TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il molo americano fuori Gaza è stato fatto saltare in aria

Il molo americano fuori Gaza è stato fatto saltare in aria

– I mercati sono pieni di cose di cui non necessariamente hai bisogno, quindi cosa facciamo con il latte Nescafè e Ayran? chiede retoricamente.

Questa settimana, gli Stati Uniti hanno sospeso le spedizioni di aiuti attraverso il molo che il loro esercito ha stabilito sulla costa di Gaza. Il maltempo e il mare mosso hanno danneggiato il molo dopo poco più di una settimana di utilizzo. Le onde hanno rimosso la struttura del ponte e hanno trascinato parti del marciapiede nell'area tra Ashkelon e Ashdod, sulla costa israeliana.

Inoltre, le consegne ai moli non sono state molto efficaci e difficilmente hanno compensato la carenza di cibo prevalente nella Striscia di Gaza. Ma gli abitanti di Gaza, soprattutto quelli che vivono direttamente a sud dell’area dove è stato costruito il molo, erano contenti dell’aiuto arrivato attraverso il molo. Molti uomini aspettavano con ansia i camion che trasportavano gli aiuti dal molo a Gaza – e ci sono stati dei saccheggi.

Foto: Maxar Technologies/AFP

Adesso difficilmente viene Qualsiasi aiuto a Gaza, soprattutto da quando il valico di frontiera di Rafah è stato chiuso da quando Israele ha invaso Rafah il 7 maggio, dice il giornalista Aziz Al-Kahlot, 45 anni, in una conversazione telefonica con DN.

– Le persone, soprattutto quelle che vivono nelle tende, vivono con ciò che rimane dei fondi di aiuto ricevuti in precedenza. Alcune persone mangiano solo noodles ogni giorno.

Al-Kahlout lavora in modo indipendente per alcuni media stranieri, quindi non ha problemi a comprare cibo. Ma non tutti a Gaza possono permetterselo.

Il giornalista indipendente 45enne Aziz Kahlot viene da Gaza City.  Lui, la moglie e i tre figli sono fuggiti più volte dopo lo scoppio della guerra in ottobre.  La famiglia ora vive a Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

Immagine: privata

-Comunque al mercato non c'è ciò di cui abbiamo bisogno, ma gli scaffali dei negozi sono pieni di Nescafè, cappuccino e yogurt. Abbiamo bisogno di cibo vero. Pollo, carne e verdure.

Prevale ampiamente Carenza di carburante dallo scoppio della guerra. Ciò significa che non è possibile cucinare il cibo e che i kohlut e molte famiglie non sempre hanno accesso all'acqua potabile. Al-Kahlot afferma che il prezzo di un container contenente 12 chili di gasolio è passato da 70 shekel israeliani prima della guerra a 1.500 shekel, che equivalgono a 4.500 corone svedesi.

Martedì il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha dichiarato che le riparazioni al molo richiederanno almeno una settimana. Verrà poi installato nuovamente sulla costa di Gaza.

– Negli ultimi due giorni, gli aerei militari hanno sganciato qui centinaia di pallet di cibo usa e getta. Ma nessuno di questi metodi sostituisce gli aiuti che arrivano attraverso i valichi di frontiera terrestri, afferma Al-Kahlot.

Quando le spedizioni di aiuti iniziarono ad arrivare attraverso il molo fuori dalla Striscia di Gaza, i camion furono saccheggiati.

Fotografia: Ali Hamad/AFP

Israele ed Egitto Israele non è riuscito ad accordarsi sulle spedizioni di aiuti dopo che i palestinesi hanno perso il controllo del valico di frontiera di Rafah.

Al semplice cittadino di Gaza non interessa chi controlla i valichi. Vogliamo che permettano il passaggio degli aiuti attraverso il valico di Kerem Shalom a Rafah. Al-Kahlot afferma che ogni giorno potrebbero passare 1.000 camion e le persone potrebbero mangiare cibo vero.

Per saperne di più:

La strada lunga e difficile per le spedizioni di aiuti a Gaza

Quasi un milione di persone fuggono da Rafah: “È difficile procurarsi il cibo”

READ  Alti funzionari ucraini si dimettono dopo uno scandalo di corruzione