TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il calcio “Bore” ha dato la medaglia d’argento nel 2016 – e ora la squadra nazionale giocherà per una medaglia

Era presente il re Carlo XVI Gustavo. L’intera squadra svedese ha incontrato la stampa al Villaggio Olimpico di Rio de Janeiro.

Era il giorno dopo che si era assicurato uno storico ultimo posto nel calcio olimpico femminile in una punizione snervante contro il Brasile.

Il portiere Hedvig Lindahl e il centrocampista Lisa Dalkvist sono diventati campioni per la seconda partita consecutiva, dopo aver mandato ai rigori i campioni del mondo USA. E ora la Germania stava aspettando il leggendario Maracanà.

Quando è stato allora? L’attaccante svedese Lotta Schilling è stato circondato dai giornalisti su una panchina al sole Le è stato chiesto scherzosamente se si fosse riqualificata come centrocampista difensivo.

lo sfondo? Quando Pia Sundag ha assunto la carica di capitano della Svezia quattro anni fa, si parlava di ritmo e tifosi. Ma a Rio, è stato un solido sforzo difensivo che ha aperto la strada a quello che sarebbe poi diventato uno argento.

“Abbiamo semplicemente deciso che avremmo trovato il modo di vincere”, ha spiegato Sundhage in quel momento.

– E ‘bellissimo? Sì, se ti piace il gioco difensivo, è bellissimo. Se ti aspetti grande gusto e molte opportunità per i gol, non sembra buono.

Stella del portiere americano spero solo Gli svedesi hanno chiamato un branco di codardi La squadra è stata criticata per aver giocato a calcio noioso.

Non mi tocca la schiena, ha detto Shilin – francamente, come Kosovar Aslani – anche un giocatore chiave nelle Olimpiadi di Tokyo di quest’anno – durante la soleggiata conferenza stampa a Rio:

– Abbiamo vinto questo. Puoi dire quello che vuoi sul fatto che sia un calcio noioso e tutti sanno che amo le partite offensive. Ma alla fine il calcio è molto di più.

READ  "La febbre dell'hockey regna sovrana e ricordo una meravigliosa storia di UFO."

Re Carlo XVI Gustavo e la nazionale di calcio femminile prima della finale olimpica del 2016 a Rio. Dalla squadra olimpica di quest’anno, Jonah Anderson, Stena Blacksteinius, Magdalena Erickson, Amanda Elstedt, Sophia Jacobson e Caroline Seeger possono essere viste nella fila superiore e nella fila inferiore, Kosovar Aslani e Olivia Shaw.

Foto: Joel Marklund/Bildeberan

Sundhage led Svezia anche durante l’Europeo 2017, che è stato deludente con la Svezia già uscita ai quarti di finale.

È stato detto Altri paesi hanno superato la Svezia come pioniera del calcio femminile.

La Svezia è ancora incredibilmente brava nel gioco difensivo. È qui che abbiamo la nostra grande conoscenza, ma per quanto riguarda le altre parti, è abbastanza chiaro che non abbiamo avuto successo nella competizione”, ha detto il portiere della nazionale Hedvig Lindahl mentre il nuovo capitano della nazionale Peter Gerhardsson, che ha assunto lo stesso. Generale, lei ha parlato di trovare chiarezza e struttura – anche nell’attacco:

– Importante almeno quanto avere una struttura difensiva.

Il 2019 ha rilevato la “nuova nazionale” Bronzo ai Mondiali di Francia. E quando la Svezia inseguirà una nuova medaglia olimpica a Tokyo quest’estate, avrà un obiettivo diverso rispetto al 2016. Questo è ciò che dice l’allenatore della Svezia Marika Domanski-Livors.

– Abbiamo fatto un grande torneo a Rio. Era molto vicina a una medaglia d’oro, dice il manager della squadra nazionale prima di continuare:

– Negli anni successivi, abbiamo fatto grandi passi avanti quando si tratta di rimanere al sicuro nel nostro gioco e nel nostro atteggiamento nei confronti del gioco. Da qualche parte, questa squadra è diventata una squadra così sicura del proprio gioco che, come piace a me, gioca molte partite offensive e lo fa con grande velocità e profondità.

– È molto divertente da guardare.

Sotto la guida di Pia, siamo arrivati ​​in finale difendendoci. Ma il modo in cui Peter vuole giocare è molto più avanzato.

