TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vincitore dell’Eurovision Ruslana nelle montagne ucraine – in lotta per il suo paese

INTERVISTA ESCLUSIVA: Il vincitore dell’Eurovision è partito sulle montagne dell’Ucraina, in lotta per il suo paese

Non vuole pensare alla sua sicurezza.

La vincitrice dell’Eurovision Ruslana si descrive come “una delle leader del movimento nazionale” – e non ha mai intenzione di lasciare l’Ucraina.

– Ho soggiornato qui. Siamo soldati. Non sono più un artista, ora sono un soldato in guerra. Dice chi combatte per la pace.

Sarà anche una notte difficile Ucraina“.

quindi digita Ruslana Liszczko48, la prima volta che abbiamo comunicato.

Il giorno dopo, le chiesi se i sentimenti erano gli stessi per la notte successiva:

– Sì. Purtroppo. Sì.

La maggior parte degli svedesi la conosce solo per nome.

Ruslana.

Vincitore del premio Eurovision con l’energico spettacolo teatrale “Wild dances”, passato in pista con i concorrenti nel 2004.

Toby Ek di Aftonbladet intervista l’ex vincitrice dell’Eurovision Ruslana Lisichko che ora sta combattendo per la libertà dell’Ucraina.

Ruslana sul palco dell’Eurovision Song Contest 2004.

Ora si trova nei Carpazi nell’Ucraina occidentale.

– È vicino a Leopoli, vicino a Ivano-Frankivsk, vicino a Uzhhorod. È in quella regione, dice Ruslana, che è inclusa nell’elenco delle città ucraine di cui la maggior parte degli svedesi non ha mai sentito parlare.

– Abbiamo mobilitato volontari qui per aiutare in ogni modo possibile con questo disastro umanitario.

“Ho soggiornato qui”

Nella sua terra natale, Ruslana Lizhichko è conosciuta come più di una semplice vincitrice del concorso Eurovision. Dopo la vittoria, ha sostenuto la Rivoluzione arancione, che è stata per lo più manifestazioni pacifiche dopo le elezioni presidenziali che sono state annullate dalle autorità locali, dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti.

READ  Esperto: 'Molto teso' in Crimea dopo le esplosioni
“Sarà una notte difficile per l’Ucraina”. Una delle prime lettere di Ruslana al giornalista dell’Aftonbladet.

Nel 2006 è stata eletta alla Verkhovna Rada dove è rimasta per un anno, e dal 2013 al 2014 è stata attiva anche durante Euromajdan, manifestazioni politiche e talvolta violente per la democrazia, mentre i manifestanti occupavano Piazza Indipendenza a Kiev.

“Molte persone nel mondo fanno la guerra, con i giochi per computer, con la realtà virtuale, ma questa è una vera guerra. Non possiamo più giocare. Dobbiamo muoverci”. L’attivista politico ed ex vincitore dell’Eurovision ha chiesto aiuto a Ruslana per l’Ucraina.

– Abbiamo vinto l’Eurovision due volte, bellezza Ha vinto per la seconda volta. Ora è in Europa ed è attiva nel tentativo di mobilitarsi, dice Ruslana, a proposito del suo collega artista, che recentemente è fuggito dalla sua terra natale con i suoi figli.

– Ho soggiornato qui. Siamo soldati. Non sono più un artista, ora sono un soldato in guerra. Chi combatte per la pace.

Molte persone giocano alla guerra, ma è vero

Il suo nome e la sua fama in Europa consentono a Ruslana di comunicare. Ecco perché anche lei vuole dirlo. Durante un’intensa videochiamata, ho chiamato aiuto.

– Ti chiedo, non aspettare, non discutere, non seguire solo le notizie. Lavoriamo insieme, uniamoci e facciamo tutto il possibile. Certo, siamo abbastanza forti. L’Ucraina combatterà, non importa quanto tempo ci vorrà. Ma abbiamo bisogno di te, abbiamo bisogno del tuo supporto.

È determinata a rimanere in Ucraina, qualunque cosa accada.

– Assolutamente. Non si tratta della mia sicurezza. Viaggio e cerco di portare con me l’attrezzatura più importante per le persone, gli aiuti. Allo stesso tempo, posso pubblicare informazioni, foto e video in modo che tu possa capire cosa sta succedendo qui, dice.

READ  Grande incertezza in vista delle elezioni presidenziali libiche della vigilia di Natale

– Molte persone nel mondo stanno facendo la guerra con i giochi per computer e la realtà virtuale, ma questa è una vera guerra. Non possiamo più giocare. Dobbiamo muoverci.

Se i missili di Putin colpiscono Chernobyl… non voglio nemmeno pensarci

È giovedì sera. Ruslana Lisichko si descrive come potente, ma le sue preoccupazioni sono emerse quando è entrata a Chernobyl e come le forze russe hanno occupato l’area intorno alla centrale nucleare dismessa.

– Potrebbe essere Chernobyl 2. Se i missili di Putin colpissero Chernobyl… non ci voglio nemmeno pensare, dice.

– Sono molto preoccupato per la catastrofe ambientale. Putin sta cercando di distruggere le nostre infrastrutture, elettricità e centrali nucleari. Sarebbe terribile per tutti noi.

Poche ore dopo la nostra conversazione, sono arrivate le prime notizie di un incendio nella centrale nucleare di Zaporizhia, nel sud dell’Ucraina. Venerdì mattina era chiaro che le forze russe avevano preso il controllo della centrale elettrica, una delle più grandi d’Europa.

“Sono forte. Per me è molto facile lottare per il mio Paese”. Ruslana Lisichko sorride e mostra i suoi muscoli.

Ruslana alla conferenza stampa dopo aver vinto l’Eurovision Song Contest a Istanbul 2004.

Ad essere molto franco, non hai mai paura di cosa potrebbe succederti se la Russia riuscisse a conquistare l’Ucraina?

– Cominciare. Cominciare. Io sono forte. Per me è molto facile lottare per il mio paese. Questo è il mio stile di vita. Posso solo farlo. Non è giusto, riguarda me. Sono ucraino. Sono l’Ucraina.

Devo farlo e i miei genitori capiscono

La tua famiglia e i tuoi amici, sei preoccupato per loro?

READ  I serial killer negli Stati Uniti guidano le vittime in un carrello della spesa

– Siamo in posti diversi. Non sono con mia madre, mio ​​padre o mio marito. I miei genitori sono molto preoccupati per me. Perché sono uno dei leader del movimento nazionale. Ecco perché la mia vita non va proprio bene. Ma i miei genitori sono al sicuro, più o meno. Mio marito viaggia per aiutare dove può e io cerco di essere in posti dove posso fare lo sforzo e contribuire.

– Non penso mai a me stesso. Non credo che i miei genitori siano contenti che io sia molto attivo in questo. So che fa male ai loro cuori. Ma devo farlo e i miei genitori capiscono.

Cosa vorresti chiedere a tutti in Svezia che ti ascoltano e ascoltano le tue urla per chiedere aiuto?

– Ho molti amici e amo il tuo paese, abbiamo gli stessi colori sulle nostre bandiere e ricordo una grande prestazione a Stoccolma, ma ora non importa. Penso che tu capisca cosa significano libertà e indipendenza. Aiutaci a ottenere la libertà, aiutaci a essere indipendenti. Aiutaci a fermare questa guerra.

Ruslana ha celebrato la sua vittoria all’Eurovision 2004.
Inserito: