TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La lotta fa gli straordinari al Summit sul clima

Quando l’orologio ha suonato le 18 a Glasgow, il vertice sul clima COP26 a Glasgow è entrato ufficialmente negli straordinari. L’accordo richiede quasi 200 paesi di tempo.

La formulazione è stata modificata e le decisioni da inserire nel documento finale, che rappresenta un equilibrio tra le richieste dei paesi vulnerabili al clima, i maggiori emettitori del mondo e dei paesi le cui economie dipendono dai combustibili fossili.

Ma c’è ancora opposizione a varie parti delle proposte.

Venerdì pomeriggio, il ministro del clima Per Polund (MP) ha dichiarato: – Possiamo concordare le caratteristiche principali già ora, ma ciò richiederà una continua mancanza di dettagli.

In serata – e forse di notte – si svolgeranno ulteriori trattative per cercare di trovare una soluzione. La Polonia crede che il più difficile sarà il finanziamento del clima e le regole che riguardano lo scambio di emissioni tra i paesi.

smaltimento del carbone

Le versioni precedenti dell’incontro sono state indebolite per eliminare gradualmente tutti i sussidi al carbone e tutti i sussidi ai combustibili fossili nella bozza finale del documento da applicare solo al carbone più inquinante e ai sussidi ai combustibili fossili “inefficienti”.

Dobbiamo ancora lavorare per assicurarci che non venga diluito e completamente rimosso dal prossimo documento, afferma la Polonia.

È molto importante, non ultimo, rispondere alle aspettative esistenti non solo avere parole e parole vuote, ma agire concretamente.

Se lo scritto sopravviverà, sarà la prima volta che un documento finale del vertice sul clima delle Nazioni Unite contiene un riferimento ai combustibili fossili, la principale causa del riscaldamento globale. Paesi come l’Arabia Saudita, la Russia e l’Australia hanno combattuto per sbarazzarsi di quella che oggi viene chiamata la “parola F” a Glasgow.

READ  Le stesse parole del principe Joachim sull'insoddisfazione in famiglia

aumentare l’ambizione

La bozza invita inoltre i paesi ad accelerare e sviluppare i propri obiettivi climatici all’inizio del prossimo anno.

Ma il testo è formulato molto male in una serie di settori, secondo la Società svedese per la conservazione della natura, che vuole una scrittura più chiara, ad esempio, su ambizione, adattamento e finanziamento.

Questo è un incontro molto importante e la proposta sul tavolo è una delusione in questo momento in termini di ciò che è necessario, afferma il segretario generale Karen Lixen.

Allo stesso tempo, c’era una volontà più costruttiva in questo incontro sul clima rispetto a prima, ma ancora molto poco nell’esito dei negoziati.

Per la terza volta fortunato

Uno degli obiettivi della COP26 è completare il cosiddetto libro delle regole dell’Accordo di Parigi, che i due precedenti incontri sul clima non sono riusciti a raggiungere. Riguarda come dovrebbe essere regolamentato lo scambio di emissioni tra paesi, quanto dovrebbe essere trasparente la rendicontazione e quanto spesso i paesi dovrebbero riferire sulla loro azione per il clima.

Matthias Friedahl, ricercatore sul clima presso la Linköping University, pensa che la cosa più importante per la COP26 sia l’accordo sul regolamento.

Il compito di Glasgow era quello di completare il regolamento. Se lo mettiamo in atto, penso che si possa dire che è un incontro di successo.

Tuttavia, il fatto che il regolamento del porto sia stato lodato non significa che il mondo sia riuscito nell’azione per il clima, afferma. Ma può aiutare a raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi.

Abbiamo bisogno di tutti gli strumenti dell’accordo di Parigi per lavorare con le ambizioni climatiche. Senza strumenti, dice Friedal, sarebbe difficile fare un lavoro sul clima.

READ  L'ex capo della Volkswagen dovrebbe pagare miliardi di danni

Litigare per soldi

Il conflitto tra ricchi e poveri è stato esposto a Glasgow, poiché i paesi meno sviluppati stanno diventando sempre più visibili nelle loro richieste di maggiori finanziamenti. Servono soldi per adattare le società ai cambiamenti climatici e coprire i danni già arrecati.

Ma oggi, la maggior parte dei paesi ricchi vuole il proprio sostegno ai paesi poveri principalmente per ridurre le emissioni.

– Servono molti soldi e ce ne sono pochissimi. Questo è un vero problema importante per Glasgow, afferma Friedal.

Senso vietato

Sebbene i negoziati ruotino in gran parte attorno a paragrafi, dettagli tecnici e disaccordi sulla scelta delle parole, il compito più grande è garantire che le nazioni del mondo facciano di più per ridurre le emissioni di gas serra.

Finora, gli sviluppi puntano nella direzione sbagliata. Le emissioni aumentano anziché diminuire. La Gran Bretagna, il paese ospitante, spera di mantenere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi.

Per far fronte a questo, le emissioni devono essere ridotte del 45% entro il 2030, rispetto al 2010, secondo il Climate Panel IPCC delle Nazioni Unite. Oggi la temperatura è di 1,1 gradi, il che dà già l’impressione di condizioni meteorologiche estreme, siccità e inondazioni.

Al momento, le promesse degli stati climatici indicano un riscaldamento di almeno 2,4 gradi alla fine del secolo.

“Le dichiarazioni fatte qui a Glasgow sono incoraggianti, ma non abbastanza”, ha detto giovedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Fatti: Vertice delle Nazioni Unite sul clima

Il vertice sul clima delle Nazioni Unite COP26 si terrà a Glasgow, in Scozia, dal 31 ottobre al 12 novembre. Doveva svolgersi a novembre dello scorso anno, ma è stato rinviato a causa della pandemia.

READ  Analisi: i manifestanti hanno sparato ai civili con armi automatiche

Durante l’incontro, i due paesi negozieranno, tra l’altro, come attuare concretamente l’Accordo di Parigi. Alcuni problemi con il cosiddetto regolamento rimangono irrisolti. Inoltre, l’accento sarà posto su come aumentare le ambizioni nella politica climatica globale.

Nell’Accordo di Parigi del 2015, la maggior parte del mondo ha concordato di mantenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2 gradi, e preferibilmente inferiore a 1,5 gradi, rispetto ai tempi preindustriali.

Secondo le Nazioni Unite, le promesse delle parti sul clima prima della COP26 indicavano un riscaldamento globale di 2,7 gradi alla fine del secolo.