TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rischio di rivelare che le persone vivono sotto un'identità protetta

Quando una delle amiche di sua figlia Louise stava per fare il passaggio, venne fuori una frase

Helen e la sua famiglia vivono sotto un'identità protetta.

Ma il cambiamento nel SEB significa che è visibile nell’app Swish, il che potrebbe mettere a rischio la loro sicurezza.

– La protezione stessa è importante da mantenere riservata in modo da poter godere di una vita normale. “È molto sconvolgente e il pericolo è che non possiamo restare dove viviamo adesso”, dice Helen.

Per diversi anni Helen e i suoi figli hanno avuto un’identità protetta. Ciò significa che le sfide della vita quotidiana sono tante e la famiglia ha bisogno di essere sempre un passo avanti per non correre il rischio di essere espulsa.

Ma recentemente è successo qualcosa che non avrebbero potuto prevedere. Da un giorno all'altro avrebbe detto “identità protetta” quando un'amica accarezzava una delle figlie di Louise.

READ  Apple prende in giro il fulmine - iPhone ottiene USB-C

-Non sapevi che vivevo sotto protezione personale e non dovresti saperlo neanche tu. Se ci dici questo, saremo ancora più in pericolo. “Ora dobbiamo decidere chi può accarezzarci”, dice Louise.

– La facciata che abbiamo tentato di costruire è stata completamente demolita. Tutto il nostro lavoro diventa privo di significato.

“Il pericolo è che non possiamo restare lì.”

Helen e Louise vivono sotto un'identità protetta.

Madre Helen crede che ora sia più difficile per loro socializzare con persone che non conoscono. Tra l'altro non possono partecipare ad attività ricreative o mangiare fuori con gli amici.

– La protezione stessa è importante da mantenere riservata in modo da poter godere di una vita normale. “È molto sconvolgente e il pericolo è che non possiamo restare dove viviamo adesso”, dice Helen.

Sono le banche stesse a controllare cosa dovrebbe essere visibile quando viene firmato un pagamento Swish. Ma la famiglia non ha ricevuto alcuna informazione dal SEB sul cambiamento. Helen ha contattato la banca per vedere cosa possono fare. Per non rivelare la sua identità ha voluto prenotare un incontro fisico, cosa che si è rivelata difficile.

– Ho detto che era urgente e volevo un feedback rapido. Poi hanno detto che dovevo definire l'argomento, cosa che non potevo fare. “Non potevano garantire una data e mi hanno chiesto di presentare un reclamo tramite il loro sito web”, afferma.

“Siamo persone, non agenti”.

Helen e Louise vivono sotto un'identità protetta.
READ  Sandro Tognati, 57 anni, è morto dopo aver ricevuto AstraZeneca

Le banche che offrono Swish hanno due opzioni. Viene visualizzato il nome completo oppure viene visualizzata l'”identità protetta”, scrive SEB in una risposta via e-mail all'Aftonbladet.

“La maggior parte delle altre banche ha già utilizzato l'opzione per mostrare l'identità protetta e ora SEB Bank ha scelto di fare lo stesso. Sfortunatamente, non siamo stati in grado di raggiungere direttamente tutti i clienti con l'identità protetta prima che la modifica entrasse in vigore, cosa di cui ci rammarichiamo. ” Come hanno scritto nella email.

Ora la famiglia sta vivendo un'enorme ansia per l'intera situazione.

– Dovrebbero tenere conto del fatto che siamo persone, non clienti. Avrebbero dovuto trasmetterlo in qualche modo. “Noi stessi sappiamo come affrontare questa situazione nel migliore dei modi”, afferma Louise.

Helen e Louise in realtà sono chiamate con un altro nome.