TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Joanna Verandin sulla Premier League: “Sogniamo un po’”

Superliga-UEFA è un caso giudiziario tra due potenze finanziarie, ma mette sotto i riflettori l’intera organizzazione calcistica.

Perché un gruppo di stakeholder privati ​​dovrebbe avere il diritto di contestare un’organizzazione che rende comprensibile la gerarchia dello sport?

Alla fine, tutto si riduce a una domanda retorica che avremmo dovuto farci molto tempo fa: sì, perché no?

Ricordi la sensazione di ebbrezza dell’aprile 2021, quando la base per una volta vinse una grande battaglia per il calcio. Gli oligarchi arrivarono (e poi se ne andarono), i principi si stabilirono nella loro patria e gli americani molto tempo fa fondarono le loro associazioni multi-club in Europa. Niente di tutto ciò ha incontrato una resistenza abbastanza significativa da cambiare rotta. Ma quando Florentino Pérez ha preso la parola e ha parlato del modello di calcio per club che ha guadagnato di più, di un campionato in cui solo i più forti sono accolti e la Premier League presentata come “la salvezza del calcio”, la risposta è stata comprensibile.

Le immagini dei tifosi annidati fuori dagli stadi con cartelli e striscioni che indicavano che i loro club non stavano salutando e che erano “tifosi, non clienti” erano rinfrescanti.

L’idea è ancora difficile da digerire

La domanda è se questa sia davvero la battaglia giusta che stanno combattendo.

Ero emozionato come chiunque altro quando la Premier League crollò nel giro di pochi giorni due anni fa. È emersa come un’impresa isolata, un club di reciproca ammirazione e narcisismo sportivo in cui nomi e stemmi dei club ostacolano il merito sportivo.

A due anni di distanza, faccio ancora fatica a digerire l’idea che il calcio debba liberarsi delle “partite poco attraenti” tra piccole squadre e grandi squadre, affinché i giovani non abbandonino completamente lo sport. Questo è uno degli argomenti della Premier League: quasi la metà dei giovani tra i 16 ei 24 anni non si preoccupa più del calcio, soprattutto degli ambigui terzi turni della fase a gironi della Champions League, a meno che non si tratti di un incontro tra due giganti.

READ  Risultati italiani

E allora, qual è la mia sensazione? L’interesse della gente per il calcio non è fine a se stesso, vero? Non stiamo parlando della parte di comprensione scritta del test di Pisa. Se la generazione TikTok pensa che una partita di calcio sia troppo lunga e noiosa, lascia che guardino i momenti salienti dopo. Lascia che mangino i pasticcini se contengono molto zucchero. Ritornano quando si stancano delle calorie veloci. Voglio mantenere le mie possibilità di successo. Il fatto che il vincitore del campionato serbo batta il Bayern Monaco in casa una volta su dieci è il motivo per cui il calcio è così interessante.

Non è una coincidenza

Diversamente da quello? Sì, altrimenti non avrei molta resistenza a opporre resistenza alla Premier League, almeno non come idea. Non come si è sviluppato di recente, con un modello di gioco sequenziale in diverse divisioni e un chiaro modello di solidarietà con entrate che raggiungono lo sviluppo dei talenti e il calcio femminile.

Non è un caso che i due club di proprietà, Real Madrid e Barcellona, ​​restino nella barca della Premier League, o che la società di famiglia Juventus sia stata l’ultima a disertare (posizione del club torinese dopo la sua defezione). L’intero consiglio di un anno fa non è del tutto chiaro). Si tratta di club che affonderanno nei debiti per generazioni per tenere il passo con giocatori del calibro di Paris Saint-Germain e Manchester City, la cui struttura proprietaria consente investimenti giganteschi da parte degli stati del Golfo. A22, che rappresenta i club della Premier League, insiste sul fatto che in futuro sarà assolutamente necessaria anche una qualche forma di regime di fair play finanziario, possibilmente a disposizione della UEFA.

READ  Foto della partita: Joachim Lamotte batte Victor de Almeida

Ma più interessante, ovviamente, è il dibattito filosofico-giuridico sul fatto se la UEFA eserciti o meno un monopolio e, in tal caso, se sia ragionevole. Simon Bank ha posto questa domanda l’anno scorso: pensi davvero che la UEFA stia giocando così bene le sue carte che la sua posizione dominante non dovrebbe mai essere messa in discussione?

Il giocatore del Real Madrid Ibrahim Diaz esulta dopo aver segnato un gol contro il Villarreal.

Viola le normative dell’Unione Europea

Nelle ultime settimane ho parlato con esperti legali, avvocati e lobbisti, esaminando testi legali impenetrabili e osservando potenziali precedenti di altri sport. È chiaro, qualunque sia l’esito della Corte di giustizia europea a Lussemburgo giovedì, che questo è un caso che aprirà la strada a qualcosa di più. Semplicemente perché è impossibile affermare che la UEFA e la FIFA non svolgano attività più o meno monopolistiche e che ciò contravvenga alle normative UE in tutti gli altri settori. Ma lo sport ha uno status speciale anche all’interno dell’UE, dove la sua integrità e commercializzazione sono in qualche modo protette dalla legislazione sportiva dell’UE. Ci sono ovviamente una serie di altri procedimenti legali che potrebbero influenzare la Corte di Giustizia Europea se ritiene che la UEFA abbia il diritto di sanzionare i tentativi di secessione con la squalifica. Se questa sentenza romperà lo status quo e ridurrà il precedente dominio di FIFA e UEFA, ciò si farà sentire nei prossimi anni. A lungo termine non riconosceremo il calcio europeo così come è organizzato oggi.

Naturalmente è difficile immaginare un caos economico e sportivo completo nel mercato del calcio europeo, dove nuove forme di competizione spazzano via completamente quelle vecchie – si è parlato di una lega del Benelux, o perché no di una variante scandinava –. Ma se un ricco sceicco dell’Arabia Saudita potesse acquistare subito un club inglese, potrebbe ovviamente organizzare un campionato a corto di soldi per diversi club in cinque anni. Per inciso, questo è più o meno quello che è successo con il tanto diffamato LIV Tour of Golf, una sorta di caso parallelo all’iniziativa della Premier League.

READ  L'appello della Nazionale ai tifosi nazionali: “Vivete più ladri”

Forse è qui che i tifosi entrano in gioco e diventano più importanti che mai. Quali forme di eroismo sei disposto a sostenere e intorno a quali forme potresti immaginare di organizzare un boicottaggio? Il lancio della Premier League ha dimostrato che i tifosi erano una forza da non sottovalutare. Naturalmente, i presidenti e i presidenti del club hanno preso atto della mossa commerciale dei rappresentanti del club nell’aprile 2021. Nessuno vorrebbe fare di nuovo lo stesso di Florentino Pérez. Se non sei più soggetto al forte sistema di gioco della UEFA e della FIFA, altri valori diventeranno più importanti: immagine, buona volontà e sostegno dei tifosi. Comunque sogniamo un po’, nei giorni che precedono la sentenza che potrebbe cambiare per sempre il calcio europeo.