TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il nuovo metodo potrebbe migliorare il trattamento del diabete

Livelli elevati di zucchero nel sangue possono causare una serie di complicazioni nel diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Nel trattamento del diabete vengono attualmente utilizzati diversi farmaci per abbassare la glicemia, ma nessuno di essi può fermare il decorso della malattia.

Pertanto, per prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 1 e di tipo 2, è importante preservare la funzione delle cellule beta del pancreas che producono insulina.

La mancanza di ossigeno riduce l’attività delle cellule beta

Ma nel diabete, le cellule beta sono sfidate a produrre grandi quantità di insulina e uno studio del Karolinska Institutet mostra che questo porta a una mancanza di ossigeno. Ciò aumenta i livelli di proteina HIF-1a (vedi riquadro dei fatti), che a sua volta riduce l’attività delle cellule beta.

I ricercatori del Karolinska Institutet hanno ora identificato un nuovo farmaco che mantiene l’attività delle cellule beta che producono insulina e previene la glicemia alta nei topi.

Trattando i topi diabetici con l’inibitore HIF-1a PX-478, siamo riusciti ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue, afferma l’autore principale dello studio Erwin Ilegems, ricercatore presso il Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare del Karolinska Institutet.

Scoperto il Premio Nobel per la Medicina

La proteina HIF-1a (fattore 1a inducibile dall’ipossia) regola la risposta del corpo all’ipossia (ipossia).

La scoperta di HIF-1a ha vinto il Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina nel 2019 e questa proteina ha dimostrato di essere coinvolta in molte malattie diverse.

L’inibitore HIF-1α PX-478 è stato inizialmente sviluppato come farmaco antitumorale e ha dimostrato di essere ben tollerato negli studi clinici di fase I sui pazienti.

READ  Il cancro sta sviluppando una nuova classe di farmaci per trattare l'infiammazione e il cancro

I ricercatori sono stati in grado di dimostrare che l’effetto del PX-478 nel diabete è dovuto principalmente al miglioramento dell’attività delle cellule beta nel pancreas.

Il trattamento attuale esaurisce le cellule

Poiché è noto che la produzione di insulina diminuisce nel diabete, le precedenti strategie di trattamento si sono concentrate principalmente sul miglioramento della produzione di insulina nelle cellule beta.

Tuttavia, questo approccio non ha avuto il successo sperato.

Le attuali terapie mirate alle cellule beta hanno un effetto positivo temporaneo sulla secrezione di insulina. A lungo termine, questi farmaci portano all’affaticamento delle cellule beta, afferma Per-Olof Berggren, MD, professore presso il Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare del Karolinska Institutet.

Trattamento a lungo termine per il diabete

A differenza di altri trattamenti, PX-478 migliora l’attività delle cellule beta senza aumentare la secrezione di insulina. Quindi i ricercatori ritengono che possa impedire alle cellule beta di stancarsi e quindi essere più efficace nel trattamento del diabete a lungo termine.

I ricercatori ora hanno in programma di andare avanti e indagare se i risultati nei topi possono essere trasmessi agli esseri umani. La speranza è di poter testare la sostanza negli studi clinici.

Studio scientifico:

L’inibitore HIF-1alfa PX-478 mantiene la funzione delle cellule B del pancreas nei pazienti diabetici SScienze della medicina traslazionale.

chiamata:

Erwin Eligems, Ricercatore presso il Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare, Karolinska Institutet, [email protected]

Per-Olof Berggren, Professore nel Dipartimento di Medicina e Chirurgia Molecolare, Karolinska Institutet, [email protected]