TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunisce in Bielorussia

Fonti diplomatiche hanno detto all’AFP che mercoledì il Consiglio di sicurezza terrà una riunione informale a porte chiuse per discutere gli sviluppi in Bielorussia.

I diplomatici affermano che è improbabile che il Consiglio di sicurezza accetti una dichiarazione congiunta e che la Russia, che ha un seggio permanente nel consiglio, probabilmente si opporrà.

Domenica le autorità bielorusse hanno costretto l’aereo Ryanair, in viaggio tra la Grecia e la Lituania, ad atterrare a Minsk. A bordo dell’aereo c’erano anche il giornalista e attivista bielorusso Roman Protasevi e la sua ragazza, la studentessa di giurisprudenza Sophia Sapija, che sono stati arrestati.

Sabija è una cittadina russa e il ministro degli esteri russo ha detto che verrà rilasciata, se non viola alcuna legge. Martedì, la Russia ha annunciato che era ancora trattenuta per sospetto di aver commesso un crimine in relazione alle proteste dello scorso anno contro il regime.

Il leader dell’opposizione Svetlana Tishanovskaya ha esortato gli Stati Uniti e i paesi del G7 ad accettare la sfida. Ha detto su Twitter che in una conversazione con il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden Jake Sullivan, ha invitato gli Stati Uniti a “isolare il regime e farlo passare attraverso le sanzioni”.

Condanna unanime

Allo stesso tempo, ha affermato che Protasevich sta probabilmente affrontando la stessa sorte di molte altre figure dell’opposizione in Bielorussia.

– Non c’è dubbio che Roman sarà torturato in prigione, ha detto, secondo l’Agence France-Presse.

Durante il vertice in corso a Bruxelles, i leader dell’Unione europea hanno deciso di condannare la Bielorussia.

Chiedono l’immediato rilascio di Protasevic e Sabega e sollecitano l’Organizzazione internazionale per l’aviazione, ICAO, a “indagare immediatamente su questo incidente unico e inaccettabile”. Inoltre, saranno messe in atto “sanzioni economiche mirate” contro bielorussi e cittadini bielorussi.

READ  4.000 immigrati privi di documenti in Cisgiordania ricevono documenti di identità

Il ministro degli Esteri svedese Anne Lind ha dichiarato in un commento scritto a TT che l’applicazione dell’aereo era “pericolosa e spietata”.

“La Svezia lavorerà con i nostri partner europei per garantire che vengano adottate sanzioni severe in risposta a questa misura senza precedenti”, afferma Linde. “L’azione della Bielorussia avrà delle conseguenze”.

La dichiarazione è arrivata dopo che l’ambasciatore bielorusso è stato convocato al ministero degli Esteri a causa degli eventi di domenica.

Voli in avanti

Air France, Finnair e Singapore Airlines sono le ultime compagnie ad annunciare che stanno cancellando o reindirizzando i voli attraverso la Bielorussia. Questo da quando lunedì l’Unione europea ha chiesto a tutte le compagnie aeree dell’Unione europea di evitare i voli attraverso lo spazio aereo bielorusso. E alle compagnie aeree bielorusse non sarà permesso entrare nell’Unione europea, né per volare né per atterrare.

“Diamo la massima priorità alla sicurezza dei nostri clienti e dei nostri dipendenti”, ha detto ad AFP un portavoce di Singapore Airlines.

Tra l’altro, SAS, Lufthansa e Air Baltic hanno già annunciato lunedì di aver iniziato a seguire le raccomandazioni dell’Unione Europea.

Anche la Gran Bretagna, che ha recentemente lasciato l’Unione Europea, si è unita alla Union Line e ha incaricato gli aerei britannici di liberare lo spazio aereo dalla dittatura. L’Ucraina annuncia di aver deciso anche di sospendere i voli da e per la Bielorussia.

Fatti: governo autoritario

La Bielorussia è governata dal 1994 dal presidente Alexander Lukashenko e dal suo governo autoritario.

Il Parlamento ha poteri molto limitati. In pratica, Lukashenko e il suo governo controllano direttamente o indirettamente l’intero apparato di potere. Il presidente della repubblica ha il diritto di emanare decreti, qualsiasi tipo di legge che non deve essere approvato dal Parlamento.

READ  L'Unione Europea sconsiglia i viaggi in Finlandia.

Per vari motivi ufficiali, i critici del regime che vogliono candidarsi alla presidenza o al parlamento vengono respinti. Solo i candidati approvati dall’autorità elettorale hanno il diritto di tenere riunioni elettorali.

L’opposizione a Lukashenko è sempre stata debole e dispersa e la capacità di agire dei partiti di opposizione è stata fortemente ridotta. Molti politici sono stati molestati dalla polizia, arrestati, deportati o semplicemente scomparsi.

Ma per quanto riguarda le elezioni presidenziali del 2020, i critici del regime sono riusciti ad accumulare un sostegno sempre più aperto di quanto non lo sia stato da molto tempo, sebbene l’opposizione continui a operare in condizioni molto difficili.

Tutte le elezioni presidenziali dal 1994 sono state considerate antidemocratiche.

Fonte: Landguiden / UI