TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jürgen Persson sulla vergogna di essere lontano dalla famiglia

Jürgen Persson sulla vergogna di essere lontano dalla famiglia

Jürgen Persson ha partecipato a sette Olimpiadi, ha vinto undici medaglie ai Mondiali e dieci medaglie d’oro ai Campionati Europei.

Due delle sue cinque medaglie d’oro sono state vinte alla Coppa del Mondo svedese a Chiba, in Giappone, nel 1991. Ma avresti potuto fermarti a un solo oro.

Nel suo discorso estivo, Pearson ha detto che dopo che la squadra ha vinto l’oro, era vicino all’eliminazione nella partita di singolo dei quarti di finale contro il belga Jean-Michel Saive.

Il belga ha vinto con facilità sia il secondo che il terzo set.

Sono diventato un po’ negativo. Ho chinato la testa e il mio linguaggio del corpo non era buono, dice Pearson Estate in P1, che va in onda domenica alle 13:00.

Gli ho dato una lima per l’orecchio: “Che diavolo è questo?”

Prima del quarto set, il suo caro amico e allenatore Stellan Bengson ha cercato di svegliare Pearson con un orecchio a spirale.

– Si è semplicemente alzato e ha ronzato. Mi ha dato un file di autorizzazione. Ho aperto gli occhi e ho detto “che diavolo è questo”. Poi ha detto “Sei in ottima forma, non lasciare che la stanchezza e il cattivo linguaggio del corpo arrivino. Ora stai guidando”.

– Non vedeva altra via d’uscita. Se mi fosse stato permesso di gemere, le cose non sarebbero andate così bene. Poiché mi conosceva così bene, si rivolse alla lima per l’orecchio. “Va bene, ora guidiamo,” dissi. E poi ha preso gli ultimi due set in sicurezza, dice Pearson, che in seguito ha sconfitto Jan of Waldner in finale.

READ  Non mi interessa che Giorgia Meloni sia una donna: lavora

Cattiva coscienza verso i bambini: ‘La famiglia doveva picchiare’

La carriera di Pearson è consistita in molti stage e in giro per il mondo, il che significa molti viaggi e assenze dai figli Oliver ed Emily e dall’ex moglie Madeleine.

– La famiglia doveva essere picchiata. Nel 1999 ci siamo trasferiti a Oslo ma avevo le Olimpiadi di Sydney ad aspettarmi. Trasferirsi in Norvegia come giocatore di ping pong è come trasferire lo skater Kläbo ad Halmstad. Quindi, per allenarmi contro una buona opposizione, ero più lontano dalla famiglia, dice Persson nel suo discorso estivo, che può essere ascoltato su Radio Svezia.

– Era difficile staccarsi dalla vita quotidiana della famiglia. Mi sentivo un estraneo nell’allenamento di calcio. Non credo di aver ricevuto una chiamata trimestrale a scuola.

L’assenza lo faceva sentire in colpa. Ma ultimamente si è calmato.

Ne abbiamo parlato molto ora che Oliver ed Emily sono più grandi, e poi hanno detto che quando ero a casa, abbiamo fatto molto insieme. Per me è stato bello sentirlo, perché a volte mi mordeva la coscienza.

Pearson parla anche della volta in cui è finito sullo stesso campo da golf dell’allora presidente degli Stati Uniti Bill Clinton.

Durante un incontro di beneficenza in Cina, il giocatore di ping-pong ha condiviso una palla con la star del calcio danese Brian Laudrup, il sindaco di Pechino e Clinton.

TV: il corrispondente di Expressen incontra Petros Morigarde