TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Finlandia revoca le restrizioni | GP

Quando l’80% di tutte le persone di età superiore ai 12 anni in Finlandia saranno completamente vaccinate, le restrizioni nazionali saranno completamente abolite, secondo la nuova strategia ibrida del paese.

Ma prima, la società finlandese ha iniziato ad aprirsi.

– Non aspetteremo di raggiungere l’obiettivo di un vaccino, ma inizieremo a eliminare gradualmente le restrizioni già ora, afferma il ministro per la famiglia e il benessere, Krista Quoro, secondo Yle svedese.

L’obiettivo sarà probabilmente raggiunto a metà ottobre.

Si propone di cancellare la regola

Ma c’è anche un freno di emergenza se la diffusione dell’infezione inizia a riemergere. “In questi casi, si torna a misure più critiche a livello nazionale per prevenire la diffusione del virus”, ha scritto il governo in una nota. comunicato stampa.

Lunedì il governo ha anche presentato una proposta per modificare la legge in Parlamento in merito alla cosiddetta regola dei due metri, che oggi significa che nei luoghi in cui c’è una certa diffusione della corona, è possibile richiedere una distanza di due metri per coloro chi resta. Dentro più di un quarto.

La legge prevedeva, tra l’altro, cinema e teatri, e si ritiene che abbia contribuito in parte all’aumento del tasso di vaccinazione.

Nella proposta di modifica della legge, si propone di eliminare il tempo e la distanza specificati, in modo che l’ente amministrativo regionale e i comuni possano fare la propria valutazione in base al contesto e alle segnalazioni Hovodstadsbladet.

Il 55 percento di tutte le vaccinazioni è completo

Con la sua popolazione di 5,5 milioni, la Finlandia è sfuggita all’epidemia con relativa facilità, rispetto alla Svezia.

READ  Rischio di tensione se Biden avesse ammesso il genocidio

All’inizio di settembre 1.030 persone sono morte a causa del coronavirus e 21 pazienti erano in terapia intensiva. A quel punto, l’80% della popolazione di età superiore ai 12 anni aveva ricevuto la prima dose del vaccino, mentre il 55% aveva ricevuto anche la seconda dose, secondo Istituto di salute e previdenza.