TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La peggiore siccità nell’Europa meridionale in 1.200 anni dopo l’ondata di caldo

Nell’Europa meridionale imperversa una grave siccità.

È la peggiore siccità che Spagna e Portogallo abbiano visto in 1.200 anni. In Italia è il peggiore degli ultimi 70 anni. La produzione alimentare e l’approvvigionamento idrico sono ora minacciate nei paesi.

– Se non piove prima di almeno cinque giorni, tutto andrà perso, dice il coltivatore di riso Fabio Camisani.

Spagna E il Portogallo La ricerca ha dimostrato che la peggiore siccità degli ultimi 1200 anni. Scrive che la produzione alimentare e il turismo sono gravemente colpiti nei paesi Guardiano.

La penisola iberica, che comprende Spagna, Portogallo e Andorra, ha subito negli ultimi anni sempre più ondate di caldo e siccità, e nel maggio di quest’anno in Spagna è stato un caldo record.

La pioggia di solito arriva durante l’inverno, quando la bassa pressione soffia dall’Oceano Atlantico. Ma l’alta pressione, chiamata “alto azzurro”, ora può prevenire le precipitazioni. La ricerca mostra che queste alte pressioni diventano più comuni durante gli inverni nei paesi.

Questo è perfettamente in linea con quello che le persone nel 20° secolo pensavano fosse uno scenario peggiore. Ma penso che oggi dobbiamo prepararci a condizioni peggiori in futuro, afferma Park Williams, climatologo dell’Università della California, Los Angeles, ad AP.

L’insolita ondata di caldo ha causato diversi incendi nell’Europa meridionale.

Inoltre, il fiume Tago, il fiume più lungo della regione, è ora in pericolo asciugare completamente.

Il fiume è crollato a causa di una combinazione di cambiamenti climatici, trasporto dell’acqua e rifiuti prodotti da Madrig, afferma Miguel Angel Sanchez, portavoce della piattaforma di difesa di Tagos.

READ  Ecco come potrebbe essere l'appartenenza alla NATO

In Portogallo sono stati bruciati diversi incendi boschivi, con 29 persone ferite finora. Più di 3.000 vigili del fuoco hanno partecipato domenica ai lavori antincendio. scrive ap.

Ma non sono solo la Spagna e il Portogallo ad essere stati colpiti duramente.

In questo momento, l’Italia sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 70 anni, scrive Washington Post. La siccità colpisce la produzione di riso e l’approvvigionamento di acqua potabile.

Né mio padre né io abbiamo mai visto niente di simile prima. Se non piove prima di almeno cinque giorni, perderemo tutto, dice Fabio Camisani, 52enne coltivatore di riso milanese, Financial Times.

Nel bacino del fiume Po, i livelli dell’acqua sono record dopo diversi mesi con piogge insolitamente scarse. L’intenso caldo estivo ha esacerbato la situazione e costretto le autorità di alcune zone a imporre restrizioni idriche.

Un terzo della popolazione del Paese vive nelle aree intorno al bacino padano.

La ricerca stima che il 30 per cento dei raccolti di riso scomparirà. È una perdita devastante in quanto l’Italia è responsabile di oltre il 50 per cento della produzione europea di riso.