TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fumo aumenta il rischio di morire di cancro alla prostata

È già noto che i fumatori hanno un rischio maggiore di sviluppare vari tipi di cancro, ma gli studi che hanno esaminato questa associazione nel cancro alla prostata sono stati relativamente pochi e spesso mancano di informazioni cliniche sul cancro alla prostata.

Uno studio dell’Università di Lund sta ora contribuendo a un quadro più completo della relazione tra il fumo e il rischio di malattie e morte nel cancro alla prostata.

I fumatori sembrano meno propensi a mettersi alla prova

I ricercatori sono partiti da cinque studi sulla popolazione svedese con informazioni autodichiarate sulle abitudini di fumo degli uomini.

I ricercatori hanno visto che durante il periodo di tempo in cui un test PSA era disponibile come parte del consueto screening sanitario nell’assistenza sanitaria, i fumatori generalmente avevano un rischio inferiore di sviluppare il cancro alla prostata. Questo vale solo per il cancro alla prostata localizzato, la forma più spesso rilevata in un test del PSA asintomatico.

Una possibile spiegazione per i fumatori che hanno un minor rischio di cancro alla prostata potrebbe essere che sembrano avere meno probabilità di avere un test del PSA asintomatico. D’altra parte, i fumatori hanno maggiori probabilità di morire di cancro alla prostata, che è qualcosa che abbiamo visto indipendentemente dallo stadio del tumore alla diagnosi, cioè in tutte le forme di cancro alla prostata, dal cancro a basso rischio al cancro metastatico, afferma Sylvia Jukims , ricercatore presso l’Università di Lund.

È importante determinare la causa delle scarse aspettative

Il rischio era del 20 per cento più alto tra i fumatori rispetto agli uomini che non avevano mai fumato. Il rischio aumenta ulteriormente se i fumatori sono anche in sovrappeso (BMI 25-30) o obesi (BMI superiore a 30). I ricercatori ritengono che ora sia importante determinare perché i fumatori hanno una prognosi sfavorevole per il cancro alla prostata.

READ  Il disturbo ossessivo-compulsivo prende in ostaggio il cervello

Dobbiamo capire di più se il fumo o altri fattori di rischio, come fattori sociali e demografici, stanno causando questa associazione. Un’altra questione importante è se il fumo stesso può influenzare l’effetto del trattamento clinico per il cancro alla prostata e se la prognosi può essere migliorata smettendo dopo una diagnosi di cancro alla prostata, afferma Tanya Stokes, ricercatrice dell’Università di Lund.

È così che è stato condotto lo studio sul fumo e sul cancro alla prostata

In totale, più di 350.000 uomini sono stati inclusi nello studio tra il 1974 e il 2016. Da allora, gli uomini sono stati seguiti per diversi decenni con l’aiuto di diversi registri nazionali, ad esempio il National Prostate Cancer Registry, che ha fornito informazioni su ciò che il tumore sembrava alla diagnosi e perché è stato rilevato e trattarlo.

Durante il periodo di ricerca, 24.731 dei partecipanti hanno sviluppato il cancro alla prostata e 4.322 sono morti a causa della malattia.

Un totale di 351.448 uomini sono stati inclusi nello studio. Di questi, 163.453 erano non fumatori. E 68.675 persone avevano fumato prima e 11.9320 fumavano.

Lo studio è in collaborazione con ricercatori dell’Università di Uppsala e Umeå e dell’Università di Medicina di Innsbruck.

Studio scientifico:

Fumo, rischio di cancro alla prostata e morte per cancro alla prostata: uno studio raggruppatoE Urologia europea .

Contatto:

Tanja Stokes, leader del gruppo di ricerca presso il Lund University Cancer Center e assistente professore di epidemiologia, [email protected]

Sylvia Jochems, Postdoctoral Fellow e Research Associate presso il Lund University Cancer Center, [email protected]