Capitano della squadra Caroline trascinerà Spiega il cambiamento:

– Sotto la guida di Pia, abbiamo raggiunto la finale difendendoci. Ma il modo in cui Peter vuole giocare è molto più avanzato.

immagine 1 da 2
Lena Hurtig, Fridolina Rulfo e Sophia Jacobson sono tre abili olimpioniche offensive in Svezia.

Foto: Michael Eriksen/Bildeberan

immagine 2 da 2
Le kosovari Asllani e Magdalena Eriksson hanno partecipato – qui durante gli accesi allenamenti prima della prima olimpica di quest’anno contro gli USA a Tokyo – e hanno conquistato l’argento alle Olimpiadi del 2016.

Foto: Daniel Stiller/Bildeberan


Concorrenza offensiva La squadra è più grande che mai.

La squadra di Tokyo include nomi come l’attaccante della Juventus Lina Hurtig, la nuova professionista del Barcellona Fridolina Rulfo, firmata dall’Everton, Anna Invigaard, firmata dal Bayern Monaco con Sofia Jacobson, la giocatrice del Wolfsburg Rebecca Blomqvist e la svedese Stena Plaxtenius. A questo si aggiunge la stella del Real Madrid Kosovaro Aslani in un ruolo offensivo a centrocampo.

– Non posso lamentarmi delle ultime Olimpiadi, hanno preso l’argento, dice Hurtig, che non era con il 2016.

– Ma l’attacco è sicuramente qualcosa che abbiamo migliorato da quando Peter è intervenuto. Abbiamo dimostrato anno dopo anno di andare in quella direzione.

indigeno kosovari Il difensore del Chelsea Magdalena Ericsson e l’attaccante del Rosengard Olivia Shaw erano a Rio.

La Svezia è diventata una squadra più divertente?

– Penso di sì. Comunque, queste sono le nostre intenzioni, dice Erickson.

Anche al WC 2019 era chiaro che ci fossimo mossi e che avessimo la nostra impronta sul gioco. Abbiamo un’idea chiara del gioco e una chiara ambizione che vogliamo giocare a un calcio offensivo.

Schouf afferma che la Svezia ora è migliore del 2016 e continua:

Anche se abbiamo avuto una grande Olimpiade, potremmo non aver giocato come volevamo. In queste Olimpiadi, parto dalla sensazione che dobbiamo dimostrare di aver fatto passi avanti negli ultimi anni. Penso che abbiamo un’altra dimensione nel nostro gioco offensivo.

Penso che abbiamo un’altra dimensione nel nostro gioco offensivo.

indigeno kosovari Descrive la differenza come “notte e giorno”.

Oggi giochiamo un tipo di calcio completamente diverso. Il modo in cui giochiamo ora è sicuramente qualcosa che preferisco, anche se è stato il modo in cui abbiamo giocato che ci ha portato alla finale.

La stella e allenatore della nazionale.  I kosovari Aslani e Marika Domansky Lifors.

La stella e allenatore della nazionale. I kosovari Aslani e Marika Domansky Lifors.

Foto: Ludvig Thunman / Bildbyrån

Dopo il Campionato Europeo nel 2017, la Svezia è stata criticata per aver perso contro altri paesi. Come si chiude il divario?

Ancora una volta la responsabile della squadra nazionale Marika Domansky Lefors:

Ci sono sempre discussioni del genere quando giochiamo a tornei senza medaglie.

– Ma in qualche modo abbiamo difeso la sostenibilità in Svezia e abbiamo sempre lavorato per fare più passi. In effetti, non eravamo particolarmente nervosi quando si diceva che altri paesi avevano attraversato il confine e che avremmo dovuto essere lasciati indietro. Da qualche parte stiamo andando molto bene nel calcio svedese, stiamo ottenendo ottime giocatrici per la squadra nazionale femminile.

Capitano della squadra e capitano della lega.  Caroline Seeger e Peter Gerhardson durante i preparativi per le Olimpiadi.

Capitano della squadra e capitano della lega. Caroline Seeger e Peter Gerhardson durante i preparativi per le Olimpiadi.

Foto: Daisuke Asauchi / Bildbyrån

Leggi di più:

La Nazionale continua a inginocchiarsi alle Olimpiadi: “È importante manifestare per i diritti umani”

Le star svedesi devono supplicare altri atleti sulla distanza: “Se significa che sei antipatico, deve essere così”