TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Karen Erickson: è possibile tracciare una linea dall’attacco al World Trade Center all’assalto al Campidoglio

Le immagini del disastro si sono diffuse da Manhattan. Il sindaco di New York ha dichiarato lo stato di emergenza e ha affermato che le immagini di distruzione erano inimmaginabili e strazianti.

A poche settimane dal 20° anniversario degli attacchi al World Trade Center, la tempesta Ida ha spazzato la costa orientale e ancora una volta la città multimilionaria è rimasta paralizzata. Mercoledì sera, i passeggeri sono rimasti bloccati sui treni pendolari per molte ore senza elettricità, ventilazione, acqua, cibo e servizi igienici funzionanti.

Maltempo niente Un nuovo fenomeno negli Stati Uniti, ma il cambiamento climatico sta alimentando tempeste. È un promemoria di come il mondo è cambiato dagli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001. E altre minacce esistenziali sono solo diventate più forti. Forse la superpotenza è meno disposta ad affrontarli.

io DN Demolition Workers Report John Vail ricorda la comunità in quei giorni 20 anni fa, quando volontari e soccorritori da tutto il paese accorrevano per aiutare. C’era tanto amore, simpatia e gentilezza.

Ora è preoccupato per la direzione che stanno prendendo gli Stati Uniti, con le animosità tra i vari gruppi che crescono.

– È francamente disgustoso, dice.

Invece di un nemico esterno, c’è un decadimento interno

Il mondo è rimasto scioccato quando Le torri gemelle di New York sono crollate. Ma gli attentati terroristici sono stati in qualche modo interpretati come un ritorno alla normalità, dodici anni dopo la caduta del muro di Berlino.

Ancora una volta, sembra che ci sia un nemico esterno da combattere. La lotta della guerra fredda contro il comunismo doveva essere sostituita dalle battaglie delle guerre eterne contro gli islamisti. Molti hanno avvertito del conflitto tra diverse civiltà. Ma le lotte New Age per la cultura e l’identità si sono verificate non solo tra i continenti, ma anche all’interno dei paesi e tra i cittadini.

READ  “Sarà ovviamente limitato.”

Vent’anni fa gli Stati Uniti riuscivano a combattere il terrorismo con slogan per salvare la democrazia nel mondo. Oggi la democrazia e lo Stato di diritto vengono minati dall’interno. Invece di un nemico esterno, c’è un decadimento interno. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump è riluttante ad ammettere la sconfitta come lo era con i talebani in Afghanistan.

Puoi disegnarne uno Dall’attacco a New York nel settembre 2001 all’assalto al Campidoglio nel gennaio 2021, dalle guerre costose alla crisi finanziaria all’ascesa del populismo di destra e alla polarizzazione sempre crescente in un paese come gli Stati Uniti. Errori e blackout che hanno fatto dubitare delle persone al potere e hanno scelto un presidente molto negligente con la verità.

Vent’anni fa gli Stati Uniti entrarono in guerra uniti. Ora devono affrontare una pace profondamente divisa. Questo probabilmente rende più difficile affrontare le nuove minacce, anche quando si ha un’idea della gravità.

Le crepe tra i diversi gruppi sono molto grandi

Il nuovo presidente Joe Biden ha chiarito che la lotta al riscaldamento globale sarà una delle sue massime priorità nella politica internazionale, ora che le guerre eterne sono finite.

Il suo piano di transizione verde Si basa su ingenti investimenti. Ma nonostante il fatto che sempre più americani vedano le conseguenze del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana, potrebbe essere difficile per il presidente convincere gli oppositori politici della necessità di un’azione forte. Le fessure tra i diversi gruppi sono molto grandi.

Ancora una volta, c’è un’emergenza a New York. Ma la nazione non sarà salvata.

John Vail nel DN Demolition Report – potrebbe aver visto molte strutture non salvate ai suoi tempi.

READ  Hong Kong non dovrebbe onorare le vittime in Piazza Tiananmen

“Forse dovremo toccare il fondo perché l’umanità prenda il sopravvento”, dice.

Per saperne di più: Le tossine hanno invaso i nostri corpi dopo l’attacco terroristico.