TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Il prossimo Ryzen entro la fine del 2023”

“Il prossimo Ryzen entro la fine del 2023”

Con l’introduzione dell’architettura Zen, AMD ha promesso che in futuro consegnerà le prossime generazioni secondo i programmi promessi nei suoi piani di prodotto (roadmap ingegneristica). Dopo tutto ciò che è stato detto e fatto, l’azienda ha lanciato diversi altri sviluppi in una frenesia, e il prossimo è lo Zen 5, che sostituirà l’attuale serie Ryzen 7000 con Zen 4, lanciato nell’autunno del 2022.

Supporto per le generazioni future di processori
Sebbene questi nuovi prodotti siano server entry-level, il supporto della CPU non finisce qui e la piattaforma AM5 è supportata almeno fino al 2025. Anche la prossima generazione di processori desktop AMD Ryzen in arrivo entro la fine dell’anno sarà supportata su questa piattaforma AM5, quindi i clienti che acquistano questi server oggi hanno l’opportunità di eseguire l’aggiornamento alla successiva serie Ryzen 7000.

AMD ha precedentemente rilasciato una presentazione che potrebbe essere interpretata come il lancio di Zen 5 alla fine del 2023 o all’inizio del 2024, qualcosa che è ora stabilito da Gigabyte. In comunicato stampa Riguardo ai loro nuovi server, che utilizzano processori AMD consumer per mantenere bassi i prezzi, la società sta parlando di compatibilità futura e, con ciò, sta rivelando che la prossima generazione di processori AMD Ryzen verrà rilasciata entro la fine dell’anno.

Secondo AMD, l’architettura di Zen 5 sarà “tutta nuova”, il che dovrebbe invece essere interpretato come cambiamenti significativi rispetto a Zen 4. Le aziende che introducono un’architettura completamente nuova non accadono mai, e qui lo Zen originale era un’eccezione, poiché AMD avuto in precedenza Un fallimento di forma da parte del Bulldozer. Nonostante ciò, le parti considerate buone del predecessore sono state riutilizzate. Il passaggio a Zen 5 da Zen 4 sarà probabilmente paragonabile al passaggio da Zen 2 a Zen 3, dove l’aumento delle prestazioni per frequenza di clock (IPC) è stato sorprendentemente alto del 19% in media.

Dai dettagli emersi da Zen 5, ci sarà un design più ampio con un nuovo design fine dell’introduzione, che è la parte dell’architettura in cui il processore recupera i dati dalla cache o dalla memoria non elaborata e li prepara per l’esecuzione. AMD identifica anche miglioramenti specifici all’intelligenza artificiale (AI) e all’apprendimento automatico (ML), oltre, ovviamente, a una maggiore efficienza energetica.

La cosa che rende Zen 5 più interessante è la scelta della tecnologia costruttiva, o meglio, le opzioni al plurale. Con Zen 4, viene utilizzato 5nm di TSMC e Zen 4C utilizzerà 4nm, che nonostante il nome è solo una variante leggermente aggiornata del primo. Con Zen 5, AMD continuerà a utilizzare 4nm, ma anche 3nm, che è un nodo di processo completamente nuovo. Trasferire un’architettura da una tecnologia all’altra non è cosa da poco, ma l’investimento nello sviluppo costa questa cifra in centinaia di milioni di dollari USA.

Il fatto che Zen 5 sia stato lanciato su due diversi processi di produzione apre le porte ad AMD per utilizzare la stessa architettura per due generazioni, riavviando lo stesso hardware a 3nm con la seconda. Una tale manovra aumenterebbe l’efficienza energetica, si aprirebbe per ospitare più core nel processore e possibilmente consentirebbe frequenze di clock più elevate.

In conclusione, Gigabyte ribadisce quanto già detto da AMD, ovvero che Socket AM5 è qui per restare almeno fino al 2025. Pertanto, il presupposto ragionevole è che sopravviverà a un’altra build dopo Zen 5 prima che migrino su una nuova piattaforma. Per coincidenza, questo è lo stesso anno in cui dovrebbe essere pronto il prossimo standard di memoria, DDR6, che richiede il passaggio a un nuovo socket.

READ  Super Mario, Zelda e Pokemon venduti a milioni