TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Francia ha occupato più di cento teatri

Bandiere rosse e nere pendono dai tetti del Théâtre de l’Odéon.

Uno di loro dice “Odeon è stato messo a tacere!”

D’altra parte, “la cultura è sacrificata!”

Quasi due mesi fa – dal 4 marzo – questa fase patriottica è stata occupata a Parigi.

C’è una “compatibilità” tesa tra gli occupanti e le guardie di sicurezza dell’amministrazione del teatro, e ci vogliono alcune ore prima che un trasmettitore DN possa entrare.

All’inizio ci sono stati degli scontri fisici con le guardie. Non era quello che volevamo, ma a volte accade durante le rivoluzioni, dice l’occupante Val Messadian, mentre ci appare nel quartiere.

immagine 1 Di 3
Sono in corso lavori di segnaletica nell’atrio del teatro.

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 2 Di 3
Il ballerino e attore Sebastian Piroque si prepara per una nuova dimostrazione.

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 3 Di 3

Fotografia: Mehdi Shebel


Nell’atrio veniamo accolti da persone dipinte di fresco Striscioni che si trovano sull’asciugatrice. Cibo e articoli da toeletta sono impilati sulle colonne decorate in oro. I programmi di pulizia sono impostati sulle porte anteriori.

Gli occupanti sono chiaramente qui per restare.

Abbiamo una rete esterna che ci supporta con acquisti e altro. Se qualcuno di noi ha bisogno di uscire, deve venire qualcun altro. Altrimenti perderemmo una persona qui, secondo l’accordo che abbiamo ora con la direzione del teatro. E non vogliamo essere da meno: c’è davvero molto da stare qui, dice Val Messadian, che lavora quotidianamente come regista.

immagine 1 Di 2
Il regista Val Messadian è al centro del treno della parata.

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 2 Di 2

Fotografia: Mehdi Shebel


READ  La russa Nadezhda Karpova critica la guerra di Putin in Ucraina

I 45 occupanti non sono esclusivamente operai teatrali, ma la maggior parte di loro ha qualche legame con le arti dello spettacolo. E hanno il supporto attivo della CGT Spectacle Theatre Association.

Da quando l’Odeon è stato conquistato all’inizio di marzo, più di cento teatri e altri centri culturali sono stati occupati in tutta la Francia. Qualcosa è stato spostato.

Su un balcone all’interno dell’auditorium del teatro, Alessandra Aldana, 26 anni, si sta riprendendo. La scorsa notte si è seduta e ha disegnato cartelli nelle prime ore del mattino, spiegando un po ‘di scusa quando si sedeva sul divano.

È molto difficile dormire qui, la luce è costantemente accesa. Dovresti approfittare di tutti i momenti di pace.

Alessandra Aldana dorme in un palco al Teatro Odeon di Parigi.

Alessandra Aldana dorme in un palco al Teatro Odeon di Parigi.

Fotografia: Mehdi Shebel

Questo è il suo cinquantesimo giorno. Ha stretto nuove amicizie durante l’occupazione, ma ha anche realizzato la grande sfida della missione: tutto è pratico nella vita di tutti i giorni.

– All’inizio non abbiamo fatto la doccia. “Adesso ci siamo sistemati”, dice Alessandra Aldana, ma devono esserci 45 persone che condividono il bagno, il che non è esattamente facile.

I sacchi a pelo sono distribuiti tra le file di sedili. Nelle sale laterali del teatro, diversi gruppi di lavoro discutono degli spettacoli e del menu di questa settimana. Due volte al giorno si tengono grandi riunioni: alle 9 e alle 19 del mattino.

Quasi tutti i miei amici che lavorano nel settore culturale sono disoccupati. Comprendiamo che dobbiamo ridurre il rischio di contagio, ma se la Francia ora va verso un’apertura, il governo deve rendersi conto che non sarà più quello di prima. Molti piccoli pallet avranno bisogno di un supporto eccezionale, ad esempio se sono necessarie sedie vuote tra ciascuna estremità, afferma Alessandra Aldana.

immagine 1 Di 3

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 2 Di 3

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 3 Di 3

Fotografia: Mehdi Shebel


Dietro di lei, bandiere rosse sventolano dalle statue nel corridoio. È facile riferirsi alla primavera del 1968, quando il Théâtre de l’Odéon era occupato da studenti di estrema sinistra e operai teatrali.

Ma l’occupazione oggi è un’altra cosa, anche se rimane il carattere un po ‘di sinistra. Circa 6.000 pazienti Covid sono stati curati nelle unità di terapia intensiva francesi e più di 100.000 sono morti a causa della malattia nell’ultimo anno. Fuori dal palco, la maggior parte delle cose sono intasate e qualsiasi onda sinistra è difficile da discernere, per non dire altro. C’è il coprifuoco tra le 19 e le 6.

