TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il tuo cervello diventa più forte con l’età

falso

Vecchia cattiva leggenda memoria Non si applica alla capacità di ricordare le parole e il loro significato. Il vocabolario aumenta fino all’età di 70 anni, probabilmente a causa dell’immagazzinamento delle parole in tutte le parti del cervello.

I nonni possono raccontare sempre le stesse storie, ma raramente è noioso, poiché spesso usano parole nuove ed eccitanti. Il nostro vocabolario aumenta per tutta la vita, anche dopo aver raggiunto l’età pensionabile.

Secondo un sondaggio online britannico, impariamo quattro nuove parole ogni giorno dall’età di tre anni fino all’età di sedici anni. Il vocabolario continua poi a crescere con due nuove parole al giorno durante la pubertà.

Lo psicologo Joshua Hartshorne della Harvard University di Boston, USA, è apparso in Studio dal 2015 Stiamo anche migliorando nell’uso attivo delle parole nel linguaggio.

In tutto il Web, hanno testato 21.000 persone di età compresa tra 10 e 71 anni, che avrebbero trovato sinonimi per una determinata parola. Nello studio, è stato riscontrato che la capacità di dire altre parole con lo stesso significato è aumentata in modo piuttosto continuo nel corso degli anni e che il vocabolario raggiunge il picco all’età di 68 anni.

Perché questo è il caso, i ricercatori non lo sanno, ma ampi studi scientifici Studio dal 2016 può dare un’idea.

Il neurobiologo Jack Gallant dell’Università della California, Berkeley, negli Stati Uniti, ha ripreso il cervello di sette soggetti mentre ascoltava per due ore storie lette da libri diversi. I risultati hanno mostrato che le parole venivano ricordate nella maggior parte della corteccia cerebrale e che le parole correlate erano vicine l’una all’altra più spesso.

Pertanto, il vocabolario non sembra essere collegato a una parte specifica del cervello, che è a rischio di deterioramento con l’età. Quando le parole invece si diffondono alla maggior parte delle parti del cervello, è necessario che parti molto grandi del cervello siano colpite per avere gravi conseguenze sul vocabolario.

parzialmente vero

Invecchiando ci dimentichiamo dove è stata parcheggiata l’auto o dove l’avremmo comprata al supermercato. Ma ricordiamo la conoscenza dei fatti e non dimentichiamo mai come allacciare i lacci delle scarpe.

La memoria si presenta in forme diverse, tutte hanno a che fare con i propri ricordi e le diverse variabili non sono influenzate allo stesso modo con l’età.

La memoria episodica è più colpita. Memorizza i ricordi delle esperienze, le nostre esperienze personali, i ricordi delle esperienze d’infanzia delle vacanze dell’anno scorso e quello che è successo al lavoro oa scuola all’inizio della giornata.

Questo tipo di memoria funziona meglio a metà degli anni ’30, dopo di che si deteriora con il passare degli anni. Questo è il motivo per cui man mano che andiamo cerchiamo sempre più l’auto o torniamo a casa senza comprare ciò che vogliamo.

READ  Gli esami del sangue e gli esami della memoria rivelano il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer - Metodo Scanian unico - Sydsvenskan

Esperienza dal 2000 Mostra come la memoria episodica e la nostra capacità di riconoscere qualcosa di diverso sono influenzate dall’invecchiamento. Un gruppo di giovani e anziani è stato introdotto per la prima volta da 16 parole. I due tipi di memoria sono stati poi testati in esperimenti separati.

In primo luogo, è stata testata la memoria episodica, che ha coinvolto le persone a scrivere tutte le parole che ricordavano.

I giovani hanno fatto meglio in quel tentativo. Quindi, i partecipanti sceglieranno 16 parole da un elenco che contiene anche altre 32 parole in ordine casuale per testare la loro memoria di riconoscimento. Poi i vecchi facevano praticamente come i giovani.

