TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra è stata un disastro nella politica di sicurezza della Russia

Prima dell’invasione dell’Ucraina da parte del presidente Putin, una delle sue richieste più importanti era che Svezia e Finlandia non aderissero alla NATO.

Ora sta andando a pagare molto con la sua guerra ingiustificata.

Punto per punto, Putin si è sparato a un piede.

Sembra un po’ lontano adesso, quell’elenco di requisiti Nato Piace Russia Presentato dal presidente a Natale, che la maggior parte ha respinto come una mossa negoziale totalmente irrealistica.

I punti più importanti erano:

  • La NATO deve ritirare tutte le forze Dall’antica Europa orientale, compresi i paesi baltici e balcanici.
  • La NATO dovrebbe Vietato espandersi a est In particolare, Finlandia e Svezia non potevano aderire alla NATO.
  • Voleva la Russia garanzie scritte Che all’Ucraina non sarà mai permesso di aderire all’Alleanza per la difesa occidentale.
  • nessun altro Le ex repubbliche sovietiche preferirebbero aderire.

Quando l’Occidente e la NATO hanno respinto queste richieste, ma hanno cercato di risolvere il conflitto diplomaticamente, Putin ha scelto invece di lanciare un’invasione su vasta scala dell’Ucraina il 24 febbraio.

Il risultato di ciò è stato che le richieste che Putin ha rivolto punto dopo punto alla NATO erano esattamente nella direzione opposta a ciò che Putin chiedeva e voleva.

L’invasione dell’Ucraina da parte di Putin è stata un disastro per la sicurezza. Qui con il ministro della Difesa Sergei Shoigu.

Prima dell’invasione russa, in Svezia non si discuteva seriamente sull’adesione alla NATO. Non c’era né una maggioranza in Parlamento né una maggioranza popolare per l’adesione. La Svezia ha mantenuto la sua libertà di alleanza e si è accontentata di una stretta cooperazione con la NATO.

READ  Karen Ericson: Biden ha problemi a parlare in un linguaggio semplice

Né la Finlandia aveva in programma di aderire alla NATO.

Il più grande calvario

In meno di due mesi la situazione è completamente cambiata. Ora sembra che sia la Svezia che la Finlandia si stiano dirigendo verso l’adesione alla NATO a passi da gigante. Minacciare la Russia con un’azione militare non aiuta.

Come pensava Putin lì? Come pensava che la Svezia e la Finlandia avrebbero reagito quando avrebbero attaccato un vicino pacifico?

Negli Stati Uniti e in molti paesi occidentali, il percorso nordico verso l’adesione è visto come il più grande calvario della guerra di Putin fino ad oggi.

Nonostante l’invasione russa della Georgia nel 2008, con l’annessione della Crimea e la guerra nell’Ucraina orientale nel 2014, l’Occidente ha iniziato a considerare la Russia una minaccia immediata e seria.

Un soldato ucraino è in un fosso dopo un attacco dei separatisti filo-russi a Novolohansky, nella regione di Luhansk.

Solo in seguito la NATO iniziò a schierare forze di combattimento in paesi come Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania.

Sulla scia dell’invasione russa di quest’anno, la NATO ha notevolmente ampliato la sua presenza militare nei paesi che in precedenza facevano parte della sua alleanza militare, il Patto di Varsavia. Il presidente della NATO Jens Stoltenberg ha annunciato alcuni giorni fa che la NATO dispiegherà permanentemente più soldati in queste aree per contrastare l’aggressione russa.

Anche qui la guerra di Putin ha avuto l’effetto esattamente opposto alle richieste che aveva avanzato prima di Natale.

La Crimea è annessa alla Russia dal 2014.

Un’altra importante richiesta russa era garantire che l’Ucraina o altre ex repubbliche sovietiche non aderissero mai alla NATO.

READ  Studio DN sui risultati elettorali e la situazione politica in Cile

la guerra è un disastro

Sebbene l’Ucraina sia ancora lontana dall’adesione, il sostegno occidentale all’Ucraina è stato a un livello senza precedenti. A poco a poco, i paesi della NATO hanno fornito all’Ucraina armi più avanzate. L’Unione Europea, che prima non aveva inviato armi a nessuno, ha stanziato dieci miliardi di corone per l’acquisto di armi per l’Ucraina.

Gli sforzi del mondo occidentale sono stati assolutamente critici per la capacità dell’Ucraina di difendersi da una Russia militarmente superiore. Poiché è stato fatto così eroicamente e i russi hanno mostrato un intero elenco di crimini di guerra, il sostegno del mondo occidentale è aumentato ancora di più.

I capi di governo e dei ministri degli esteri europei si mettono in fila per recarsi a Kiev dilaniata dalla guerra e rassicurare il presidente Zelensky sul loro continuo sostegno. Se gli ucraini scelgono dopo la guerra, non vorrai essere sotto le ali dell’assassino di massa Putin.

Jens Stoltenberg ha annunciato pochi giorni fa che la NATO schiererà permanentemente più soldati in queste aree per contrastare l’aggressione russa.

Georgia e Moldova, entrambe ex repubbliche sovietiche, hanno presentato domanda di adesione all’UE una settimana dopo l’invasione russa.
La Georgia spera ancora di diventare un membro della NATO in futuro.

Dal punto di vista russo, la decisione di Putin di invadere l’Ucraina è stata un disastro. Tutti gli obiettivi che avevano nei loro tentativi di creare un nuovo ordine di politica di sicurezza in Europa che fosse più adatto alla Russia, furono vanificati dalla guerra. Almeno a breve termine.

Una possibilità è che l’elenco delle richieste russe fosse solo una scusa per iniziare la guerra e distruggere l’Ucraina. In questo caso, è successo a caro prezzo sia per la Russia che per Putin.

Tutto è distrutto

L’ex agente del KGB ha trascorso i primi vent’anni del suo tempo al potere cercando di elevare il tenore di vita dei russi, consolidare il loro potere e portare la forza dell’esercito russo nell’antichità.

Nel giro di due mesi è riuscito a distruggere tutto.

La Russia è soggetta alle sanzioni più mortali mai colpite da una grande potenza. A lungo termine, l’economia rischia il collasso. Il nuovo orgoglioso esercito russo ha dimostrato in molti modi di essere una fortezza nell’aria. Anche se non conosciamo esattamente le perdite russe, sono state terribilmente grandi in così poco tempo.

Putin avrebbe potuto continuare a costruire la prosperità della Russia. Invece, ha scelto di spararsi a un piede.

Inserito: