TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’adolescente Emilia Garib Nelson segue le orme di Anna Lindbergh

È un’altra calda giornata a Budapest.

Dopo otto giorni di intensa competizione, i migliori nuotatori del mondo hanno lasciato la capitale ungherese. Invece, sono i nuotatori che ora sono al Donna Arena a contendersi le medaglie di Coppa del Mondo.

La Svezia gareggia con tre saltatori in WC: Emma Goldstrand, 22 anni, che ha vinto il bronzo ai Campionati Europei ed è stata responsabile di un solido sforzo alle Olimpiadi della scorsa estate, e David Eckdal, che ha esordito olimpico, a 20 anni, è un doppio medaglia d’oro al JEM. Emilia Garib Nelson, 19 anni.

– È davvero interessante tornare qui a Budapest. È positivo che abbia già gareggiato qui prima, dice Emilia Garib-Nelson, che gareggerà mercoledì nella rottura di un metro e venerdì.

Nella primavera del 2021 è stato deciso il Campionato Europeo nella stessa arena. Un torneo iniziato davvero bene per la teenager di Malmö quando è arrivata quinta con un fallimento di un metro.

Ma durante la gara è arrivata la sfortuna ed Emilia si è rotta un dito.

– Stavo per fare un salto davvero duro su uno, sono stato un po’ sfortunato e ho fallito. All’inizio pensavo che non fosse così grave, ma quando stavo per saltare oltre la sporgenza, ho capito che forse non sarebbe stato così bello, dice.

– Quindi c’era del ghiaccio, del nastro adesivo e con l’aiuto di una maschera che avevamo per COVID, ci siamo protetti le dita. Così posso essere in tutte le filiali come previsto.

Questa volta spera di evitare di rompersi le dita e altre cose che possono impedirle di fare del suo meglio.

READ  L'azienda di giochi elettronici è cresciuta del 500% nelle vendite - "Ho investito completamente la mia ricchezza"
Emilia Garib Nelson spera di passare alle semifinali con un errore di tre metri.

Emilia Garib Nelson spera di passare alle semifinali con un errore di tre metri.

Foto: Millie Peterson Elavi/Bildeberan

lei era Sorella di Emilia Garib Nelson Il che la fece iniziare a nuotare, e non passò molto tempo prima che si rese conto che quello era il suo posto.

– Amo l’eccitazione e l’adrenalina, dice Emilia Garib-Nelson.

sequenza di risate:

– E mi piace girare.

Qual è la tua forza come nuotatore?

– Penso di diventare troppo bravo per andare se faccio un brutto salto. All’inizio mi irrito, ma ora lascio andare rapidamente e mi concentro invece sul salto successivo.

– È importante come nuotatore. Se rimani in quello che è successo, la competizione finirà presto e non ti dai una possibilità.

Quali sono i tuoi obiettivi in ​​Coppa del Mondo?

– Il mio obiettivo è portarmi in semifinale per tre metri. A un metro di altezza, è solo una prova e una finale, ma penso di voler essere tra i primi 20 là fuori.

La diciannovenne Emilia Garib-Nelson dice di amare lo spinning.

La diciannovenne Emilia Garib-Nelson dice di amare lo spinning.

Foto: Millie Peterson Elavi/Bildeberan

Quando Emilia Garib Nelson Un anno fa, ha vinto l’oro JEM sia nei fallimenti di un metro che di tre metri ed è stata la prima svedese a vincere una medaglia internazionale juniores nel nuoto da quando Anna Lindbergh ha vinto le medaglie alla fine degli anni ’90.

Insieme a Emma Gullstrand, Emilia Garip Nilsson dà alla speranza del nuoto svedese un futuro migliore dopo anni difficili da quando Anna Lindberg ha concluso la sua carriera attiva.

– Poco più di una settimana prima dei Campionati Europei, il Campionato Svedese è stato deciso a Stoccolma e Emma ed Emilia avevano ciascuna più di 300 punti. Questa è la prima volta che succede. Naturalmente, Anna Lindbergh detiene ancora il record svedese (345,3), ma non abbiamo mai avuto due donne forti allo stesso tempo, dice il capitano della nazionale Chris Ray che è a Budapest.

Anche se c’è speranza per la squadra del WC, il nuotatore svedese ha conquistato la vetta questa primavera.

A metà marzo è arrivata quella notizia molto sorprendente Anna Lindbergh ha rassegnato le dimissioni da capitano della nazionale Dopo solo pochi mesi a sentire la resistenza.

Il direttore sportivo Ulrika Sandmark è intervenuto come capitano ad interim della squadra nazionale, ma il piano è quello di introdurre un nuovo giocatore regolare nel prossimo futuro.