D’altra parte, l’età ha un effetto minore su altri sistemi di memoria, come la memoria semantica e la memoria procedurale. La memoria semantica è anche chiamata memoria della conoscenza, contiene tutte le cose concrete e basate sui fatti che sappiamo, come i nomi dei nostri familiari, che 2 + 2 = 4, che Londra è la capitale dell’Inghilterra. Questo sistema di memoria raggiunge il picco all’età di 60 anni.

La memoria procedurale ci ricorda come eseguiamo inconsciamente movimenti complessi e complessi come allacciare i lacci delle scarpe, suonare il pianoforte o andare in bicicletta. Gli esperimenti hanno dimostrato che quando gli anziani diventano più lenti o peggiori nell’esecuzione di questo tipo di routine, non è dovuto a problemi con la memoria dell’azione.

La spiegazione è probabile che le capacità motorie non siano più al loro apice e che i movimenti stiano diventando più difficili da eseguire, anche se la persona anziana ricorda bene come eseguirli.

falso

Immagina di essere parcheggiato in una città straniera e di scoprire che la tua auto a noleggio è stata parcheggiata e rimorchiata illegalmente. Proprio quando stai andando in aeroporto per restituire l’auto e poi viaggiare verso la prossima destinazione del tuo viaggio di andata e ritorno.

Se non hai tempo per effettuare il check-in all’ora esatta della partenza, devi saltare la destinazione successiva e acquistare un nuovo biglietto. Mancano appena quattro ore alla partenza, cosa farai? Se hai circa 50 anni, sei scientificamente alla tua età migliore per risolvere problemi così pratici e complessi, che richiedono esperienza, conoscenza, giudizio e capacità di pensare rapidamente.

I ricercatori giurano intelligenza Ha due componenti di base, chiamati intelligenza fluida e cristallizzata. L’intelligenza fluida corrisponde alla velocità del processore di un computer e descrive la velocità e l’efficienza con cui i neuroni del cervello comunicano tra loro quando risolvono un problema.

D’altra parte, l’intelligenza cristallizzata corrisponde al disco rigido di un computer e parla, tra l’altro, di quanta conoscenza ed esperienza devi attingere.

Entrambi i tipi di intelligenza sono importanti per risolvere i problemi e l’uno può compensare l’altro. Ad esempio, se la tua auto è stata precedentemente rimorchiata, conosci la procedura, che aumenta le tue possibilità di prendere l’aereo, anche se potresti non pensare e agire così rapidamente.

READ  Nuova ricerca: gli uomini dormono peggio delle donne quando...

in un Studio dal 2017 Il neurologo Xi Chen dell’Università del Texas a Dallas, negli Stati Uniti, ha dimostrato che l’intelligenza fluida inizia a diminuire dall’età di 25 anni, quando lo sviluppo del cervello è completo. D’altra parte, l’intelligenza cristallizzata aumenta man mano che impariamo cose nuove durante la vita e diminuisce solo all’età di 55 anni.

Xi Chen ha incaricato le persone di svolgere compiti complessi e ha scoperto che la capacità di risolvere i problemi si sviluppa per tutta la vita come un insieme di intelligenza di base.

Diventiamo più bravi a risolvere i problemi fino all’età di 50 anni, quando l’intelligenza cristallizzata è ancora in aumento. Ma poi, l’aumento è compensato da un declino più rapido dell’intelligenza fluttuante, così che generalmente ci vuole sempre più tempo per risolvere i problemi pratici.

Santo

Quando invecchiamo e iniziamo a sentire male, non è solo a causa dell’erosione dei minuscoli peli dell’orecchio interno e della sua incapacità di registrare le onde sonore. Inoltre, il cervello non è più molto bravo a filtrare il rumore di fondo e a formare un discorso significativo. Lo ha affermato un ricercatore canadese sul cervello Pascal Tremblay 2020 Con immagini cerebrali di 32 persone di età compresa tra 19 e 87 anni.

I loro risultati hanno mostrato che la corteccia cerebrale nel centro uditivo e in altre parti del cervello, che è coinvolta nella comprensione del linguaggio, si esaurisce gradualmente con l’età. Di conseguenza, una persona anziana ha meno cellule cerebrali per elaborare il discorso percepito dalle orecchie.