È una situazione vulnerabile quasi esistenziale in cui viviamo. Tutti qui hanno qualcuno abbastanza vicino che è morto il covid-19. Ma la maggior parte di loro è anche disoccupata da poco più di un anno. L’attrice Renata Antuntant dice che la cosa importante ora è che ci incontriamo, ci raduniamo e lavoriamo insieme, perché il modo in cui il governo ha gestito questa crisi è soggetto a tutte le critiche.

immagine 1 Di 2
L’attrice Renata Antunant.

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 2 Di 2

Fotografia: Mehdi Shebel


In Francia, gli operatori culturali devono lavorare 507 ore per anno civile per ricevere l’indennità di disoccupazione. Ciò corrisponde a circa tre mesi di lavoro a tempo pieno.

Dopo la prima ondata di Covid-19, il governo francese ha deciso di concedere un’esenzione di un anno – il cosiddetto anno “bianco” – che ha permesso di continuare a vivere con l’indennità di disoccupazione. Sono in corso trattative per estendere l’esenzione per un altro anno.

È importante per noi come agenti culturali, perché altrimenti nessuno sa cosa accadrà quando il sistema tornerà alla normalità in agosto. Ma non si tratta solo di noi. Renata Antuntant afferma che la riforma del governo riguarda tutti i dipendenti a tempo determinato, molti dei quali molto severi.

Lo afferma il governo La riforma è necessaria per correggere gli squilibri del sistema e si riferisce a un’estensione del periodo di compensazione di una media di tre mesi. Ma i sindacati avvertono che più di un milione di disoccupati riceverà un’indennità di disoccupazione inferiore rispetto a prima (l’indennità media è inferiore del 17%, secondo il quotidiano. il mondo).

Gli attivisti chiedono anche un aumento del sostegno diretto al settore culturale. A marzo, il governo ha promesso di fornire altri 97 milioni di euro (quasi un miliardo di corone) per sostenere la sfera culturale, ma i sindacati vogliono aumentare questo numero cinque volte per dare alla cultura un vero impulso dopo l’apertura.

immagine 1 Di 3
Manifestazione di strada il 23 aprile a Parigi.

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 2 Di 3

Fotografia: Mehdi Shebel

immagine 3 Di 3
Eric de la Regera e Mehdi Chebel.

Fotografia: Mehdi Shebel


Quando la Francia ha chiuso i battenti per la terza volta lo scorso inverno, il governo ha anche cercato di soddisfare il settore culturale dando alle biblioteche un posto come negozi “indispensabili”, consentendo alle biblioteche di rimanere aperte, insieme a negozi di alimentari e farmacie .

Ci sono diverse indicazioni che musei e teatri potranno aprire contemporaneamente all’apertura di grandi edifici commerciali quando il contagio diminuirà, in questo caso una concessione da parte di Emmanuel Macron. In autunno, come in Svezia, il governo è stato duramente criticato per aver mantenuto aperti i centri commerciali, mentre centri culturali, musei e teatri ben ventilati sono stati costretti a chiudere di nuovo.

Tuttavia, ci sono alcuni punti interrogativi sulle regole che entreranno in vigore questa estate. Si parla di certificati sanitari speciali e vaccinazioni che potrebbero consentire di accogliere un pubblico più vasto. Ma come l’anno scorso, molti festival rischiano di essere cancellati a causa dei limiti di pubblico.

La Francia è in pericolo La vita culturale – che ha beneficiato di un massiccio sostegno del governo dalla fine degli anni ’60 – non sarà la stessa dopo la pandemia. Ci sono rapporti che un gran numero di compagnie teatrali indipendenti sono sull’orlo del collasso.

Il malcontento nel settore culturale cresce anche in altre parti d’Europa. In Belgio, i teatri intendono aprire le porte al pubblico già dal 1 ° maggio, indipendentemente dalle restrizioni in vigore in quel momento. Non è raro che le proteste siano guidate da giovani lavoratori culturali appena laureati che non hanno avuto il tempo di stabilirsi nel mercato del lavoro e che hanno difficoltà a qualificarsi per l’assicurazione contro la disoccupazione o il sostegno in eccedenza.

Sasha Negevirgen è attiva in una piccola compagnia di danza a Lille, nel nord della Francia. Testimoniando quanto sia difficile sopravvivere per i suoi giovani ballerini, riceve un applauso quando racconta in un discorso infuocato fuori dall’Odéonteatern che hanno preso parte a un’occupazione teatrale a Lille.

A: Non è che smettiamo di lavorare, perché ripetiamo, iteriamo e iteriamo … È solo che non veniamo più pagati. Non puoi andare avanti così! Grida Sasha Negiverny davanti all’edificio del teatro.