TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La battaglia per il cappello da dressage continua: un nuovo tentativo di cambiare le decisioni

La maggior parte delle persone pensa che l’ultima parola sia stata detta alla Battaglia del Cappello – che divise i cavalieri di dressage in due campi – ma ora la domanda è di nuovo rilevante.

Perché i difensori del cappello non intendono arrendersi. che è dressage-news.com Chi ha detto che quest’anno sta anche cercando di far ripensare la FEI, la FEI e l’Assemblea Generale, questa volta attraverso l’Organizzazione Equestre Europea (EEF).

Le federazioni tedesca e austriaca e l’International Dressage Riders Club hanno chiesto all’EEF di affrontare questo problema.

Il loro desiderio è quello di consentire ancora una volta un cappello per i corridori senior e U25 nei campionati così come nelle competizioni a quattro e cinque stelle.

“Non conosciamo alcun pilota che gareggi ad alto livello nel dressage e abbia subito un trauma cranico”, ha scritto l’EEF, secondo dressage-news.com.

In Svezia I caschi sono obbligatori nelle gare di dressage dal 2017. Tuttavia, nei principali tornei e competizioni internazionali, è da tempo che i cavalieri senior possono scegliere se vogliono cavalcare un cappello o un casco.

Alla fine del 2019, è stato riferito che la libertà di scelta si era interrotta. Per motivi di sicurezza, la FEI ha deciso di vietare il cappello e che dal 2021 sarà obbligatorio indossare il casco.

Un gruppo di motociclisti ha accolto con favore la decisione e ha pensato che il casco fosse semplice, mentre un altro gruppo voleva tenere il cappello. Tra questi c’era, tra gli altri, la star svedese del dressage Patrick Keitel.

La sicurezza, ovviamente, è molto importante. Ha detto che quando sono a casa in fattoria, metto sempre il casco, proprio come tutti gli studenti che sono con noi Patrick Keitel a DN.

READ  Rooster Frederick Wikingson a Ola Wenström su Viasatstudion

– Ma in quei minuti in cui sono in viaggio, voglio il mio cappello. Per me il cappello era speciale. Era una buona tradizione associata al dressage.

divieto di cappello In una petizione all’assemblea generale della federazione alla fine dello scorso anno, i sostenitori del cappello hanno chiesto la fine del divieto ancor prima che fosse attuato.

Tuttavia, il messaggio è arrivato troppo tardi e quindi non è mai stato trattato. Così le Olimpiadi estive di Tokyo sono diventate il primo torneo in cui tutti i cavalieri di dressage indossavano il casco.

L’Assemblea Generale si svolge questa settimana, questa volta ad Anversa, e sebbene la FEI abbia già detto no alla proposta dell’EEF di reintrodurre il cappello, intende sollevare la questione durante l’incontro.