Le immagini hanno anche mostrato che le cellule cerebrali rimaste nel centro sanguinante hanno emesso meno segnali nervosi e quindi hanno funzionato in modo meno efficiente rispetto alle persone più giovani.

Qualcosa di simile al senso visivo, che occupa gran parte della capacità del cervello, si verifica quando le numerose impressioni visive vengono costantemente analizzate e decodificate.

I difetti fisici degli occhi stessi rendono difficile per gli anziani mettere a fuoco da vicino e vedere al buio. Allo stesso tempo, un cervello più debole significa che con l’età percepiamo anche i colori in modo diverso, abbiamo difficoltà a determinare la velocità e la direzione di un oggetto in movimento e non siamo più bravi a distinguere i dettagli fini. Ad un certo punto, una persona anziana può indebolirsi pensare Può essere rivendicato come un vantaggio, in particolare in termini di sensazione di dolore.

La neuropsicologa Anna Maria Gonzalez Roldan dell’Università delle Isole Baleari a Maiorca, Spagna, Mostra 2020 Gli anziani con un’età media di 67 anni hanno una soglia del dolore significativamente più alta rispetto ai giovani adulti di circa 21 anni.

Oltre al fatto che era necessaria una forte pressione sulla pelle affinché gli anziani potessero sentire il dolore, il dolore non era così grave come nei giovani. Anche qui la causa può essere localizzata nel cervello.

READ  Trattamento di successo nei topi del cancro infantile acuto

L’imaging ha mostrato che le reti nel cervello che collegano il dolore fisico al disagio mentale e alle emozioni negative operano meno fortemente negli anziani che nei giovani.

L’opposto era il caso di un’altra rete neurale tra il lobo frontale e il centro cerebrale emotivo. Lì, l’attività era più alta negli anziani, il che potrebbe coprire la capacità cosciente di ignorare il dolore.

falso

Il certo vecchio è un archetipo nei film e nella coscienza della maggior parte delle persone, ma non è così nella realtà. Quando invecchiamo, in realtà diventiamo più amichevoli e affettuosi.

Durante la vecchiaia dopo i 60 anni, la maggior parte delle persone diventa meno socievole, così come molti diventano meno aperti alle novità. Ciò si riflette, tra l’altro, in un aumento della coscienza, che indica come abbiamo sistematicamente e pianificato le nostre vite. Il fatto che diventiamo meno socievoli e apprezziamo la sicurezza dell’abitudine spesso ci porta a essere meno socialmente interattivi e quindi a rischiare la solitudine.

Molti anziani sono sempre più colpiti da ansia e pensieri negativi, che possono renderli tristi, arrabbiati o persino depressi. Ma questo stato d’animo è una conseguenza della solitudine e non una parte normale dell’invecchiamento, perché in effetti di solito diventiamo più accomodanti e di buon cuore.

Lo ha dimostrato lo psicologo Brent Roberts Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università dell’Illinois, negli Stati Uniti, nel 2006, quando ha valutato due tratti chiave della personalità, la gentilezza e la stabilità emotiva, in 50.000 persone di età compresa tra 18 e 80 anni.

Lì, i risultati hanno mostrato che lentamente ma costantemente siamo diventati più amichevoli con l’età e che questo sviluppo è continuato ininterrotto fino all’età della pensione. Lo stesso vale per la stabilità emotiva, il che significa che con l’avanzare dell’età diventiamo meno irritabili e, in generale, più a nostro agio con noi stessi.

I cambiamenti di personalità in una certa misura possono essere spiegati dal fatto che la ghiandola pituitaria che secerne ormoni nel cervello si restringe con l’età, il che cambia il livello di molti ormoni. Gli equilibri ormonali influenzano la crescita delle cellule cerebrali e le inducono a creare nuove connessioni neurali tra loro.

Inoltre, i cambiamenti nei neurotrasmettitori del cervello serotonina e dopamina svolgono un ruolo. Nel corso della vita, le fluttuazioni variano nella loro quantità nel cervello e nella sensibilità del cervello ad esse, che a sua volta influenza il modo in cui le cellule cerebrali inviano segnali nervosi l’una all’altra.