TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Turchia potrebbe bloccare a tempo indeterminato l’adesione della Svezia alla NATO

In qualità di ex alto funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, le relazioni con la Turchia erano dominio di Fiona Hill.

Quando è apparsa alla conferenza di Capodanno di Skagen Fonder all’inizio di questa settimana, era “molto pessimista” sulle possibilità della Svezia di convincere il presidente turco a rinunciare alla sua opposizione all’adesione del paese alla NATO.

– Ha detto che può ritirarlo a tempo indeterminato.

Successivamente, in un’intervista con DN, Fiona Hill ha elaborato il suo ragionamento

– Continuerà finché non otterrà ciò che vuole – o finché non diventerà difficile per lui continuare, come spiega lei.

Quindi qualunque cosa dica il governo svedese OK, ci saranno solo più richieste?

– Sì, esattamente così. E ho detto, in modi informali, ai miei partner svedesi: Ascolta, continuerà solo.

Ma alla conferenza “Popolo e difesa” a Saline questo fine settimana, il primo ministro Ulf Kristersson ha chiarito che la Turchia vuole “cose ​​che non possiamo e non vogliamo darle”.

È sicuramente la mossa giusta Prendilo, dice Fiona Hill.

– Dice che la Svezia non andrà oltre.

Hill ritiene inoltre che potrebbe “cortocircuitare” il processo, nel senso che altri paesi della NATO dovrebbero intervenire e trovare un modo per mantenere l’adesione di Svezia e Finlandia nonostante l’attuale opposizione di Ankara.

– Erdogan non sta pensando alla NATO – sta pensando alla sua posizione personale, alla politica interna e alle prossime elezioni.

Come lo convinci?

– Penso che sia necessaria più della Svezia. Richiede interventi di altri paesi della NATO, come la Gran Bretagna.

La Svezia non può contare sul sostegno americano per chiedere aiuto. Secondo Hill, Erdogan è “paranoico” nei confronti degli Stati Uniti.

READ  I severi requisiti climatici scatenano violente proteste nei Paesi Bassi

– È convinto che gli Stati Uniti gli stiano dietro, dici.

Certo i valori Erdoğan Che la Turchia è un membro della NATO, ma a differenza di quando la Turchia ha aderito alla NATO negli anni ’50, l’attuale presidente non considera la Russia una grave minaccia per il paese.

– Crede di poter trattare da solo con la Russia, dice Hill, e crede che il presidente turco stia usando la NATO come leva per realizzare le sue richieste.

Ci vorrà molto impegno da parte degli altri Paesi Nato per cercare di capire cosa può convincere Erdogan a non andare avanti così all’infinito.

Negli anni 2017-2019 Fiona Hill era la direttrice della divisione Europa e Russia presso il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ha scritto diversi libri sulle relazioni internazionali e sul presidente russo Vladimir Putin, che ha incontrato personalmente.

Gran parte di ciò che ha sentito a Skagen Fonder riguardava Putin e la guerra in Ucraina.

Anche qui è pessimista. Crede che la guerra potrebbe continuare a lungo. In combinazione con gli sviluppi sul campo di battaglia, ci vorrebbe un massiccio sforzo diplomatico multinazionale per portarlo finalmente a termine.

Quindi, anche se l’Ucraina riprendesse tutte le terre, il Donbass e la Crimea, la guerra non finirebbe?

– ovviamente no. Hill risponde che per questo serve un grande sforzo diplomatico e uno sforzo multinazionale.

Ho individuato due paesi in particolare come cardine di questo sforzo: la Cina e l’India. Crede che sia nel loro interesse porre fine alla guerra.

– Sì, soprattutto nell’interesse dell’India e vedo che dovrebbe essere anche nell’interesse della Cina. Non credo che la leadership cinese voglia essere associata a Putin e alla Russia, come dici tu.

READ  Caos in un hotel svedese in Albania: 'Fare a pezzi la piscina'.

guerra e pestilenza, ha rivelato debolezze e vulnerabilità nell’economia globale. La globalizzazione ha dovuto fare un passo indietro e Fiona Hill è tra gli analisti che prevedono che l’economia si sposterà verso un maggiore regionalismo. Le aziende cercano fornitori più vicini alla produzione.

– Vedremo più regionalismo. Ma avremo ancora bisogno di aziende globali, anche se assumeranno una forma diversa rispetto a prima.

Fiona Hill sottolinea come il mondo dipenda unilateralmente, ad esempio, dalla Cina in una serie di aree. Una dipendenza che ha dimostrato di essere dannosa.

– E ora la Germania e altri paesi europei si sono resi conto di quanto si sbagliassero nella loro dipendenza dalla produzione energetica russa. Aggiunge che è stato referenziato per decenni.

– Quello che la guerra ci ha insegnato – in fondo – è che queste dipendenze sono molto pericolose, dici.