TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le carenze della bolla alberghiera dove vive la Svezia

La notizia che la JVM era stata rottamata è stata uno shock.

Ora i giocatori di Junior Crowns testimoniano evidenti carenze della “Bolla”.

– Anche quando siamo arrivati ​​in albergo, la gente pensava; “che diavolo?” Così ha detto Hale Simon Edvinson.

Campionati mondiali juniores a Red Deer e Canada La cancellazione è stata annullata dopo che quattro giocatori sono risultati positivi al COVID-19 e tre partite sono state annullate.

La notizia è stata uno shock e una delusione per l’intero mondo dell’hockey.

– Sembra di fare pipì, onestamente. Non puoi pensare troppo… in realtà non lo so. È andato dannatamente veloce. Non capisco che questo sia vero. Ti senti temuto impotente, l’attaccante Åke Stakkestad dice a Sportbladet, e continua:

– Ti senti molto triste per il fatto che non abbiamo fatto nulla di sbagliato. Abbiamo avuto una buona cosa con la squadra…Credo fermamente che abbiamo giocato contro il Canada in finale. ne sono convinto.

“Era la gente che entrava e usciva”

Dopo aver annunciato l’annullamento del torneo, i giocatori della Junior Crown testimoniano carenze significative nella “bolla” a cui l’organizzatore ha costretto i giocatori per prevenire la diffusione del contagio.

Nell’hotel in cui vivono Svezia e Stati Uniti, è stato organizzato un matrimonio per un massimo di 100 ospiti e ad altre persone è stato comunque permesso di passeggiare senza restrizioni.

– Non c’era quasi una bolla nell’hotel. A noi come squadra non era permesso fare molto e per lo più ci sedevamo nelle stanze, ma c’erano persone che entravano e uscivano dall’hotel. Ci sono anche parrucchieri nell’hotel che le persone hanno usato. Åke Stakkestad dice che sicuramente non era una bolla del genere.

READ  ke Svanstedt è riuscito a evocare prima

– Penso che noi giocatori abbiamo seguito le regole nel miglior modo possibile, ma ovviamente puoi avere opinioni sul motivo per cui le persone che non partecipano al torneo rimangono in hotel. Sono stupito di quanto sia facile raggiungere l’hotel. È deludente, dice Emil Andray, che l’accordo non sia stato abbastanza accurato.

Correre senza mascherine

Frölundabacken Simon Edvinsson:

– Avrebbe potuto essere gestito meglio.

Ha causato rabbia nella squadra?

– Ci sono state delle chiacchiere. Abbiamo visto gente correre senza mascherina e quando siamo arrivati ​​in albergo hanno pensato: “Che diavolo è questo?”

Ne hai parlato con qualcuno?

Non possiamo fare altro che prenderci cura di noi stessi. Non siamo nemmeno noi a poter chiudere l’hotel. Ma l’IIHF avrebbe dovuto gestirlo meglio.

La FIFA ha annunciato durante la notte che stanno considerando di giocare il torneo l’anno prossimo con un piano per riavviare il gioco qualche tempo dopo la prima Coppa del Mondo a maggio.

Inserito:

Iscriviti alla Newsletter SHL Ice Hockey: informazioni, opinioni, foto personali, approfondimenti e roster!