TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La giornata difficile di Oberg, che gli ha tolto una possibilità di salire sul podio

Aggiornato il 14.02 | Pubblicato il 13.16

Elvira Oberg.  Foto d'archivio.

Due barriere immediatamente – e quattro in totale.

Elvira Öberg ha bruciato la possibilità di salire sul podio all’inizio dell’inseguimento con un tiro scadente.

“È un peccato non cogliere davvero l’occasione”, dice Oberg dopo il quinto posto a Lenzerheide.

È stata una giornata strana quella delle finali di Coppa del Mondo nella località sciistica svizzera, con tiri mediocri per la stragrande maggioranza.

Ad esempio, la vincitrice Justine Presaz Bouchet ha commesso tre errori, ma è comunque riuscita a vincere la seconda gara consecutiva. Giovedì scorso la francese ha vinto anche la gara sprint.

Elvira Öberg aveva una buona posizione quando è uscita nel quinto, ma la sua furia di tiri è iniziata subito con due battute in vista.

-Le barriere bugiarde rappresentano una grande negligenza da parte mia. Il primo scatto arriva troppo velocemente, ho troppa pressione con il dito e l’ultimo sparo è stato una sfocatura negli occhi e stavo mirando male, ha detto a SVT.

Opportunità sprecata

Ma il fatto che i tiri degli altri fossero mediocri ha fatto sì che la possibilità di un podio rimanesse fino al tiro finale di Oberg, che lo scorso fine settimana a Hochfeldzen ha ottenuto la vittoria e il secondo posto.

Ma Oberg ne ha mancato uno in prima e uno in seconda. Quest’ultimo era troppo e alla fine ho perso 14 secondi dal podio.

– Avevo una buona sensazione di stare in piedi, ed è un peccato non cogliere l’opportunità durante le riprese per ottenere un posto sul podio, dice Elvira Oberg.

READ  Infortunio di Jim Gottfriedsson - L'incubo della Svezia in vista della Coppa del Mondo di pallamano

Gli avversari hanno raggiunto il loro apice

Linn Persson si è piazzato subito dopo Elvira Öberg al sesto posto. La persona ha sparato due blocchi.

Alla fine Elvira Öberg era a circa 1,30 dal vincitore.

Brizaz Bouchet ha vinto con 25 secondi di vantaggio sulla sua compagna di squadra e avversaria, Julia Simon.

Le sorelle francesi sono coinvolte in un’operazione legale poiché Julia Simone è sospettata di aver utilizzato la carta di credito della sua compagna di squadra per acquistare beni.

Fanno ancora i pugni dopo la gara.

– Non andremo in vacanza insieme, Simon ha commentato la loro relazione alla prima della Coppa del Mondo a Östersund.

La norvegese Marit Eschol Skogan è arrivata terza a sorpresa, mentre la sua compagna di squadra Ingrid Landmark Tandrevold, leader della Coppa del Mondo, ha avuto una giornata da incubo, finendo 15a dopo sette ostacoli.

La cosa positiva per la squadra svedese è che le sorelle Hanna Öberg (22°/5° ostacolo) ed Elvira hanno ottenuto il tempo più veloce e il secondo più veloce.

Mona Brorson è arrivata 13a con due errori.