TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I social media dovrebbero decidere la libertà di espressione?

Le probabilità che l’ex presidente Donald Trump riesca nelle sue cause su Twitter e Facebook sono scarse.

Ma il caso solleva una questione importante.

È plausibile che alcune grandi corporazioni abbiano effettivamente potere sulla libertà di parola?

Donald Trump ha fatto causa a Twitter e Facebook dopo che è stato chiuso.

Donald Trump ha fatto causa a Twitter e Facebook dopo che è stato chiuso.

immagine: AP

Donald Trump Il destino mostra la posizione di monopolio delle principali piattaforme social.

Quando è stato sospeso dal lavoro dopo aver incitato l’assalto al Campidoglio il 6 gennaio, Trump ha cercato di minimizzare il divieto. Almeno avvierà la propria piattaforma social e guadagnerà denaro attraverso di essa o troverà altri modi per connettersi con i suoi elettori.

Il suo tentativo si concluse con una imbarazzante sconfitta.

Il blog che ha aperto non ha ricevuto alcun visitatore e lo ha chiuso silenziosamente dopo 29 giorni.

Per altri aspetti, è stato indirizzato a “comunicati stampa” e-mail dalla sua affiliata Save America. I messaggi infiammabili ricordano molto i suoi tweet con la differenza che a volte sono più lunghi.

Grazie alla sua popolarità, Trump è riuscito a mantenere il potere sul Partito Repubblicano, ma ha perso il contatto quotidiano con i suoi elettori e con i milioni di altre persone negli Stati Uniti e nel mondo che seguivano i suoi resoconti.

Non è stato dimenticato, ma è quasi completamente scomparso dagli Stati Uniti e da altri media di tutto il mondo. La sua influenza sulla politica e sul dibattito pubblico è stata indebolita.

La ragione principale di ciò, ovviamente, è che non è più il presidente degli Stati Uniti. Quindi, non è più l’uomo più potente del mondo. Il suo interesse per ciò che ha da dire è diminuito drasticamente.

Ma è del tutto possibile che sarà di nuovo il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali del 2024, quindi è ancora importante conoscerne le ragioni.

Ho ricevuto un cartellino giallo

In qualche modo, ovviamente, era del tutto plausibile che Facebook e Twitter avrebbero almeno chiuso temporaneamente Trump. Usa le piattaforme per diffondere menzogne ​​su presunte frodi elettorali. Questo nonostante il fatto che tutti i tribunali e le altre istituzioni abbiano respinto con veemenza le accuse di frode.

Ha anche ricevuto un cartellino giallo quando alcuni dei suoi tweet erano dotati di testi di avvertimento. Prima che il rosso venisse ad incitare.

La causa di Trump contro Twitter, Facebook e Google è un tentativo quasi disperato di costringerli a farlo rientrare. L’ex presidente si è reso conto di quanto stesse perdendo influenza commentando.

Le sue possibilità di farlo bene sono molto scarse.

La libertà di espressione è costituzionale, ma allo stesso tempo le aziende private sono libere di stabilire le proprie condizioni per ciò che potrebbe accadere sulle loro piattaforme.

Allo stesso tempo, molti americani e cittadini di altri paesi sono scettici sul ruolo dei giganti come poliziotti per la libertà di parola. È davvero plausibile che abbiano quel potere?

Non da ultimo tra gli elettori di Trump, c’è una percezione diffusa che stiano abusando del loro potere. Negli Stati Uniti, all’inizio dell’anno, ho incontrato molte persone che sono state sospese o hanno cancellato i loro record e sono state ritenute imbavagliate.

I giganti dei social media hanno un dilemma. Sono tenuti a fermare le menzogne, l’odio e il razzismo. Ma quando agiscono, raramente pensano molto, vengono criticati anche per questo.

Richiede una risposta

Ma se non si valutano loro stessi, chi lo farà? C’è bisogno di qualche tipo di organizzazione? La Commissione Europea, ad esempio, ha presentato proposte per nuove leggi che regoleranno ciò che può accadere sulle piattaforme social.

La domanda è complessa ma alla fine richiede una risposta sotto forma di regolamento o legislazione.

La possibilità o il rischio, a seconda del modo in cui la vedi, che la causa di Trump non porti mai a un processo è imminente, ma potrebbe comunque trarne vantaggio.

Sta attirando l’attenzione e ricordando ai suoi elettori l’opinione prevalente nel battaglione Trump del Partito Repubblicano, secondo cui i social media li trattano in modo diverso in modo negativo.

Ha anche la possibilità di raccogliere più soldi. Sul sito web, ha iniziato a sollecitare gli altri a sostenere la causa, takeonbigtech.com, e la prima cosa che appare è un pulsante per donare denaro al premier American Policy Institute di Trump.

Inserito:

READ  I rottami industriali dell'Unione Sovietica creano una palestra unica a Kiev