TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il quindicenne Emil ha rifiutato di andare in Italia

Emil Werner ha iniziato a giocare a calcio con suo fratello maggiore al Värmdö IF già all’età di cinque anni. Quando aveva sette anni, ha iniziato nella squadra dei ragazzi di Hummerby.

Quando Mid Eye incontra Emily nella sua villa a Colwick, le vacanze estive sono iniziate. A fine aprile, dopo essere stato scoperto da alcuni talentuosi scout in Coppa della Gioventù, è stato invitato a giocare per la squadra italiana Pharma.

È andato a Pharma per quattro giorni per incontrare e giocare con la squadra. Dopodiché, gli è stato assegnato l’appalto.

Come ti fa sentire?

– Questo è molto divertente. Il sogno è giocare all’estero.

Quando si consumerà?

– Ho detto di no davvero. All’epoca non sembrava giusto, semplicemente.

Invece, Emil ha recentemente scelto di firmare un contratto giovanile con Hummerby per la loro squadra U16 che gioca da 1,5 anni.

– Assegnando un contratto, il club dimostra di essere un giocatore che vuole investire, spiega.

Emil non è il primo in famiglia a suonare all’Hummerby. Suo nonno era Mats Werner, una vera icona Bajaj. Quindi, giocare lì è un divertimento extra.

– Soprattutto è un grande onore per me rappresentare Humphreys ma per tutta la famiglia.

Ma investire nel calcio non è sempre scontato. Dopo alcuni cambi di club perse la voglia di giocare e pensò di andarsene all’età di 12 anni.

– Allora non so cosa fare, non va bene.

“Sogna per avere successo”

Dopo una lunga riflessione, ha scelto di tornare dove aveva iniziato, il Värmdö IF, e ritrovare la gioia del gioco. Da allora ha recitato in Naka, Brommapojkarna e ora in Hummerby.

READ  Ora il festival del cibo inizia nella piazza di Kungsbacka

– Ho sempre sognato di vincere il calcio, ma non ho mai pensato di essere abbastanza bravo. Ho capito negli ultimi anni che posso raggiungere.

Nonostante sia contento del suo nuovo contratto con l’Hummerby, il sogno di giocare all’estero esiste ancora. Ma quando succede è meno importante, è l’unico club che può coltivare.

– Non importa se mi trasferisco nel prossimo anno o cinque.

All’inizio di luglio, Emil si recherà al campo nazionale della nazionale svedese a Holmstadt, dove la squadra Under 15 sarà selezionata per le partite internazionali contro la Finlandia quest’estate. Ora Emil crede di essere uno dei pochi che ha avuto l’opportunità di rappresentare i gialloblù.

– Devi andare lì e fare quello che puoi, dice.