TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sindacato chiede salari più alti e forti investimenti nelle competenze

Il sindacato chiede salari più alti e forti investimenti nelle competenze

– Sono competenze preziose che stanno scomparendo, e lo vediamo dal 2014. Sono necessari enormi investimenti in salari e condizioni attraenti per trattenere dipendenti talentuosi ed esperti, attrarre nuovi laureati e sviluppare processi per creare servizi speciali e percorsi di carriera più chiari. Deve valere la pena restare e svilupparsi con l’azienda.

Dal 2014, l’Akademikerförbundet SSR ha concluso contratti collettivi senza numeri, il che significa che quando i partiti centrali negoziano l’accordo, non viene fissato alcun numero o livello per l’entità degli aumenti salariali. Ma dopo che gli aumenti salariali locali sono scesi al di sotto del livello del settore, ora i voti vengono raccolti tra i membri in seguito a un accordo numerato.

– SKR ha rallentato il ritmo degli aumenti salariali perché può, ed è stato sottolineato che lo fa per ragioni finanziarie. Dimostra che non è possibile gestire la costruzione di contratti senza numeri. Richiederemo quindi accordi con un numero minimo che terminino con lo stesso marchio di settore. Questo per creare una struttura salariale attraente per i laureati.

I comuni e le regioni soffrono di una crisi dei costi: potrebbe incidere sui salari?

– Questo è certamente il modo in cui penserebbe un datore di lavoro, ma con l’enorme bisogno di competenze di cui disponiamo oggi, dobbiamo investire per uscire dalla crisi economica. Non c’è altro modo se vuoi trattenere e assumere dipendenti qualificati.

Inoltre, la ricerca mostra che il turnover dei dipendenti costa molto denaro. Il costo del processo in cui una persona lascia l’incarico e qualcun altro viene nominato è compreso tra 300.000 e 500.000 SEK. Creare buone condizioni di lavoro nel tempo è un investimento, ma poi bisogna uscire dalla crisi economica.

READ  “Le aziende devono essere protette dalle bande”

Altre richieste dell’Associazione degli accademici della SSR sono di adoperarsi per ridurre l’orario di lavoro, ad esempio con più giorni di ferie o attraverso il cosiddetto calcolo dell’orario di lavoro; Per poter liberare il tempo di lavoro per le vacanze in modo più flessibile.

Il sindacato vuole anche rinnovare la sua dichiarazione d’intenti, che si occupa di luoghi di lavoro sani e sostenibili. Vogliono affrontare con nuovi mezzi i problemi ergonomici nei luoghi di lavoro vulnerabili, afferma Markus Vorberg.

Il settore comunale e regionale si distingue per quanto riguarda le assenze per malattia, oltre al fatto che minacce, violenza e disinformazione sono comuni, anche nei servizi sociali. Si tratta di una situazione lavorativa stressante in cui i gruppi professionali sono sotto pressione e in cui molti cambiano lavoro per adattarsi. Questo è inaccettabile, sono necessari investimenti per affrontare questo problema.

Tra le richieste del sindacato figura anche il clima. Il sindacato ritiene che i modelli su come un datore di lavoro può affrontare il clima a livello locale dovrebbero essere sviluppati dai partiti centrali.