TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'asta dell'Avvocato Find the World Convention ha raggiunto 700.000 corone svedesi

Il grande successo della famiglia dopo l'acquisto all'asta: “Super divertente”

L'acquisto del cavallo da trotto della Convenzione Mondiale è stata una grande scoperta all'asta.

Il risultato finora: quattro vittorie e quasi 700.000 corone svedesi raccolte.

– È stata una grande scommessa, dice il comproprietario, l'avvocato Jesper Arfenberg.

Il bambino di sette anni del World String Compact ha vinto più di 1 milione di corone per i suoi ex allenatori, padre e figlio Untersteiner.

Il cavallo ha ottenuto diverse vittorie nella V75 ma ha subito una frattura allo zoccolo e ha dovuto essere riposato.

Nell'aprile dello scorso anno l'accordo globale è stato venduto sul sito dell'asta Travera.

Prezzo: 95.000 corone svedesi.

Ma la storia non finisce qui. Per i suoi nuovi proprietari e addestratore Alessandro Gucciadoro, il cavallo è rinato con quattro vittorie consecutive in Italia e Francia.

“Ho detto subito sì”

Dietro lo pseudonimo del proprietario Glas&Bågar si nasconde il famoso avvocato Jesper Arvenberg, che si è fatto un nome anche difendendo alcuni dei principali allenatori di trotto del paese.

Una sera, insieme al padre Björn Arfenberg, hanno avuto uno scatto d'ira improvviso e hanno attaccato Trafera.

– Eravamo seduti a casa sul divano. Poi mio padre mi ha chiamato e voleva acquistare la Convenzione Globale e mi ha chiesto se volevo partecipare. Ho detto subito di sì, ed è stato soprattutto divertente”, ha detto Jesper a Trav365.

“C'è mio padre dietro”

Le speranze non erano grandi, ma quando la Global Convention si è presentata in pista, l'entusiasmo è aumentato.

READ  Il Färjestad batte il Frölunda: si incontrano di nuovo nei quarti SM

Quattro partenze, quattro vittorie e circa 700.000 corone svedesi sono entrate sul conto in breve tempo.

-È così bello, così divertente. Il cavallo è stato molto bravo e nei modi in cui ha vinto in Italia e più recentemente a Vincennes a Parigi. Per lo più è il padre che c'è dietro. Ho posseduto qualche cavallo in passato, ma questo è il primo che abbiamo insieme, dice Jesper.

– Peter e Johann Untersteiner hanno fatto un ottimo lavoro con lui prima, ma poi si è infortunato. O guarisce bene o meno bene. È stata una grande scommessa. Ma è stato assolutamente perfetto.

Cosa ti ha detto l'allenatore Alessandro Gucciadoro del cavallo?

– È molto contento di lui e dice che si trova bene in Francia.

Il Global Compact è migliore che mai.

“La persona più straordinaria”

Anche il padre di Jesper, l'optometrista Björn Arffenberg, è molto interessato alla TRA.

Lui e Jesper erano presenti a Vincennes quando, al più tardi il 4 febbraio, venne vinta la Convenzione Universale.

Björn rende omaggio in molti modi all'addestratore di cavalli Alessandro Gucciadoro.

-Alessandro è una persona straordinaria, tutta la famiglia e anche suo padre che era anche lui allenatore di trotto. Che organizzazione. L'azienda possiede diversi cavalli in Italia, tra cui quattro cavalli di un anno iscritti a Pisa. Tutto è iniziato quando Jesper era l'avvocato di Alessandro, poi sono diventati amici, dice Björn Arfenberg.

Comprare un cavallo ferito non era una grande scommessa?

– Ovviamente lo era, non sai niente. Penso che abbia avuto due fratture a Hofburn, ma lo abbiamo mandato subito in Italia. Quella sabbia su cui si allena Gucciadoro è buonissima. Poi correva al lavoro, due lavori a settimana. Ricordo che Alessandro disse subito che era un buon cavallo.

READ  Frederik Ljungberg parla della sconfitta contro l'Arsenal nella finale di Champions League

Quando inizierà la prossima volta?

– Se verrà, sarà in gara il 28 febbraio a Vincennes, ma penso di sì. Visiteremo nuovamente Parigi la prossima volta. “L'ultima volta che siamo scesi a guardarlo è stato assolutamente surreale”, conclude Björn.

Il grande addestratore italiano Alessandro Gucciadoro e il proprietario del cavallo Björn Arfenberg divennero ottimi amici.
Alessandro e Björn dopo aver vinto l'ultima volta a Vincennes.