TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il futuro della verniciatura per la chip factory italiana di Intel

Quando il produttore di chip statunitense ha annunciato i piani nel marzo dello scorso anno, ha chiarito come Verrà distribuito un investimento iniziale di 33 miliardi di euro. Questi investimenti saranno incentrati sul “campus megachip” a Magdeburgo, in Germania, ma si espanderanno in Francia, Irlanda, Italia, Polonia e Spagna.

I piani di Intel per l’Italia investiranno 4,5 miliardi di euro in una nuova unità produttiva che creerà 1.500 nuovi posti di lavoro. Nel marzo 2022, la società ha dichiarato di aver avviato i negoziati con l’Italia e prevedeva di avviare le operazioni tra il 2025 e il 2027 se tutti i pezzi del puzzle fossero stati a posto. Ora non è così sicuro.

“Siamo in corso discussioni con l’Italia in merito a un impianto di produzione back-end all’avanguardia”, ha dichiarato Intel in una dichiarazione a Reuters.

Tuttavia, il CEO di Intel Pat Kelsinger ha accennato in una precedente intervista che i piani potrebbero subire battute d’arresto. Ha detto che l’Italia è solo uno dei numerosi paesi potenziali in fase di valutazione e una decisione dovrebbe essere presa entro la fine dell’anno.

“L’Italia è ancora nel calcolo, ma ci sono altri paesi candidati…decideremo entro l’anno”, ha detto Gelsinger citato dal quotidiano Il Corriere della Sera, aggiungendo di aver parlato con il premier italiano Giorgia Meloni.

Il ministro dell’Economia italiano, Giancarlo Giorgetti, aveva precedentemente affermato che il governo era impegnato a proteggere gli investimenti di Intel.

READ  Greta Turfgel: Gli hotel sono luoghi drammaticamente perfetti