TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La perseveranza e lo spirito combattivo ucraini sono sorprendenti

Le principali questioni politiche riguardanti l’Ucraina e il suo futuro sono state discusse venerdì a Bruxelles nell’Unione Europea, a San Pietroburgo in Russia e a Washington, DC negli Stati Uniti. Ma sul terreno, massicci attacchi russi e instancabile difesa ucraina hanno continuato a combattere città dopo città, metro dopo metro nell’Ucraina orientale.

Le morti di civili, i crimini di guerra e l’infinita miseria delle persone nella regione del Donbass continuano a essere una vita quotidiana orribile per le persone colpite. La segnalazione di scene di guerra è diventata quasi impossibile durante la brutale invasione russa.

Ma ci sono rapporti secondo cui l’esercito ucraino è riuscito a mantenere il morale e la volontà di combattere:

“La strategia dell’esercito ucraino è sempre stata efficace”, ha detto all’AFP Ivan Klichitz dell’Università di Tartu in Estonia.

Un militare francese, che ha chiesto di non essere nominato, è d’accordo, citando la perseveranza dell’Ucraina nella difesa delle città occupate.

– Ogni volta che le forze russe (da parte dell’esercito ucraino) vengono ritardate in una città, impediscono anche alle truppe di usare la forza dinamica per invadere le regioni e occupare le città.

riparato al riparo

Ma nel fervore della battaglia, e tra i resti dei campi di battaglia, la realtà è terribile. Secondo Serhiy Hajjaj, governatore di Luhansk, continuano pesanti combattimenti a Severodonetsk, nell’Ucraina orientale.

“Ora è impossibile e fisicamente pericoloso lasciare la fabbrica a causa dei continui bombardamenti e combattimenti di artiglieria. Ci sono 568 persone nel rifugio, inclusi 38 bambini”, ha detto Hajjaj in un post su Telegram.

Non è possibile lasciare la struttura senza un cessate il fuoco completo”.

All’inizio di questa settimana, Hajjaj ha detto che circa 10.000 civili sono rimasti nella città, che è in gran parte controllata dalle forze russe.

READ  SVT nel sito del deposito petrolifero bombardato: "grande battuta d'arresto per l'Ucraina"

Allo stesso tempo, la città gemella di Lysethenec è sotto il fuoco russo e la principale autostrada che porta fuori città non è più impraticabile, ha detto Hajjaj.

Si dice che la città si stia preparando per possibili battaglie di strada con le forze russe che ora combattono a Severodonetsk sull’altra sponda del fiume Donets, secondo l’AFP sul sito.

manca di elettricità

Ci sono anche ulteriori informazioni sull’attentato di giovedì a Lisitjonik quando un centro culturale della città è stato dato alle fiamme. Si dice che quattro persone siano morte nell’attacco all’edificio, che ospitava, tra le altre cose, una biblioteca ed era un luogo in cui i residenti cercavano protezione durante la guerra.

La polizia locale ha detto che altre dieci persone sono rimaste ferite, alcune in modo grave, dopo essere rimaste intrappolate sotto le frane. La polizia afferma che i feriti sono stati portati nella vicina città di Bashmut per essere curati perché l’ospedale di Lisitjonik è privo di elettricità.

Le Nazioni Unite avvertono della difficile situazione umanitaria in Ucraina. La situazione nel Donbass orientale, in particolare, è “estremamente allarmante e continua a deteriorarsi rapidamente”, ha affermato in una nota il Coordinatore umanitario dell’OCHA.

Al 15 giugno, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha verificato oltre 983 vittime civili nel Paese, di cui 4.452 morti e 5.531 feriti. Il numero effettivo dovrebbe essere molto più alto.

Johnson ha incontrato Zelensky

Venerdì, il primo ministro del Regno Unito Boris Johnson si è recato in visita senza preavviso a Kiev, dove ha incontrato il presidente Volodymyr Zelensky. Johnson ha ribadito che gli inglesi stanno dietro l’Ucraina e Zelensky ha detto in un post su Telegram di essere grato per il sostegno della Gran Bretagna.

READ  Peggior giorno dell'epidemia: 3.293 morti | notizia

Zelensky afferma anche che lui e Johnson condividono una “visione comune su come ottenere la vittoria” in guerra. Si dice che i due leader abbiano discusso delle capacità di difesa dell’Ucraina e della situazione in prima linea.

Abbiamo parlato in particolare della necessità di aumentare la fornitura di armi pesanti. La cosa principale oggi è fornire all’Ucraina la difesa aerea. Stiamo iniziando a muoverci in quella direzione. Gli attacchi dei robot russi continuano a rappresentare una minaccia per il nostro popolo, sull’intero territorio dell’Ucraina. Zelensky ha aggiunto che la stragrande maggioranza degli attacchi robotici dell’esercito russo vengono effettuati contro persone comuni, su infrastrutture civili: alloggi, scuole, ospedali, università e trasporti.

Il primo ministro britannico Boris Johnson e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Kiev venerdì. Foto: AP/TT

Aree sotto il controllo russo e aree con presenza militare russa il 16 giugno.

Aree sotto il controllo russo e aree con presenza militare russa il 16 giugno. Foto: Johan Hallnäs/TT