TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Kosovo chiude due valichi di frontiera con la Serbia

Il confine tra Serbia e Kosovo nei Balcani è instabile.

La polizia kosovara ha chiuso due valichi di frontiera con la Serbia, ha riferito Reuters.

Il primo ministro del Kosovo Albin Kurdi.
Il primo ministro del Kosovo Albin Kurdi.

La NATO ha inviato un comunicato stampa.

Polizia all’interno Kosovo Dice di aver chiuso due valichi di frontiera con la Serbia, affermano i rapporti Reuters.

Secondo la polizia, i manifestanti serbi hanno bloccato diverse strade con camion pieni di ghiaia e macchinari pesanti. La polizia ha anche detto che c’era stato fuoco lungo il confine. Nessuno è stato segnalato ferito.

Disordini sono scoppiati ai valichi di frontiera in Kosovo a seguito delle proteste contro un ordine che richiedeva alle auto con targa serba di passare alla targa kosovara entro due mesi.

La decisione entrerà in vigore da lunedì. Ma durante la notte, il governo del Kosovo ha annunciato che le nuove regole sarebbero entrate in vigore tra un mese, ha riferito Nexta.

La decisione è rinviata

Il Kosovo ha anche deciso che tutti i cittadini serbi in visita nel Paese devono ottenere uno speciale documento di ingresso per attraversare il confine.

Il primo ministro del Kosovo Albin Kurdi ha confermato che la polizia era stata colpita dal fuoco al confine.

Il presidente serbo Aleksandar Vučić ha parlato dell’incidente e ha chiesto la calma.

– Abbiamo avuto colloqui con rappresentanti del popolo serbo del Kosovo e Metohija. Cercheremo di mantenere la pace, dice il presidente del Consiglio durante il discorso, riporta Nexta.

READ  Partnership Intercos legate alla ricerca dell'Università italiana, Laboratorio congiunto - WWD

La NATO è pronta ad agire

La NATO ne è uscita con uno comunicato stampa Dicono di essere pronti ad agire se la stabilità del Kosovo settentrionale sarà minacciata in futuro.

La Kosovo Force, KFOR, è una forza internazionale di mantenimento della pace a guida NATO che fa parte delle Nazioni Unite. La missione della forza è di mantenere la pace e la sicurezza pubblica in Kosovo.

Secondo il comunicato stampa, la KFOR si prepara a intervenire se il conflitto dovesse intensificarsi.

“La situazione della sicurezza pubblica nel Kosovo settentrionale rimane tesa”, osserva la NATO. Secondo Reuters, i caschi blu italiani sono presenti anche nella cittadina di Mitrovica, dove la maggioranza della popolazione è serba.

Le sirene dei raid aerei hanno risuonato per tre ore sulla cittadina la domenica notte.

Rifiuta di riconoscere le azioni kosovare

Circa 50.000 serbi che vivono nel Kosovo settentrionale guidano auto targate serba, i cui documenti personali rilasciati dalle autorità serbe si rifiutano di accettare documenti d’identità kosovari.

Il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza 14 anni fa ed è riconosciuto come stato sovrano da più di 100 paesi.

Nel cuore della notte, Carl Bildt ha twittato sugli eventi al confine tra Serbia e Kosovo. Dopo il suo periodo come primo ministro, Bildt ha agito come mediatore nel conflitto nei Balcani.

“Almeno una pausa nella potenziale crisi tra Serbia e Kosovo. È tempo di riprendere gli sforzi per calmare la situazione. Questa volta hanno prevalso le anime più ragionevoli”, scrive.