TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La spia russa si è fermata: si infiltrerà nel tribunale di guerra dell’Aia

Una spia russa ha tentato di infiltrarsi nella Corte penale internazionale dell’Aia, secondo il servizio di intelligence olandese AIVD.

L’uomo ha trascorso diversi anni a creare uno pseudonimo complesso e stava per iniziare uno stage presso la Corte penale internazionale, ma è stato catturato.

La classifichiamo come una minaccia altamente minacciosa, afferma Eric Ackerbom, direttore generale di AIVD.

Ad aprile, Sergei Vladimirovich Cherkasov, 36 anni, è volato lì Olanda Credendo che avrebbe iniziato un apprendistato nel tribunale di guerra.

Ma poi ha preso un nome completamente diverso. Per diversi anni, la sospetta spia russa aveva costruito uno pseudonimo complesso, secondo l’AIVD. Si faceva chiamare Victor Muller Ferreira, affermando di avere 33 anni e di essere brasiliano.

L’unico problema era che l’AIVD aveva già rivelato quella che sostenevano essere la sua vera identità. Le autorità olandesi affermano che quando è atterrato all’aeroporto, il personale di sicurezza lo ha fermato e lo ha immediatamente riportato in Brasile.

Screenshot del CV di Victor Muller sul mio sito di lavoro.

Preoccupazioni per lo spionaggio russo

Secondo l’AIVD, il suo piano era di ottenere l’accesso a materiale riservato relativo alle indagini sui crimini di guerra russi in Ucraina e Georgia nel 2008, scrive Washington Post.

“Se l’ufficiale dell’intelligence fosse riuscito a ottenere l’accesso come stagista dell’ICC, avrebbe ottenuto informazioni, cercato le fonti che ha assunto e si sarebbe assicurato l’accesso al sistema digitale della corte”, ha scritto l’AIVD in un comunicato stampa. .

Fonti del governo occidentale hanno espresso preoccupazione per il fatto che la guerra in Ucraina abbia spinto l’intelligence militare russa e attività simili ad adottare un approccio più aggressivo alle operazioni di spionaggio, secondo i rapporti. Guardiano.

– Questo mostra chiaramente cosa stanno facendo i russi, cercando di ottenere l’accesso illegale alle informazioni all’interno della Corte penale internazionale. La classifichiamo come una minaccia altamente minacciosa, afferma Eric Ackerbom, direttore generale di AIVD.

Molti anni di progetto

Il sospetto tentativo di spionaggio di Sergei Vladimirovich Cherkasov era probabilmente un progetto di lunga data. Già nel 2012 ha aperto un account Facebook a nome di Victor Müller Ferreria.

Afferma che oltre a crescere in Brasile, ha studiato nelle migliori università Johns Hopkins e nel Trinity College rispettivamente di Washington e Dublino.

Foto del profilo di Victor Muller su Facebook.

Secondo l’AIVD, Cherkasov ha utilizzato “un’identità falsa ben costruita che gli ha fatto rompere tutti i legami con la Russia in generale e il GRU in particolare”.

I servizi segreti hanno anche pubblicato un documento di quattro pagine che descrive in dettaglio il presunto background immaginario e la vita di Victor Muller Ferreira.

Storia di vita dettagliata

Il documento, forse scritto dallo stesso sospettato spia, afferma, tra l’altro, tempo di studio, complessi rapporti familiari transnazionali e lavori passati.

Inoltre, ci sono dettagli strani come che odia il pesce, che gli piaceva il suo insegnante di geografia a scuola e che visitava spesso “l’unico nightclub che suona ecstasy” nella capitale brasiliana Brasilia.

In una dichiarazione, la Corte penale internazionale ha ringraziato le autorità olandesi per il loro intervento.

“La CPI è stata informata e siamo molto grati ai Paesi Bassi per questa importante operazione e in generale per il rilevamento di minacce alla sicurezza”, ha detto la portavoce Sonia Roblea all’AFP.

READ  Il ministero degli Esteri esorta gli svedesi a lasciare l'Etiopia