TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I giovani palestinesi e israeliani si sostengono a vicenda

Una volta al giorno, i giovani parlano di ciò che sta accadendo a Gaza e in Israele. Sono palestinesi e israeliani, di età compresa tra i 15 ei 25 anni, che si sono conosciuti tramite l’Organizzazione per il consolidamento della pace a Gerusalemme. La leader della conversazione Sarah Pearl Benazera dice che hanno bisogno di parlare.

– Quello che stanno passando questi ragazzi non è normale, dice a DN.

Il Jerusalem Peacebuilding Team organizza campi e attività per i giovani palestinesi e israeliani. Qui hanno l’opportunità di parlare delle loro esperienze e di sentirsi parlare l’uno dell’altro. Parlano di paura e trauma, di quello che hanno passato i loro parenti più anziani, dell’Olocausto e di come le famiglie palestinesi sono state costrette a lasciare le loro case.

I normali processi di pace avvengono dopo la fine di un conflitto. Sarah Pearl Benazera afferma che in Israele e Palestina stiamo cercando di portare avanti un processo di pace nel mezzo di un conflitto in corso.

Sarah Pearl Benazera dice che i giovani che partecipano alle attività dei costruttori di pace a Gerusalemme hanno obiettivi diversi. “Alcuni vogliono che gli altri ascoltino. Altri sono curiosi. Alcuni sono traumatizzati dal tempo trascorso nell’esercito israeliano e hanno bisogno di essere curati”, ha detto.

Foto: privato

Combattimenti leali Il conflitto in corso viene descritto come il peggiore nella regione dal 2014. Il conflitto su chi ha il diritto di risiedere nella zona residenziale di Sheikh Jarrah ha portato a un’escalation tra l’esercito israeliano e il movimento islamista di Hamas che governa Gaza. Si dice che più di 100 persone, compresi 30 bambini, siano morte a Gaza. Si dice che otto persone siano state uccise in Israele. La notte prima di giovedì sono scoppiati scontri di strada in diverse città d’Israele. Un autista arabo e un uomo ebreo sulla trentina sono stati giustiziati.

Il giorno successivo, centinaia di palestinesi e israeliani si sono schierati fianco a fianco per protestare contro la violenza. In circa 30 luoghi in tutto Israele, le persone si sono radunate per prendere parte a manifestazioni per la pace, dice Alon Lee Green, che partecipa al movimento Stand Together.

Penso che abbiano partecipato circa 5.000 persone. Le persone si sono radunate a Gerusalemme in quattro luoghi diversi. Dice che è stato fantastico vederlo.

Standing Together si descrive come un movimento popolare che lotta per la pace e l'uguaglianza.  Dopo i combattimenti dei giorni scorsi, il movimento ha organizzato marce di protesta intorno a Israele.

Standing Together si descrive come un movimento popolare che lotta per la pace e l’uguaglianza. Dopo i combattimenti dei giorni scorsi, il movimento ha organizzato marce di protesta intorno a Israele.

Foto: Stiamo insieme

Stare insieme vuole vedere una soluzione a due stati, Israele e Palestina che vivono fianco a fianco. Come i costruttori di pace a Gerusalemme, il movimento include membri palestinesi e israeliani. Alon Lee Green dice che l’obiettivo delle manifestazioni è ottenere un’audizione dal governo israeliano, che dice non funziona per la gente.

Affermano di avere a cuore la nostra sicurezza, ma queste guerre in corso tra Israele e Gaza difficilmente creano alcuna sicurezza. C’è una forte volontà nella società israeliana di porre fine a questo circolo vizioso, ha detto.

Durante la settimana che Le battaglie e gli omicidi nelle strade di Israele hanno fatto temere alla gente di uscire. Alon Lee Green dice che è difficile descrivere quanto fossi inorridito nel vedere le immagini della violenza.

In città come Giaffa, abitate da ebrei e arabi, si avverte tensione. Ma non ci tireremo indietro. Se non usciamo e non facciamo sentire la nostra voce, chi lo farà?

Sarah Pearl Benazira lavora per creare luoghi di incontro sicuri per i giovani palestinesi e israeliani.  Non basta parlare di hummus e falafel.  Dice che stiamo parlando di oppressione, ingiustizia e sofferenza.

Sarah Pearl Benazira lavora per creare luoghi di incontro sicuri per i giovani palestinesi e israeliani. Non basta parlare di hummus e falafel. Dice che stiamo parlando di oppressione, ingiustizia e sofferenza.

Foto: privato

Anche Sarah Pearl Benazira non ha rinunciato alla speranza di un futuro migliore per i giovani con cui lavora.

– Non c’è lotta eterna. Guarda la Francia e la Germania che si odiavano a vicenda. Ora, dopo due guerre mondiali, sono migliori amici.

Durante le chat video quotidiane, i giovani parlano molto di ciò che leggono nei media e vedono sui social media, e di come sono diverse le cose tra israeliani e palestinesi. Ma non tutti sono in grado di parlare in questo momento, dice il leader della conversazione.

– Siamo in uno stato di crisi. È difficile provare compassione quando hai paura.

Occorre cercare di capire le prospettive degli altri, dice Sarah Pearl Benazera. Ma lei pensa che i giovani abbiano comunicato tra loro prima e lo faranno di nuovo.

Come mantieni la speranza?

– I giovani mi motivano. Sono tutto questo, non io. Se potessi dare loro un po ‘di sostegno, farli sentire ascoltati e visti, aiutarli a provare compassione e avere la forza di andare avanti … allora forse ho fatto tutto quello che potevo dal mio tempo sulla terra, dice.

Per saperne di più: La disputa di Sheikh Jarrah: questo è accaduto

Per saperne di più: 10.000 palestinesi sono fuggiti dalle loro case a Gaza

READ  Una coalizione debole potrebbe essere l'inizio della fine per Netanyahu