TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La moglie di Yaroslav è morta in un attentato dinamitardo: la guardia del rifugio stava dormendo

La moglie di Yaroslav è morta quando il santuario di Kiev è stato chiuso.

Dopodiché trovò la guardia addormentata che non aprì:

– Ero molto turbato e gli ho dato un pugno in faccia, dice Yaroslav.

Alle 2:49 di giovedì scorso, l’allarme aereo è scattato nella capitale dell’Ucraina, Kiev, proprio come quasi ogni notte durante il mese di maggio.

Yaroslav Ryabtok ha perso sua moglie giovedì in un attacco missilistico russo a Kiev.
Yaroslav Ryabtok ha perso sua moglie giovedì in un attacco missilistico russo a Kiev.

Jaroslav Rjapetjuk, la sua compagna Natalia e la loro figlia Polina, 9 anni, hanno preso le borse d’emergenza preparate per loro e sono corsi verso il rifugio più vicino, nel seminterrato dell’ospedale pediatrico accanto alla loro casa, dove erano soliti nascondersi. Ma la porta è chiusa stasera.

Tre persone, tra cui un bambino, sono state uccise nell'attacco a Kiev.
Tre persone, tra cui un bambino, sono state uccise nell’attacco a Kiev.

– Ho avuto una brutta sensazione, Jaroslaw Rjapetjuk racconta al quotidiano Grati.

Advance partner e figlia. Quando è arrivato Yaroslav, una decina di donne e bambini stavano bussando alla porta del rifugio, ma nessuno ha aperto. Qualcuno ha detto a Yaroslav di andare a cercare un altro ingresso.

– Quando sono arrivato, sono iniziate le esplosioni. Era come se cadessero le stelle. Le schegge sono cadute su di me, ma non mi sono fatto male. Quando sono tornato all’ingresso, tutti stavano urlando. Yaroslav dice che correvano coperti di sangue, mentre altri giacevano a terra.

La figlia è sopravvissuta

La compagna Natala è morta, Yaroslav l’ha riconosciuta dai vestiti e dalla borsa. Ma sua figlia, Polina, è sopravvissuta. Secondo Jaroslav, è stato perché Natalya e un’altra donna hanno spinto la ragazza contro il muro e l’hanno protetta con i loro corpi.

READ  Israele si sta comportando come Hitler

Le finestre e le porte del rifugio erano state abbattute dall’esplosione e Jaroslav era riuscito ad entrare. Yaroslav ha detto di aver trovato lì il guardiano addormentato e che puzzava di alcol.

Un edificio distrutto da un drone giovedì notte.
Un edificio distrutto da un drone giovedì notte.

– Ero molto turbato e gli ho dato un pugno in faccia. Se avessi visto tua moglie in tale stato, dice Yaroslav Lagraty, e sapessi che non ha aperto le porte per dieci minuti, avresti potuto fare lo stesso.

Il buttafuori è ora in custodia e tre dei suoi manager sono agli arresti domiciliari per sospetto di cattiva condotta, ma un test dell’etilometro ha mostrato che il buttafuori era sobrio. Jaroslav Rjapetcuk pensa ancora che dovrebbe essere severamente punito:

– Se avesse aperto le porte, tutti avrebbero potuto vivere.

La guardia stessa racconta di aver provato ad aprire le porte ma non ci è riuscito. Secondo il quotidiano Vazjnije Istorii.

E Victoria Evasjko, 9 anni, è morta fuori dal rifugio.
E Victoria Evasjko, 9 anni, è morta fuori dal rifugio.

Tre persone sono state uccise

Giovedì notte, le difese aeree di Kiev hanno respinto tutti e nove i missili russi Iskander in arrivo, ma Victoria Ivashko, 9 anni, la compagna di Yaroslav, Natalia, e un’altra donna sono morte fuori dal ricovero per bambini dell’ospedale quando le schegge sono cadute sulla capitale ucraina. Inoltre, nove persone sono rimaste ferite.

– Abbiamo subito una tragedia. Le persone non potevano raggiungere un rifugio. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato in seguito che le autorità locali devono migliorare.

Zelensky ha detto con tono leggermente sottile, probabilmente al sindaco di Kiev, l’ex pugile Vitali Klitschko:

READ  Una sparatoria mortale scatena proteste contro la violenza della polizia negli Stati Uniti

– Questo potrebbe essere un knockout.

Il sindaco Vitali Klitschko ha promesso dopo la morte di giovedì che le pattuglie della polizia continueranno a controllare di notte lo stato dei rifugi a Kiev. Secondo Meduza Magazine.