TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il prezzo del carbone sta aumentando – I polacchi stanno pensando a come riscaldare le loro case quest’inverno – P1 am

Eric Sokolsky cambierà. Ora ha una maglietta ampia che indossava quando era al parco. Ne vuole uno pulito per il colloquio. Fuori fa caldo, le temperature estreme si sono diffuse in tutta Europa e anche qui – nella campagna fuori Bialystok nella Polonia orientale – sono state registrate temperature elevate. Ma ora, a luglio. Presto l’estate si trasforma in autunno e dall’autunno in inverno. Allora il calore è solo un ricordo del passato.

“Ecco il mio bollitore”, dice Eric, mostrandole un bollitore per il carbone. Appartiene a un terzo dei polacchi che riscaldano le proprie case con il carbone. Ha il suo deposito di carbone a pochi metri dalla caldaia.

Cerca di tirare fuori il foglio di compensato usato come porta della dispensa, ma è bloccato e dietro, spiega, è rimasto del carbone perché l’inverno scorso è stato mite.

Ma lo ha ancora Ha comprato della legna di recente, quindi potrebbe anche accendere un fuoco.

– È ancora la stagione delle vacanze, quindi le persone non si preoccupano troppo, ma la consapevolezza sta sicuramente crescendo e più ci avviciniamo all’autunno, la stagione del riscaldamento, più grande è il problema. Questo è ciò che l’esperta di energia Alexandra Jawlikowska-Vick ha affermato al Forum Energii, un think tank apartitico che lavora per la neutralità climatica.

Nell’aprile di quest’anno, il governo polacco ha imposto il congelamento delle importazioni di carbone russo. La Polonia produce il proprio carbone, ma gran parte del carbone polacco viene utilizzato per l’elettricità, mentre il carbone russo è ampiamente utilizzato per il riscaldamento delle case. Il blocco delle importazioni ha causato un drammatico aumento dei prezzi del carbone, afferma Alexandra Jawlikowska-Vick.

READ  Flera europeiska länder lättar på coronarestriktionerna

Dice di aver sentito parlare di come un sito web è fallito quando il carbone doveva essere venduto, perché le persone si sono sedute con i loro computer e hanno aggiornato il sito più e più volte, proprio come quando sono stati rilasciati gli ambiti biglietti per i concerti.

Il governo polacco ha Recentemente – su pressione dell’Unione Europea – ha cercato di ridurre l’uso del carbone, ma l’aumento dei prezzi ha spinto i politici al potere a trovare soluzioni per ridurre i costi del carbone nazionale.

Tra le altre cose, i requisiti di qualità per il carbone che può essere bruciato sono stati abbassati, quindi ora sul mercato ci sono anche varianti di qualità inferiore. La scorsa settimana è stata avanzata una proposta per una sovvenzione una tantum equivalente a circa 6.600 corone svedesi per le famiglie che utilizzano carbone. Eric Sokolsky si adopererà per questo.

– Certo, ci sono ancora pochi soldi, dice.

Sulla strada per un altro locale caldaia, in una casa a Białystok, una montagna di muscoli sussulta per il caldo, il Sanchez bull terrier, che appartiene al 77enne Edward Kaczynski. È passato da una caldaia a carbone al gas due anni fa, ma mantiene ancora la sua caldaia a carbone. Non sai mai cosa accadrà.

Si tratta di inverno, dice, a seconda del prezzo. Se il gas fosse più costoso, tornerebbe a usare il carbone.

Edward è esitante Sul fatto che richiederà sussidi governativi per il carbone, nonostante abbia una caldaia a carbone, poiché brucia principalmente a gas. Anche il prezzo del gas è aumentato, quindi si ritiene che il supporto sia sconsiderato. Tutti devono contribuire.

READ  La Finlandia chiede ufficialmente l'adesione alla NATO

È molto difficile per un paese come la Polonia pensare all’ambiente in questo momento, afferma l’esperta di energia Aleksandra Golikowska-Wick. Il governo sta cercando di garantire che le famiglie possano stare al caldo quest’inverno e per sopperire alla carenza di carbone russo, ora ne viene importato di più da altri paesi, come il Kazakistan, gli Stati Uniti, la Colombia e l’Australia.

– La sicurezza dell’approvvigionamento energetico dovrebbe avere la priorità quest’anno, afferma Alexandra Jawlikovska-Vick.

Di ritorno a Eric Sokolsky, nella campagna fuori Białystok, un vicino è venuto a controllare perché c’era un’auto sconosciuta nel cortile di Eric.

Il vicino si inserisce nella conversazione, indica altrove e dice che possiede foreste lì, nelle terre circostanti, e che è molto felice con loro in questi tempi. Eric dice che il prossimo inverno, e i prezzi del gas e del carbone, sono un punto di discussione. Certo, dice, e francamente afferma che d’ora in poi tutto è costoso e che tutti in qualche modo devono affrontarlo.