TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il prossimo mandato di Trump potrebbe essere peggiore del primo

Negli Stati Uniti è già iniziato un nuovo tentativo di colpo di stato

Pagina di apertura Aftonbladet Indipendentemente un socialdemocratico.

Mercoledì era esattamente un anno fa USA: Conferenza I sostenitori di Trump lo hanno preso d’assalto nel tentativo di compiere un colpo di stato. La folla ha gridato che il vicepresidente Mike Pence sarebbe stato impiccato e diverse persone sarebbero morte. Più di 150 agenti di polizia sono rimasti feriti, molti in modo grave.

Nazisti e altri estremisti di destra hanno trasmesso l’attacco in diretta su Internet e il presidente non è intervenuto fino a poco più di tre ore dopo.

Le reazioni nel mondo esterno furono shock e un senso di irrealtà. Anche in Svezia l’attentato è stato condannato da tutti i gruppi politici.

Tranne uno.

L’unica eccezione è stata il quotidiano dell’SD Samtiden, dove il caporedattore Dick Erickson ha ammutolito tutti – tranne gli stessi autori – come responsabili.
L’errore è stato che “il libero dibattito è stato soffocato” o da “forze di sinistra nel mondo occidentale” che rappresentano “isteria climatica”, “cultura dell’insulto” e “utopie di sinistra liberali volte alla libera immigrazione, alla politica dell’identità e alle quote”.

e così via e così via.

Dick Erickson finì per riferirsi minacciosamente alla Rivoluzione americana.

“I governanti di oggi dovrebbero incontrare lo stesso destino? Dipende interamente da loro stessi”.

In Svezia, solo il giornale del partito SD ha difeso quello che è successo, ma dall’altra parte dell’Atlantico, Dick Erickson era solo uno della folla. Le bugie sulle elezioni e sui preparativi per un nuovo colpo di stato sono diventate il nuovo centro del Partito Repubblicano.

READ  Tutta New Orleans senza elettricità nel corso dell'uragano Ida

Nelle prossime elezioni presidenziali del 2024, il Partito Repubblicano probabilmente ci riproverà, questa volta più organizzato e più preparato. E ci sono riusciti.

Quindi, considereremo gli Stati Uniti una democrazia tra qualche anno?

La domanda dovrebbe essere posta, non la risposta data.

L’assalto al Campidoglio che molti pensavano fosse la fine Donald Trump Forse era solo l’inizio.

Gli studiosi iniziano a mettere in guardia contro i crescenti parallelismi tra gli sviluppi nei repubblicani e i partiti autoritari come gli ungheresi videoLegge e giustizia polacca e il Partito turco per la giustizia e lo sviluppo.

– Fidesz, l’AKP e il Partito Repubblicano negli Stati Uniti erano normali partiti democratici. Negli ultimi anni, l’AKP e Fidesz hanno mostrato incredulità nelle norme democratiche, ad esempio demonizzando gli oppositori, incoraggiando la violenza politica e mancando di rispetto alle minoranze. Inoltre, una volta al potere, “hanno seguito la parola” minando le istituzioni democratiche e la libertà politica, afferma Anna Luhrmann, professore associato di ricerca presso il V-Dem Institute dell’Università di Göteborg.

Nell’anno successivo all’assalto al Campidoglio, i repubblicani fecero del loro meglio per mettere a tacere l’accaduto. Hanno fatto di tutto per agganciare le indagini a quanto accaduto e hanno invece sistematicamente eliminato tutti i politici repubblicani non fedeli a Trump.

Ci sono stati anche omaggi sempre più franchi a Fidesz e al dittatore ungherese Viktor Orban.

Quando a novembre vaste sezioni della destra intellettuale americana si sono riunite durante la Conferenza nazionale dei conservatori in Florida, l’Ungheria è stata uno dei modelli da seguire.

Quando vediamo l’estremismo che si sta diffondendo ora nelle università americane, vale la pena guardare l’Ungheria. Orbán ha osato difendere il suo paese da queste idee. A differenza di molti dei nostri politici invertebrati, Urban si rende conto che è in gioco la civiltà stessa, ha affermato Rod Dreherr, un teorico conservatore che ora vive a Budapest.

READ  Lo studio mostra che Omicron non causa malattie più lievi

Contemporaneamente a questi cambiamenti politici a livello nazionale, negli Stati si lavora regolarmente per limitare il diritto di voto agli elettori che tradizionalmente votano democraticamente, come i neri e le minoranze.

Si tratta di decidere quando e dove votare e creare ostacoli burocratici intorno alle elezioni in modo che le persone si stanchino. Ma anche limitare la possibilità del voto per corrispondenza e abolire le funzioni autonome di controllo dei voti e dei risultati elettorali.

Dopo le ultime elezioni, Donald Trump ha personalmente esortato i funzionari della Georgia a “trovare” abbastanza voti per vincere, e in diversi luoghi i repubblicani hanno semplicemente cercato di rubare le elezioni e inviare elettori repubblicani a Washington nonostante la vittoria di Joe Biden.

Il fallimento è dovuto al fatto che funzionari e giudici fanno il loro lavoro e si rifiutano di manipolare l’esito delle elezioni.

Non sappiamo ancora quante di queste persone saranno sostituite nelle prossime elezioni, ma ci aspettiamo che i repubblicani tentino di nuovo simili trucchi. È discutibile se le istituzioni statunitensi resisteranno di nuovo.

La maggior parte delle indicazioni sono che il repubblicano che in questo caso sta per rientrare alla Casa Bianca è Donald Trump.

L’ispirazione dall’Ungheria è inquietante.

Viktor Orbán ha creato una guida su come smantellare la democrazia dall’interno. La sua ricetta è sostanzialmente semplice: minare le istituzioni.
Il dittatore ungherese ha iniziato a minare la libertà dei media, l’indipendenza della magistratura, il sistema educativo, la società civile e la legge elettorale. Pochi anni dopo, non fu praticamente possibile licenziarlo perché il sistema elettorale era truccato e l’opposizione divisa.

Aspettatevi che Donald Trump se ne occupi il più possibile.
Sicuramente riprenderà anche i suoi buoni rapporti con la Russia, a capo dell’Europa, e il suo disprezzo per gli alleati tradizionali. Resta da vedere se continuerà i suoi attacchi alla NATO, ma è chiaro il pericolo che un’amministrazione Trump II indebolirà l’Occidente e minerà la sicurezza dell’Europa.

READ  Corte suprema del Mali: nuovo presidente Kobe Guetta

Donald Trump è stato già abbastanza cattivo la prima volta. Ma forse dovremmo prepararci al fatto che il seguito potrebbe essere molto peggio.

A un anno dall’assalto al Campidoglio, è già iniziato un nuovo tentativo di golpe.

Inserito:

Iscriviti alla newsletter di Ledarredaktionen

Ricevi il miglior giornalismo d’opinione svedese con il cuore a sinistra, direttamente nella tua casella di posta.