che posso dirti che è pronto. Il presidente Biden ha idee su come ridurre in modo affidabile la situazione, come tenere conto delle vostre richieste e discutere di NATO e Ucraina. Quindi: quale data ti si addice di più?

READ  La Corte Europea non indaga su Archie Battersby

La risposta di Putin è evasiva.

– Emmanuel, lascia che ti suggerisca di cambiare l’ordine di precedenza qui. L’incontro deve essere preparato prima. Possiamo solo parlare allora, perché se ti incontri in questo modo, per parlare di tutto e niente, saremo comunque responsabili di tutto.

Vladimir Putin ed Emmanuel Macron tengono colloqui sulla situazione al confine russo-ucraino il 7 febbraio, meno di tre settimane prima dell'invasione russa del paese vicino.

Vladimir Putin ed Emmanuel Macron tengono colloqui sulla situazione al confine russo-ucraino il 7 febbraio, meno di tre settimane prima dell’invasione russa del paese vicino.

Foto: Notizie EyePress/Shutterstock

Macron è irremovibile su un vertice e può finalmente ottenere un “sì in linea di principio”, ma senza una data specifica.

A quel punto, Putin probabilmente sapeva che l’invasione sarebbe iniziata in quattro giorni.

– Per non nasconderti nulla, voglio dirti che volevo giocare a hockey su ghiaccio e parlarti ora dalla pista di hockey. Vladimir Putin dice che prima che la conversazione finisca, chiamerò il mio consulente ora.

Il documentario – ma non meno importante Parlando con Putin, oltre che con il quotidiano svizzero Bassa Temp Accessed – Fornisce una visione straordinaria della diplomazia al più alto livello.

Ma forse la cosa più interessante è il motivo per cui lo staff del presidente francese ha accettato di annunciarlo, anche nel bel mezzo del vertice del G7 in Germania.

elemento specifico diMedio Oriente e Africa trascurano“Si può sentire.

Negli ultimi mesi Macron è stato criticato per le sue numerose e in gran parte improduttive conversazioni con Putin, e per le sue dichiarazioni al riguardo. La Russia non dovrebbe essere “umiliata” Se vogliamo raggiungere una pace duratura.

A Kiev, è stata interpretata come un’opportunità per consentire alla Russia di mantenere parte delle sue conquiste militari. Allo stesso tempo, il primo ministro britannico Boris Johnson finì per essere considerato il migliore amico dell’Ucraina in Europa, cosa con cui i francesi non erano abbastanza a loro agio.

Ora c’è stato un cambio di tono. L’Eliseo sta ora pagando perché l’Ucraina “vinca la guerra” – e non solo, come accennato in precedenza, perché la Russia “non vinca nulla”. Crede anche che la Russia dovrebbe ritirarsi “da tutto il territorio dell’Ucraina”.

Il cambiamento è avvenuto poco prima della visita di Macron a Kiev, accompagnato dal cancelliere tedesco Olaf Schulz e dal primo ministro italiano Mario Draghi. Il 16 giugno il regista di documentari Guy Lagache è stato autorizzato a salire a bordo del treno per Kiev.

Il primo ministro italiano Mario Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Schulz su un treno per Kiev il 16 giugno.

Il primo ministro italiano Mario Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Schulz su un treno per Kiev il 16 giugno.

Foto: Eloit Blondet / Sipa

“Non siamo riusciti a convincere Putin – ha invaso l’Ucraina”, ha detto Macron nel documentario. Punto basso.

– Ho pensato che sarebbe stato possibile trovare una via d’uscita costruendo fiducia e conversazioni intellettuali, ha ammesso Macron sul treno per Kiev.

Secondo lo stesso Macron, è stata la svolta Per lui la strage russa di Botja.

– Dopo di che gli ho parlato molto meno spesso, come dice Macron dei suoi contatti con il presidente russo.

Se Putin non era a conoscenza del fatto che la sua troupe televisiva lo ha fotografato durante i colloqui di febbraio, si può presumere che ci saranno molte meno conversazioni, almeno meno fiduciose, tra i due leader in futuro.

Il che ci porta a quella che è davvero la grande novità di questa storia: che il presidente della Francia sembrava finalmente perdere la fiducia che il dialogo fosse una strada percorribile con Vladimir Putin.

Leggi di più:

Zelensky: attacco robotico russo a un centro commerciale – più di mille nell’edificio

La Turchia guida gli sforzi per estrarre il grano ucraino

I paesi del G7 pianificano nuove sanzioni contro la Russia