TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Francia convoca gli ambasciatori di Stati Uniti e Australia

La Francia richiama i suoi ambasciatori dall’Australia e dagli Stati Uniti per protestare contro l’accordo sottomarino offerto tra i due paesi.

I paesi stanno ora lottando per cercare di riparare le relazioni danneggiate dall’accordo sottomarino di alto profilo di questa settimana.

Messaggio a riguardo così tanto Il duro e insolito segno diplomatico è arrivato venerdì sera tardi, un giorno dopo che Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia hanno annunciato di essere uniti in un patto di sicurezza chiamato OCOS.

Per quanto riguarda l’accordo, era chiaro che gli Stati Uniti e l’Australia avevano concordato un accordo sottomarino, il che significava che la Francia avrebbe perso un accordo sottomarino del valore di circa 40 miliardi di dollari, equivalenti a circa 347 miliardi di corone svedesi.

Washington si rammarica della decisione della Francia e spera di discutere la questione all’Assemblea generale delle Nazioni Unite la prossima settimana. Il Dipartimento di Stato americano, attraverso il suo portavoce, Ned Price, ha sottolineato che il Paese vuole mantenere il suo stretto legame con i francesi.

“La Francia è un partner importante e il nostro più antico alleato, e diamo il massimo valore alla nostra relazione”, ha affermato.

Anche dal lato australiano Si rammarica della lettera francese e spera che le relazioni amichevoli continuino.

“L’Australia comprende la profonda delusione della Francia per la nostra decisione, che è stata presa sulla base di una sicurezza nazionale chiaramente dichiarata”, ha dichiarato il ministro degli Esteri Marise Payne in una dichiarazione scritta in cui sperava anche in un’ulteriore cooperazione con la Francia.

Anche la Cina ha reagito bruscamente all’accordo tra i tre paesi. Pechino descrive la formazione dell’accordo come “estremamente irresponsabile” e minaccia la stabilità regionale nel Pacifico.

Pechino critica anche l’Australia per aver lavorato per prevenire la diffusione delle armi nucleari e per concludere l’accordo.

La Cina dice che i tre rischiano di essere “colpiti ai piedi”.

Ma il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato in un’intervista alla stazione radio 2GB che la Cina “ha ampi progetti per costruire sottomarini con capacità nucleare”.


READ  Reazioni acute contro la Bielorussia: "totalmente inaccettabile"